laRegione
STRICKER D. (SUI)
2
LAAKSONEN H. (SUI)
1
fine
(6-1 : 4-6 : 6-3)
il-coronavirus-ci-costera-piu-di-4000-miliardi
Non è esclusa la possibilità di ulteriori focolai in futuro (Ti-Press)
Economia
03.04.20 - 09:330
Aggiornamento : 11:31

Il coronavirus ci costerà più di 4000 miliardi

È la stima della Banca asiatica di sviluppo per l'economia mondiale: equivale al 5% del Pil globale. La previsione si basa su un ritorno alla 'normalità' nel 2021

L'emergenza coronavirus potrebbe costare all'economia mondiale 4100 miliardi di dollari, pari a quasi il 5% del pil globale: è la stima della Banca asiatica di sviluppo (Adb), secondo cui le perdite legate "alla peggiore pandemia" mai registrata da un secolo a questa parte potrebbero essere anche maggiori.

"L'impatto stimato potrebbe essere una sottovalutazione poiché ulteriori canali come possibili crisi sociali e finanziarie ed effetti di lungo periodo sull'assistenza sanitaria e l'istruzione sono esclusi dall'analisi", hanno precisato gli economisti della Adb. Un periodo di contenimento più breve, ha spiegato la banca, potrebbe invece ridurre le perdite a 2000 miliardi di dollari.

Secondo le previsioni dell'istituto quest'anno l'Asia dovrebbe segnare una crescita del 2,2%, vale a dire il tasso più basso dalla crisi finanziaria asiatica del 1998, quando l'economia della regione aveva registrato un incremento dell'1,7%. In particolare, la crescita dell'economia cinese potrebbe passare dal 6,1% dell'anno scorso al 2,3% quest'anno prima di rimbalzare nel 2021.

Le previsioni della banca si basano su un contenimento della pandemia quest'anno ed un ritorno alla normalità nel 2021, ma gli esperti non escludono la possibilità di ulteriori futuri focolai.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 ora
La Banca nazionale svizzera non cambia rotta
Invariata la politica monetaria espansiva. Tassi fermi al -0,75%. Il presidente Jordan sul caso Evergrande: né allarmismo, né sottovalutazione
Economia
2 ore
Gam chiude alcuni fondi proposti dalla succursale di Lugano
A causa della chiusura dei fondi, giudicati troppo piccoli per una gestione efficiente o con poche prospettive di crescita, 17 dipendenti lasceranno la società
Economia
1 gior
Continua il buon momento dell’edilizia
Per il Bak Economics di Basilea l’attività dovrebbe aumentare dello 0,4% quest’anno e dello 0,6% nel prossimo
Economia
1 gior
Quando una firma digitale errata fa perdere miliardi
Il costruttore ferroviario turgoviese Stadler Rail si è visto annullare una commessa per un errore formale dal Tribunale amministrativo di Vienna
Economia
6 gior
Il forum economico torna a Davos dal 17 al 21 gennaio
Quest’anno il Wef è stato annullato a causa della pandemia. ‘Sarà il primo evento di leadership globale a stabilire l’agenda per una ripresa sostenibile’
Economia
1 sett
In Svizzera la disoccupazione Ilo è al 5%, più che in Germania
Il dato tiene conto delle persone che non hanno un impiego, hanno cercato lavoro nelle quattro settimane precedenti e sono disponibili a lavorare
Economia
1 sett
Per il Credit Suisse l’inflazione è solo temporanea
Secondo gli economisti del secondo istituto finanziario svizzero la ripresa è robusta e senza timori inflativi. Il Pil dovrebbe crescere del 3,5% quest’anno
Economia
1 sett
Helvetia: entro il 2022 andranno persi 140 posti di lavoro
Il Ceo ha chiarito che una gran parte del taglio degli impieghi avverrà tramite fluttuazione naturale del personale o prepensionamento di alcuni dipendenti
Economia
1 sett
Helvetia torna in zona utili nel primo semestre
Stando ai dati diffusi oggi la società assicurativa ha realizzato un risultato positivo per 262 milioni di franchi
Economia
1 sett
Fed e Bce, prospettive capovolte
Se l’economia ricomincia a correre è perfettamente logico ridurre le misure d’emergenza e ricalibrare gli stimoli monetari
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile