laRegione
Ti-Press/Crivelli
Economia
19.10.18 - 20:070
Aggiornamento : 20:34

Cassis: 'L'accordo con l'Ue è una questione di volontà'

Appena conclusa l'assemblea generale della Camera di commercio, giunta all'edizione numero 101. Presente anche il consigliere federale ticinese

La Camera di commercio, dell’industria, dell’artigianato e dei servizi del Canton Ticino (Cc-Ti) ha tenuto oggi al Palacinema di Locarno la sua 101esima Assemblea generale ordinaria alla presenza di circa 400 partecipanti tra imprenditori, rappresentanti di associazioni di categoria, autorità federali, cantonali e comunali.

Relazioni con l’Europa e apertura

Durante i lavori assembleari appena conclusi è intervenuto anche il Consigliere federale Ignazio Cassis, sollecitato su temi di attualità dal Direttore della Cc-Ti, Luca Albertoni. Il capo del DFAE ha confermato la necessità dell’apertura e del dialogo costruttivo quale atout per la difesa degli interessi svizzeri sia a livello nazionale che internazionale, in un contesto spesso complesso e intricato. È stato tematizzato anche lo stato dei lavori di un possibile accordo-quadro fra Svizzera e Unione europea, definito da Cassis come una vera e propria altalena. "Tutti i giorni c'è la percezione di poter raggiungere un accordo ma tale accordo sfugge". Come noto i rapporti tra Berna e Bruxelles non sono idilliaci ma Cassis è ottimista: "È solo una questione di volontà. Dire no all'accordo quadro istituzionale costa, ma anche dire sì ha un prezzo. Ma l'incertezza giuridica creerebbe danni maggiori per i prossimi anni". Sul piano più personale, Ignazio Cassis ha parlato del suo primo anno in Consiglio federale, sottolineando la passione e anche la sua personalità latina che da quando è entrato nel governo federale è stata compresa anche dai suoi colleghi.

Equilibrio per la tutela della libertà imprenditoriale

Il presidente Cc-Ti, Glauco Martinetti, ha aperto il suo discorso ricordando i valori tipicamente svizzeri in cui la Cc-Ti crede fermamente e su cui si basa nella sua attività a sostegno delle aziende. "Un tessuto economico ticinese che, nel corso del tempo, ha saputo evolvere ed innovare in modo dinamico, restando competitivo nonostante l’accresciuta concorrenza e le numerose pressioni internazionali, a testimonianza di un sistema solido e funzionante – comunica la Cc-Ti in un comunicato odierno –. Caposaldo imprescindibile di quest’ultimo è la libertà economica - sancita dall’art. 27 della Costituzione - che, insieme ad altri diritti come quelli del rispetto della proprietà privata e del principio di legalità, permette di garantire la stabilità di un sistema che crea ricchezza e prosperità per la società".

"Il contesto di iper-regolamentazione e burocratizzazione, così come le minacce alla certezza del diritto e l’insorgere di pratiche eccessivamente protezionistiche costituiscono però fonti di preoccupazione perché non servono alla legittima difesa dei diritti svizzeri e nuocciono al sistema liberale e alla facilità di fare impresa, elementi caratteristici del successo elvetico. È quindi necessario stabilire un migliore equilibrio nel contesto di regole e controlli, affinché questi siano efficaci senza ostacolare inutilmente l’attività imprenditoriale. Dialogo, serietà, apertura e una visione collaborativa e costruttiva sono elementi in cui la Cc-Ti ha sempre creduto ed è con questo spirito aperto e propositivo con cui intende affrontare il futuro per rafforzare il tessuto economico ticinese e affrontare in modo costruttivo ed effettivo i problemi posti dalle numerose e rapide trasformazioni della realtà socio-economica cantonale".

Dialogo e collaborazione per affrontare le sfide future

Sull’importanza del lavoro di squadra, del dialogo e della collaborazione tra istituzioni, associazioni economiche e partner sociali, si è concentrato anche il consigliere di Stato Christian Vitta. Il direttore del Dipartimento della finanze e dell’economia (Dfe) ha sottolineato l’importanza di intensificare questa collaborazione per consolidare delle condizioni quadro favorevoli alla crescita e all’innovazione. Vitta si è inoltre soffermato su alcune delle sfide future che il Cantone Ticino dovrà affrontare: dal mercato del lavoro alla digitalizzazione, dalla fiscalità alla politica dell’innovazione, al rafforzamento delle relazioni economiche con il Nord delle Alpi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile