laRegione
30.06.20 - 09:06

Commercio al dettaglio, forte aumento delle vendite in maggio

Crescita del 6,6% grazie all'allentamento delle misure adottate per contrastare la diffusione del coronavirus

Ats, a cura de laRegione
commercio-al-dettaglio-forte-aumento-delle-vendite-in-maggio

Forte aumento delle vendite del commercio al dettaglio nel mese di maggio, grazie all'allentamento delle misure prese per lottare contro il coronavirus: il fatturato, tenendo conto dei giorni festivi, è cresciuto in un anno del 5,6% in termini nominali e del 6,6% in quelli reali.

L'andamento in termini reali, spiega l'Ufficio federale di statistica (Ust) in una nota, tiene conto del rincaro. Rispetto al mese precedente, il giro d'affari destagionalizzato ha presentato una crescita del 30,2% in termini nominali (+30,7% in termini reali).

Senza tener conto delle vendite dei distributori di benzina, nel mese in rassegna il settore ha fatto segnare una progressione del fatturato dell'8,2% in termini nominali (rispetto a maggio 2019) e dell'8,9% in termini reali.

Nelle sotto-categorie prodotti alimentari, bevande e tabacchi, le vendite sono aumentate, sempre rispetto a maggio 2019, del 20,8% in termini nominali (reali: +20,1%). In controtendenza il comparto non alimentare, che ha fatto segnare una contrazione del 3,2% in termini nominali (reali: -1,7%).

Ha riguadagnato terreno la categoria "altri oggetti di uso domestico in esercizi specializzati" (+16,5%; in termini reali +18,4%), mentre le vendite del ramo "altri prodotti (articoli di abbigliamento, medicinali, orologi e articoli di gioielleria)" (-20,8%; in termini reali -20,2%) hanno continuato a diminuire, anche se in modo meno marcato rispetto ad aprile. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
6 gior
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
1 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
2 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
2 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
2 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
3 sett
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
3 sett
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
4 sett
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
4 sett
La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia
Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
1 mese
Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022
Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
© Regiopress, All rights reserved