laRegione
20.03.20 - 09:15
Aggiornamento: 12:13

Coronavirus, Economiesuisse contro il coprifuoco

Secondo il presidente Karrer, dov'è possibile mantenere le distanze la gente dovrebbe continuare a lavorare per evitare troppi danni economici

coronavirus-economiesuisse-contro-il-coprifuoco
Heinz Karrer (Keystone)

Sì alle misure di protezione contro il coronavirus, ma no a un coprifuoco che strangolerebbe l'economia. È questa in estrema sintesi la posizione di Economiesuisse, l'associazione che rappresenta le imprese elvetiche. Attualmente circa l'80% del mondo economico sta continuando a funzionare, stima il presidente dell'organismo, Heinz Karrer, in un'intervista pubblicata oggi dalle testate dell'editore Tamedia. Questo è possibile solo grazie all'enorme capacità di adattamento delle aziende, ha aggiunto.

Occorre comunque valutare le misure delle autorità. "Un coprifuoco totale sarebbe sproporzionato", sostiene il 60enne. "Dove è possibile mantenere le regole di distanza la gente dovrebbe andare a lavorare".

Naturalmente, la priorità è la protezione delle persone e dell'infrastruttura ospedaliera, ma presto sarà in gioco la struttura economica del paese, mette in guardia Karrer. "L'economia ha bisogno di un segnale da parte del Consiglio federale: ci dica che le misure saranno allentate non appena la situazione lo consentirà, in modo che le cose si riprendano prima o poi".

La situazione è molto difficile per i settori già interessati dai provvedimenti restrittivi. "Conosco casi di perdite quasi totali delle entrate", osserva il manager con studi interrotti a San Gallo. La perdita di prodotto interno lordo potrebbe salire a 100 miliardi di franchi e il lavoro a orario ridotto potrebbe interessare il 10% degli occupati, a seconda di quanto durerà la crisi.

L'ex Ceo di Axpo chiede al mondo politico soprattutto miglioramenti nel campo della disoccupazione parziale. "Ci aspettiamo una soluzione per i lavoratori autonomi e i proprietari di aziende, oltre a un significativo aumento delle risorse finanziarie". Troppe persone direttamente colpite dalla crisi sono ormai escluse da questo strumento di per sé buono. Inoltre è necessario che le imprese dispongano di liquidità. "Qui deve intervenire la Confederazione, sia con garanzie per i prestiti bancari che direttamente".

Karrer si dice per contro scettico riguardo ai programmi di stimolo economico. "Dai paesi in cui questo approccio è stato adottato sappiamo che i miliardi, non importa quanti e non importa dove siano stati spesi, sono sempre arrivati troppo tardi e nel posto sbagliato", sostiene.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
3 gior
Banca Migros supera il milione di clienti
La clientela nel 2022 registra un +27% rispetto all’anno precedente, sulla scia dell’introduzione della nuova carta di credito Cumulus
Economia
4 gior
Credit Suisse prevede un’inflazione più alta
La banca scommette su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, oltre a un aumento pari a 1,75% anche per i tassi della Banca nazionale svizzera
Economia
4 gior
Blocchi regionali e protezionismo contro le economie emergenti
I Paesi Non Allineati Nuovi (Nan) temono che la loro crescita venga ostacolata dai muri commerciali eretti da Stati Uniti, Europa e Cina
Economia
4 gior
E all’improvviso nulla più turba le Borse
Inflazione, tassi d’interessi più elevati, rallentamento cinese, timori di recessione: in Europa e negli Usa l’ottimismo si diffonde, nonostante tutto
Economia
1 sett
Lufthansa vuole comprare una quota di Ita Airways
È l’unica offerta arrivata al Governo italiano, tedeschi pronti a rilevare l’intera compagnia aerea
Economia
1 sett
Importante cessione nel settore chimico
Sika, gruppo attivo nelle specialità chimiche, ha deciso di vendere una parte dell’ex filiale del colosso tedesco Basf
Speciale Economia
1 sett
La deglobalizzazione non è la strada giusta
Economia
2 sett
Il franco si indebolisce sull’euro: moneta europea sopra 1,00
È la prima volta dall’inizio di luglio 2022 che l’euro torna sopra la parità
Economia
2 sett
Pry-Cam Home, la nuova frontiera di Prysmian
Il colosso mondiale della produzione di cavi ad alta tecnologia entra nelle case con una tecnologia che monitora la rete elettrica domestica
Economia
2 sett
Anno turbolento alle spalle, 2023 complicato per chi investe
Tensioni geopolitiche, crisi energetica, inflazione, incognite legate alla politica monetaria: quattro analisti valutano le prospettive degli investimenti
© Regiopress, All rights reserved