laRegione
I dati del mese di maggio (archivio Ti-Press)
Economia
18.06.20 - 15:050

Maggio segna una ripresa dell'import

I dati dell'Amministrazione federale delle dogane: le importazioni sono progredite del 10%, mentre le esportazioni sono diminuite dell'1%

Segnali di timida ripresa per il commercio estero svizzero, dopo lo storico calo di aprile sulla scia della pandemia di coronavirus: rispetto al mese precedente in maggio le esportazioni sono diminuite (al netto degli effetti stagionali) dell'1% a 16,5 miliardi di franchi, mentre le importazioni sono progredite del 10% a 13,6 miliardi.

Entrambi i dati assoluti si trovano comunque a un livello nettamente inferiore a quello registrato in marzo, quando il valore delle merci in uscita sfiorava i 19 miliardi e quelle in entrata i 16 miliardi, emerge dai dati pubblicati oggi dall'Amministrazione federale delle dogane (Afd). In aprile era poi avvenuto il crollo, con rispettivamente -12% e -22%.

In maggio l'export ha quindi continuato a scendere, ma in modo assai più moderato, mentre l'import è tornato a salire. Le variazioni indicate (per la precisione: -1,2% e +9,8%) sono in termini nominali: in termini reali (cioè corrette dell'effetto dei prezzi) si sono attestate rispettivamente a -0,2% e +13,0%. La bilancia commerciale ha chiuso con un'eccedenza di 2,8 miliardi di franchi.

Nel confronto con aprile i vari settori d'esportazione hanno mostrato andamenti assai differenti. Quello chimico-farmaceutico, che aveva tenuto bene il mese prima, mostra ora una contrazione nominale del 6% (a 9,6 miliardi). Il secondo ramo più importante, quello delle macchine e dell'elettronica, segna -1,5% (a 2,1 miliardi). Sostanzialmente stabile (-3% a 1,1 miliardi) è anche il comparto degli strumenti di precisione. Sembra invece volersi orientare a una ripresa il segmento orologiero (+94%): gli 0,7 miliardi osservati rappresentano comunque una cifra assai lontana dagli 1,4 miliardi di marzo.

A livello regionale, la flessione dei prodotti con il marchio della balestra ha interessato soprattutto l'Asia (-14% a 3,1 miliardi) - con il -9% del principale mercato, quello cinese - e il Nordamerica (-3% a 3,3 miliardi). In Europa si è per contro assistito a un incremento del 3%: le forniture verso Italia e Francia, che già in aprile erano scese ai livelli più bassi da circa 20 anni, si sono ulteriormente ridotte, rispettivamente del 16% e dell'11%. Ha trainato invece il principale paese di sbocco dell'export, la Germania (+7% a 3,2 miliardi).

Sul fronte delle importazioni, il Nordamerica segna una diminuzione del 12% (ma i numeri assoluti sono relativamente contenuti: 0,8 miliardi), mentre Asia ed Europa sono in progressione, rispettivamente del 13% (a 3,1 miliardi) e del 12% (a 9,6 miliardi). Spicca la ripresa dell'attività con Italia (+32%) e Francia (+18%).

Di scarsa rilevanza per il commercio estero elvetico sono gli altri tre continenti, vale a dire America Latina (445 milioni le esportazioni, 143 milioni le importazioni), Africa (224 e 99) e Oceania (204 e 23), ma possono essere citati per offrire il quadro completo.

TOP NEWS Economia
Economia
1 gior
L'oro vola sopra i 1'800 dollari, prima volta da 2011
La volata è legata ai bassi tassi di interesse e all'aumento dei casi di coronavirus che hanno innescato la corsa al bene rifugio
Economia
1 gior
Il coronavirus incide poco sui tassi ipotecari
Lo indica MoneyPark. Alla fine di giugno, il tasso di riferimento era dell'1,20% per le ipoteche a 10 anni e dell'1,02% per quelle a 5 anni
Economia
1 gior
Coronavirus, utili in calo del 31% per le aziende svizzere
Le aziende industriali sono quelle che hanno sofferto di più, mentre le grandi imprese hanno mostrato una resistenza migliore rispetto alle Pmi
Economia
1 gior
Commercio al dettaglio, forte aumento delle vendite in maggio
Crescita del 6,6% grazie all'allentamento delle misure adottate per contrastare la diffusione del coronavirus
Economia
6 gior
Macy's taglia 3'900 impieghi per far fronte al calo-vendite
L'ombra lunga del coronavirus non risparmia la catena di negozi statunitense: forza lavoro ridotta del 3 per cento circa
Economia
6 gior
Le Pmi svizzere prevedono esportazioni al minimo storico
Il calo del clima del settore e la relativa crisi sono legati strettamente alla pandemia di covid-19. Secondo un sondaggio, le aziende temono il futuro
Economia
1 sett
Cornèr lancia una nuova piattaforma digitale d'investimento
Si chiama 'Invest' e propone una navigazione intuitiva anche a chi non dispone di conoscenze informatiche sofisticate
Economia
1 sett
Dufry, a causa del virus costi del personale da ridurre
L'azienda specializzata nel commercio al dettaglio esentasse, ridurrà i costi attraverso prepensionamenti e licenziamenti
Economia
1 sett
Dalle banche ticinesi 1,2 miliardi di franchi in crediti Covid
Assemblea annuale dell'Abt (che quest'anno festeggia il suo centesimo anniversario): tra bilancio post pandemico e riconferma del presidente Petruzzella
Economia
1 sett
Credit Suisse rileva il 35% della banca digitale Modalmais
La transazione per l'acquisto del capitale azionario della società brasiliana si aggira attorno ai 5 miliardi di real brasiliani (circa 900 milioni di franchi)
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile