laRegione
le-pmi-svizzere-prevedono-esportazioni-al-minimo-storico
Foto d'archivio
Economia
25.06.20 - 10:160

Le Pmi svizzere prevedono esportazioni al minimo storico

Il calo del clima del settore e la relativa crisi sono legati strettamente alla pandemia di covid-19. Secondo un sondaggio, le aziende temono il futuro

Esportazione al minimo storico per le piccole medie imprese svizzere, attive nel panorama internazionale. È quanto è emerso dal rapporto elaborato da Credit Suisse sulle prospettive del settore export nel secondo semestre del 2020. Una crisi legata alla pandemia di coronavirus.

Secondo l’attuale sondaggio di Switzerland Global Enterprise (S-GE) alla fine del primo semestre 2020, il 65% delle Pmi ha registrato una contrazione delle esportazioni. Secondo l’81% degli intervistati la pandemia ha conseguenze negative, in particolare a causa del crollo della domanda e del fatturato. Per il secondo semestre soltanto il 39% delle Pmi prevede un aumento dell’export.

Secondo l'indagine, condotta tra l’inizio di maggio e l’inizio di giugno 2020, circa due terzi delle Pmi svizzere intervistate vedrà diminuire le sue esportazioni nel primo semestre del 2020. La pandemia presenta conseguenze negative a livello commerciale per l’81% degli intervistati, derivanti in particolare dal crollo della domanda, dalle perdite nelle vendite e di fatturato nonché dalla mancanza dell’affidabilità delle aspettative e di sicurezza nella pianificazione. Volgendo lo sguardo al secondo semestre del 2020, il 39% delle Pmi prevede un aumento delle esportazioni, il 23% una stagnazione e il 38% un’ulteriore diminuzione.

Effetti della crisi nettamente evidenti

Gli effetti della crisi del coronavirus sono nettamente evidenti anche nel barometro delle esportazioni di Credit Suisse che rappresenta la domanda estera di prodotti svizzeri. Il valore di aprile pari a -2,59 è stato battuto soltanto durante la crisi finanziaria nel 2008. A maggio 2020 il barometro delle esportazioni è salito nuovamente al valore di -1,54, posizionandosi tuttavia ancora nettamente al di sotto della soglia di crescita.

Tiziana Hunziker, economista presso Credit Suisse, afferma: «Le misure di protezione statali e lo stop della produzione hanno portato a interruzioni nelle catene di approvvigionamento internazionali causando un blocco degli investimenti. Presumiamo che la maggior parte degli esportatori abbia raggiunto il livello più basso ad aprile. Per quanto riguarda le esportazioni del settore Mem nei Paesi asiatici, ad aprile avevano già mostrato una tendenza al rialzo, tuttavia le perdite di reddito e l’aumento della disoccupazione persisteranno ancora a lungo. I settori particolarmente dipendenti dalla fiducia dei consumatori, come l’industria orologiera, dovranno attendere ancora a lungo prima di una ripresa».

Alberto Silini, responsabile Consulenza presso Switzerland Global Enterprise (S-GE), dal canto suo constata che «la crisi del coronavirus ha frenato il commercio globale. Le PMI svizzere attive a livello internazionale sono fortemente colpite da questo crollo che riflette chiaramente il livello più basso nella storia del clima delle esportazioni. Il nostro sondaggio mostra tuttavia che nel frattempo numerose aziende si sono stabilizzate e tornano a guardare con ottimismo al futuro. Dopo una fase caratterizzata dalla gestione della crisi, le PMI svizzere devono ora adattare rapidamente le proprie catene del valore alle nuove realtà e ritornare nei mercati target con una strategia migliore rispetto alla concorrenza internazionale. La diversificazione dei mercati e delle fonti di approvvigionamento nonché l’utilizzo di strumenti che tutelano dai rischi di cambio e da ulteriori rischi di esportazione giocano un ruolo importante in questo contesto».

TOP NEWS Economia
Economia
1 gior
Tesla, negli Usa chiesto il ritiro di 158mila vetture
L'agenzia americana per la sicurezza stradale ha rilevato problemi legati all'esaurimento della memoria nel computer di bordo
Economia
3 gior
Verso nuova ondata di soppressioni di impieghi in Svizzera
Lo rileva uno studio realizzato dall'azienda attiva nella consulenza per le risorse umane von Rundstedt. Sempre più importante la rete di contatti personali
Economia
3 gior
Ubs sopprimerà 44 filiali in Svizzera, tre in Ticino
La conferma arriva da Axel Lehmann, responsabile per la Svizzera dell'istituto bancario elvetico
Economia
3 gior
I media: 'Ubs pianifica di chiudere 40 filiali in Svizzera'
Lo annunciano le testate Ch-Media citando fonti interne. Il colosso bancario non commenta
Economia
4 gior
PwC Svizzera e Fidinam avviano una collaborazione
Venticinque collaboratori di PwC verranno integrati nella società ticinese per implementare il progetto Abacus
Economia
4 gior
Migliora la reputazione dell'economia svizzera nei media
La percezione dell'economia locale si è sviluppata positivamente nonostante il Covid grazie in gran parte al settore finanziario
Economia
5 gior
Gli investitori guardano al 2021 con forte ottimismo
Secondo i principali analisti la ripresa economica sarà più robusta del previsto
Economia
5 gior
Apple e Google, la gara dei 'frenemies'
In realtà le due giganti dell'high-tech dipendono l'una dall'altra e lavorano insieme
Economia
1 sett
Anche la disoccupazione è pandemica
Salito il tasso dei senza lavoro sia in Svizzera che in Ticino dove sfiora il 4%. Boom di lavoro ridotto e di persone alla ricerca d’impiego
Economia
1 sett
Trasporto aereo e coronavirus, a novembre stop alla ripresa
Nel mese di novembre il traffico aereo ha registrato il -70,3% di passeggeri in meno rispetto allo stesso mese dell'anno precedente
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile