laRegione
Marco Passalia, segretario generale della Lcta (foto Lcta)
+1
Economia
14.11.19 - 16:360

Materie prime, per due giorni Lugano capitale

Si è conclusa oggi la 'Global commodities conference' organizzato dalla Lcta. Oltre 300 i partecipanti

Si è conclusa oggi la “Global Commodities Conference”, organizzata dalla Lugano Commodity Trading Association (Lcta). Oltre 300 persone hanno partecipato alla due giorni di incontri che ha riunito al Lac di Lugano numerosi attori del settore del commercio di materie prime e del commercio internazionale. La conferenza ha riunito anche quest’anno esperti del commercio internazionale, commodity traders, istituti bancari e providers di servizi.

Diversi i temi trattati, come il potenziale e le sfide dello spazio economico Euroasiatico o l’impatto del progetto “One Belt, One Road” (o Nuova Via della Seta) promosso dal Governo cinese. Ospite d’onore della prima giornata: il professor Mark Entin, titolare della cattedra di diritto europeo presso l’Istituto statale di relazioni internazionali di Mosca, Co-presidente del seminario scientifico permanente dell’Università federale del Baltico, membro del Consiglio della politica estera e della difesa, nonché Ambasciatore a Lussemburgo (2012-2016). Il professor Entin ha esposto delle tesi sul tema 'Competition vs. Cooperation in Greater Eurasia'.

Il secondo giorno è stato dedicato al ruolo delle banche nel finanziamento del commercio di materie prime, seguito da tre seminari paralleli sui principali settori presenti in Ticino: Metalli, Energia e Spedizioni.

Momento saliente della seconda giornata è stato l’intervento di John Bruton, già Primo Ministro d’Irlanda (dal 1994 al 1997) e Ambasciatore dell'Ue negli Stati Uniti (2004-09). Un programma intenso e ricco di spunti che anche “quest’anno ha portato a Lugano ospiti da tutto il mondo. Una conferenza attesa dai traders ma anche dagli esperti del settore finanziario poiché dà l’opportunità, nel contesto dei diversi panel, di stabilire delle interessanti occasioni di networking e di conoscenze per poter sviluppare il proprio business”, si legge in una nota. 

La Lugano Commodity Trading Association (LCTA), fondata nel 2010, è un’associazione senza scopo di lucro con sede a Lugano. L’Associazione riunisce aziende attive nel settore delle materie prime e del loro commercio, ma anche una serie di importanti operatori le cui attività ruotano attorno al settore, come compagnie di spedizione, banche, assicurazioni, fiduciarie.

Il commodity trading a Lugano è composto da pressappoco 100 aziende con un un gettito fiscale di 75 milioni di imposte complessive, che equivalgono ad oltre 2% del Pil e impiegano (direttamente e indirettamente) 1'500 persone. Si tratta soprattutto di personale altamente qualificato che ruota attorno a competenze specifiche: trasporti, logistica, finanziamento delle operazioni, assicurazioni giuridiche, conoscenze di lingue straniere, ecc.

Guarda tutte le 5 immagini
TOP NEWS Economia
Economia
11 ore
Investire nel solare può creare 14'000 posti di lavoro
Ne è convinta la Fondazione svizzera dell'energia (SES), che propone questa soluzione per ridurre la disoccupazione, cresciuta a seguito del coronavirus
Economia
12 ore
Il coronavirus fa esplodere il debito pubblico mondiale
Oltre il 100% e al livello più alto da sempre: ha superato anche il picco post-Seconda guerra mondiale
Economia
1 gior
Le imprese scommettono sulla ripresa, anche in Ticino
Gli effetti della pandemia sono stati più forti al Sud delle Alpi, ma secondo gli esperti di Ubs le prospettive sono positive. Pil a -5,5% quest'anno. Poi su
Economia
1 gior
Svizzera, il covid non ferma le due ruote
Malgrado l'emergenza sanitaria, le vendite di motocicli nel nostro Paese hanno conosciuto...un'impennata
Economia
1 gior
Aviazione, United taglia 36mila posti di lavoro
La compagnia statunitense pronta a rinunciare alla metà dei suoi dipendenti se non vi saranno segnali di ripresa dopo l'emergenza Covid
Economia
1 gior
I salari dei frontalieri spiegati da un economista
Gli ultimi dati confermano la differenza nelle retribuzioni. C'entra il dumping, ma non solo. E revocare la libera circolazione porterebbe "chiusure e fallimenti"
Economia
2 gior
Bancarotta per Brooks Brothers, marchio icona di Wall Street
Il produttore di abbigliamento formale soccombe alla crisi creata dal coronavirus. Si cerca di evitare la liquidazione
Economia
2 gior
Tui Suisse taglia 70 posti di lavoro e chiude otto succursali
La filiale dell'agenzia viaggi tedesca riduce la sua presenza nella Confederazione a causa della crisi del coronavirus
Economia
2 gior
Nespresso amplia il centro di produzione di Romont
Annunciato un investimento di 160 milioni di franchi per soddisfare la richiesta dei clienti e supportare lo sviluppo internazionale nei prossimi anni
Economia
3 gior
In Italia un terzo delle famiglie ha riserve per soli 3 mesi
Circa il 30% cento della popolazione dichiara di non potersi permettere di andare in vacanza questa estate
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile