laRegione
Keystone
Economia
29.01.19 - 09:000
Aggiornamento : 09:53

Incertezze? Non conosco. Anno record per il commercio svizzero

Esportazioni ed importazioni hanno fatto segnare nel 2018 i più alti tassi di crescita dal 2010. Brexit, l'antipasto è già servito.

Il commercio estero svizzero nel 2018 ha stabilito nuovi valori record in entrambe le direzioni di scambio e ciò nonostante le incertezze economiche a livello mondiale. Le esportazioni sono aumentate in termini nominali del 5,7%, a 233,1 miliardi di franchi, facendo registrare il più alto tasso di crescita dal 2010. Lo ha comunicato oggi l'Amministrazione federale delle dogane (Afd). Lo stesso è avvenuto per le importazioni che con un incremento dell'8,6% hanno superato la soglia di 200 miliardi di franchi (201,8).

Nel corso dell'anno, tuttavia, l'andamento è stato altalenante. Per quanto riguarda l'export, la crescita registrata nella prima metà del 2018 ha lasciato spazio a una netta diminuzione nel terzo trimestre; poi nel quarto trimestre vi è stata una ripresa, del 6,3%. Anche la crescita delle importazioni è dovuta al balzo nel primo semestre; in seguito vi è stata una flessione a livelli comunque elevati. L'eccedenza della bilancia commerciale (esportazioni meno importazioni) ha raggiunto 31'320 milioni di franchi (-3'489 milioni rispetto al 2017).

Tutti i principali settori (chimico-farmaceutico, macchine ed elettronica, orologeria, ecc.) hanno contribuito alla crescita delle esportazioni. Da segnalare l'ottimo risultato nella vendita di farmaci (+8,9%).

L'export è andato ovunque a gonfie vele. Storico l'aumento fatto segnare nell'America del Nord (+11,6%), grazie soprattutto alle esportazioni verso gli Stati Uniti (+4,2 milliardi). In progressione anche Europa e Asia (+4,2, rispettivamente +4,4%). 'Pecora nera' la Gran Bretagna, dove l'export si è contratto come non avveniva da 30 anni a questa parte (-23%!). I prodotti elvetici invece hanno il vento in poppa in America latina, in particolare in Brasile (+17,8%).

Anche alla crescita delle importazioni hanno contribuito parecchi settori (tra questi, quello della bigiotteria-gioielleria), che confermano così un dinamismo in atto dal 2015. Da segnalare l'esplosione degli acquisti elvetici negli Emirati arabi uniti (+3,5 milliardi, in particolare gioielli in oro da fondere), Cina (+1,2) e Regno Unito (+27,3%). Si registra per contro una contrazione degli acquisti sul mercato statunitense (-1%).

Tags
crescita
esportazioni
importazioni
commercio
export
franchi
incertezze
record
TOP NEWS Economia
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile