laRegione
sul-baratro-della-recessione-con-il-coronavirus
I mercati finanziari piangono (Keystone)
l'economia
11.03.20 - 19:310

Sul baratro della recessione con il coronavirus

Ubs rivede al ribasso le previsioni del Pil svizzero. L'economia italiana è quella più a rischio

È quasi certo che l'Italia cada in recessione nei prossimi sei mesi. Lo choc della domanda, con l'emergenza coronavirus e le misure eccezionali del governo italiano, è stato pesante. Probabilmente anche alla fine dell'anno davanti alla variazione del Pil ci sarà un segno meno. Ne è convinto Matteo Ramenghi, Chief investment officer di Ubs WM Italy intervenuto in conferenza telefonica durante il tradizionale incontro di inizio anno con la stampa ticinese. Un media breakfast trasformato in media call in ossequio ai principi di prudenza, come ha ricordato Luca Pedrotti, direttore di Ubs Ticino.

Le previsioni per l'economia svizzera invece sono state riviste al ribasso, ma non si parla ancora di recessione. La crescita del Pil elvetico, secondo Elena Guglielmin, senior credit analyst di Ubs, sarà però ben al di sotto dell'1%: tra lo 0,7 e lo 0,9%. A essere messi sotto pressione sono due settori: il turismo e l'orologeria che esporta molto verso l'Asia. Le banche centrali, a partire dalla Fed e seguita ieri dalla Banca d'Inghilterra, hanno già tagliato i tassi d'interesse. Altri stimoli monetari, secondo Elena Guglielmin, arriveranno dalla Banca centrale europea (Bce). Anche a livello globale le ripercussioni dell'epidemia di coronavirus saranno pesanti, ma probabilmente - ha ricordato Ramenghi - non ci sarà recessione in senso tecnico, nonostante la forte frenata della Cina indotta proprio dallo scoppio dell'epidemia. 

Intanto i mercati finanziari, negli ultimi dieci giorni, hanno bruciato centinaia di miliardi di dollari. Si è trattato - ha spiegato Ramenghi - di un combinato disposto di tre fattori: allarme coronavirus; guerra dei prezzi del petrolio tra Arabia Saudita e Russia e vendite di titoli scatenate dagli algoritimi che hanno reagito 'istericamente' all'aumento della volatilità. «La preoccupazione dei mercati è legata alla durata della crisi sanitaria. Il rischio è che si ripeta la spirale di fallimenti di piccole e medie imprese del 2008 generata da una stretta creditizia», afferma l'economista di WH Ubs Italy. «Difficilmente, però si ripete lo stesso errore due volte. I governi si stanno muovendo in modo proattivo con stimoli fiscali per evitare la crisi. L'Italia ha promesso un pacchetto da 25 miliardi di euro. E altri Paesi seguiranno, se ci sarà bisogno», precisa Ramenghi ricordando che l'obiettivo è quello di «evitare un credit crunch; evitare i default di Pmi e garantire liquidità extra al sistema economico in modo che nella seconda parte dell'anno, a paura epidemica passata, la ripresa sia la più rapida possibile».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 gior
UBS: terzo trimestre proficuo, guadagno di oltre 2 miliardi
La cifra di 2,28 miliardi di dollari equivale a un aumento dell’8,9% su base annua, superiore anche alle attese della vigilia
Economia
2 gior
Le banche, solido alleato chiave dei democratici
Evitato per un soffio il default, ora si affilano le armi in vista del dibattito al Congresso. I Dem possono contare su istituti in ottima salute
Economia
2 gior
Gli Usa e la fallimentare politica dei dazi sull’export cinese
Trascurabile l’impatto sull’economia del Paese asiatico, rivela uno studio. E a pagarne le conseguenze sono in primo luogo i consumatori americani
Economia
5 gior
Evergrande paga il coupon da 83,5 milioni ed evita il default
L’iniziativa, se andrà in porto, risolverà solo un primo ostacolo: rimangono quattro cedole non onorate fra settembre e ottobre
Economia
5 gior
Fitch chiede a Credit Suisse di rafforzare il controllo rischi
L’agenzia di rating statunitense rivede al ribasso l’outlook sulla sostenibilità creditizia della banca dopo il caso Mozambico
Economia
6 gior
CS e pedinamenti, Finma rileva gravi violazioni di legge
L’Autorità di vigilanza chiude l’indagine. Sono emerse ‘notevoli carenze’ a livello di gestione. Adottate misure nei confronti di cinque persone
Economia
6 gior
Oltre 200’000 aziende fantasma in Svizzera
In Ticino sono 9’827, il 24% delle ditte iscritte nel registro di commercio: è il dato più basso a livello nazionale
Economia
1 sett
Credit Suisse dovrà pagare quasi 500 milioni di dollari
Costa caro il caso Mozambico. La Finma impone all‘istituto delle condizioni per le future operazioni con Stati ’deboli’
Economia
1 sett
Esportazioni svizzere da record nel terzo trimestre
Nel periodo luglio-settembre le esportazioni sono salite a 63,1 miliardi di franchi, il 3,7% in più dei tre mesi precedenti e miglior risultato di sempre
Economia
1 sett
Germania, a rischio 30mila impieghi in casa Volkswagen
Il Ceo Herbert Diess annuncia possibili tagli nei 4 marchi della fabbrica automobilistica. La misura riguarda le sedi tedesche
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile