laRegione
caduta-vertiginosa-dei-posti-di-lavoro-disponibili
Economia
23.06.20 - 08:120

Caduta 'vertiginosa' dei posti di lavoro disponibili

Adecco Svizzera fotografa la situazione economica dovuta al Covid e indica la situazione ben più grave della crisi finanziaria del 2008-2009

La pandemia ha fatto crollare il numero di posti di lavoro vacanti nel secondo trimestre dell'anno. La caduta – secondo uno studio di Adecco Svizzera – è stata "vertiginosa". Una situazione ben più grave rispetto alla crisi finanziaria del 2008-2009. E più colpita la Svizzera latina. Nell'arco di tre mesi, tra aprile e giugno, le offerte di lavoro sono calate del 27% in Svizzera, afferma l'azienda del lavoro temporaneo, che oggi ha pubblicato il suo Swiss Job Market Index in collaborazione con l'Università di Zurigo.

Alberghiero e ristorazione i settori usciti con le ossa rotte

"Praticamente tutti i settori della vita pubblica sociale, economica e culturale si sono dovuti fermare da un giorno all'altro, per prevenire la diffusione incontrollabile del Covid-19. Di conseguenza, sono particolarmente colpitele professioni in cui il contatto personale è di primaria importanza e viene gestito in modo molto tempestivo, come ad esempio nel settore dell'ospitalità e dei servizi alla persona", afferma Anna von Ow dell'Istituto di Sociologia dell'Uni di Zurigo. Il settore alberghiero e della ristorazione così come quello dei servizi alla persona subiscono il calo più forte, con un -39%, seguiti dal commercio e dalle vendite, dal segmento uffici e amministrazione e dal management e organizzazione (-35% per tutti e tre). L'industria (-21%) e la salute (-22%) sono meno colpite.

Secondo Adecco Svizzera, le diminuzioni più contenute sono state registrate nel settore della tecnologia e delle scienze naturali (-17%) e in quello delle costruzioni e delle finiture (-18%). Alcune professioni non sono state in grado di invertire la tendenza, nonostante la possibilità di ricorrere al telelavoro, come il settore bancario, finanziario, contabile e assicurativo, i cui posti di lavoro vacanti sono diminuiti del 19%. "Partiamo dal presupposto che la situazione attuale accelererà i processi di trasformazione, portando a un'ulteriore automazione e digitalizzazione dei processi di produzione e di lavoro", afferma Monica Dell'Anna, ceo di Adecco Svizzera.

Svizzera latina messa peggio

La Svizzera latina, più gravemente colpita dal coronavirus, registra una riduzione leggermente maggiore del numero di annunci di lavoro rispetto alla parte tedescofona del Paese. La regione del Lemano (insieme al Vallese) e l'Espace Mittelland - che comprende i cantoni di Friburgo, Neuchâtel, Giura e Berna - hanno registrato il calo maggiore, pari al 29%. Nella parte di lingua tedesca, tutte le aree geografiche hanno registrato cali superiori al 20%. La Svizzera orientale ha registrato un calo del 24%. Secondo Anna von Ow, la Svizzera sta attraversando una crisi che attualmente è molto peggiore delle precedenti, in particolare quella finanziaria del 2008-2009, quando l'impatto è stato meno "improvviso".

"L'aspetto positivo è che si è raggiunto il fondo. Il numero di annunci di lavoro si è stabilizzato a un livello basso dopo il brusco crollo delle prime tre settimane. Ma non possiamo ancora parlare di una chiara inversione di tendenza. Ciononostante, si spera in una ripresa relativamente rapida. Nel confronto internazionale, la risposta alla pandemia della Svizzera è ottima, grazie alle rapidissime misure di politica economica attuate", afferma Dell'Anna.

 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
10 ore
Swisscom, solida crescita nel primo semestre
Aumentando le entrate nei primi sei mesi dell'anno, la società di telecomunicazioni ha visto l'utile netto fare un balzo del 42,1% nell'arco di un anno
Economia
11 ore
Swiss, pesante perdita nel primo semestre
La compagnia aerea soffre parecchio nei primi sei mesi dell'anno. Il fatturato è sceso del 43,5%. Quasi 8 milioni di passeggeri in meno rispetto al 2019
Economia
1 gior
Valiant prosegue la crescita nel primo semestre
Per l'intero anno, il gruppo bancario bernese si aspetta un utile netto stabile
Economia
2 gior
Banque Cramer & Cie SA: risultati semestrali in forte progressione
L'utile semestrale è cresciuto del +243%, raggiungendo i 4,3 milioni di franchi al 30 giugno
Economia
5 gior
Epidemia, molti restituiranno in fretta i crediti Covid 
Andreas Gerber, responsabile della clientela commerciale di Credit Suisse: "L'economia non lavora volentieri con debiti nei confronti dello Stato"
Economia
6 gior
Schizza alle stelle l’utile della Bns nel primo semestre
Guadagni per 43,5 miliardi di franchi, in crescita del 55,6% su base annua. La ragione va ricercata nell’andamento del mercato dei cambi.
Economia
1 sett
Nestlé, volano le vendite di prodotti alimentari
Tale crescita non si registrava da anni: i dati battono ampiamente le attese degli analisti
Economia
1 sett
Credit Suisse, un secondo trimestre in caduta
Il secondo istituto finanziario svizzero paga le conseguenze del caso Archegos e Greensill
Economia
1 sett
Casse pensioni svizzere, grado di copertura a livelli record
È quanto emerge dall’analisi periodica condotta da Swisscanto. La ragione principale: il buon andamento dei mercati borsistici.
Economia
1 sett
Il 25% delle vendite potrebbe presto spostarsi sull’online
Boom di acquisti sul web, negozi sotto pressione: anche in Svizzera la tendenza si rafforza. Lo rivela uno studio della società di consulenza Alvarez&Marsal.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile