laRegione
23.09.19 - 09:54

Si fallisce di più in Ticino. Meno in Svizzera

270 imprese sono state oggetto di un procedimento per insolvenza nel 2019, il 2% in più dell'anno scorso. In calo anche la creazione di nuove aziende

di Ats
si-fallisce-di-piu-in-ticino-meno-in-svizzera

Aumentano ancora i fallimenti aziendali in Ticino: sull'arco dei primi otto mesi dell'anno 270 imprese sono state oggetto di un procedimento per insolvenza, il 2% in più dello stesso periodo del 2018. A livello nazionale vi è stata per contro una flessione del 3%, con 3093 aziende interessate.

Stando a quanto comunicato oggi dalla società di informazioni economiche Bisnode nel periodo gennaio-agosto negativa si è mostrata anche la situazione in altri cantoni quali Zugo (+24%) e Ginevra (+19%). Migliori appaiono invece realtà quali Zurigo (-1%), Berna (-20%) e Basilea Città (-29%). Anche i Grigioni presentano il segno più: 54 imprese non sono riuscite a far fronte ai pagamenti, un livello del 10% più elevato a quello del gennaio-agosto 2018.

Ai fallimenti per insolvenza vanno poi aggiunti quelli per lacune nell'organizzazione (articolo 731b del Codice delle obbligazioni): il numero complessivo nei primi otto mesi sale così a 4375 (-3%) a livello svizzero, a 554 in Ticino (+16%) e a 90 nei Grigioni (-38%).

Per il solo mese di agosto si registra nell'insieme del paese una flessione del 13% delle insolvenze (a 390) e del 14% dei fallimenti totali (a 513). Relativamente a questo mese Bisnode non ha pubblicato dati disaggregati regionali: dal confronto con le informazioni di luglio emerge però che le imprese insolventi sono state 10 in Ticino e 4 nei Grigioni.

Se vi sono aziende che chiudono, altre aprono i battenti: le nuove iscrizioni a livello svizzero sono state 26'650 nei primi otto mesi (+3%). Il Ticino mostra però un calo nella creazione di nuove aziende: il loro numero si è attestato a 1540, con una contrazione del 2% su base annua. Il cantone sudalpino rimane peraltro una delle zone elvetiche più dinamiche sotto questo aspetto, superato solo da Zurigo (5301 iscrizioni, +3%), Vaud (3156, +7%), Ginevra (2551, +3%), Berna (2505, +10%), Argovia (1816, +4%) e San Gallo (1546, +8%).

Per il solo mese di agosto le nuove iscrizioni a livello svizzero si sono attestate a 2820 (-3%). Anche in questo ambito non vi sono dati regionali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
3 gior
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
1 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
2 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
2 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
2 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
3 sett
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
3 sett
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
3 sett
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
3 sett
La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia
Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
3 sett
Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022
Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
© Regiopress, All rights reserved