laRegione
Economia
18.01.18 - 11:350

Ubs: affitti nuovi dovrebbero scendere del 10% entro il 2020

Il mercato immobiliare al centro di un nuovo studio della maggiore banca elvetica

Entro il 2020 gli affitti offerti per appartamenti dovrebbero subire un calo fino al 10%. Al contrario, i prezzi delle case unifamiliari quest’anno saliranno ancora leggermente, secondo lo studio sul mercato immobiliare "Ubs Real Estate Focus 2018". La concorrenza sul mercato degli appartamenti in locazione continua a inasprirsi. Poiché la percentuale di spazi sfitti nel 2019 dovrebbe raggiungere, con quasi il 3%, un nuovo massimo storico, la riduzione delle pigioni offerte dovrebbe accelerarsi, afferma la grande banca in una nota odierna. L’indice nazionale svizzero delle pigioni offerte attualmente è solo del 3% inferiore al picco di metà 2015. Le pigioni esistenti non dovrebbero subire correzioni significative nei prossimi anni, perché nel confronto storico non sono eccessive. Al contrario, attualmente sul mercato vengono ancora chiesti affitti mediamente del 20% superiori a quelli per rapporti di locazione in corso. "Senza una chiara svolta nell’attività edilizia o una nuova ’ondata migratoria’ le pigioni offerte dovrebbero perdere fino al 10% entro il 2020", prevede Claudio Saputelli, responsabile Global Real Estate di UBS. "In questo contesto e con la previsione di un lieve aumento dei tassi di interesse nel 2018, i prezzi degli immobili residenziali a reddito dovrebbero avere superato il punto massimo", sostiene Saputelli. Prezzi stabili per le abitazioni di proprietà I bassi tassi ipotecari continuano intanto a reggere il mercato delle abitazioni di proprietà. Attualmente, paragonato all’affitto di un appartamento, con l’acquisto di un’abitazione di proprietà di pari valore è possibile ottenere un risparmio equivalente a un rendimento del capitale proprio di ben il 4% (con un finanziamento dell’80%). Non è mai stata osservata una simile costellazione, almeno nell’attuale ciclo immobiliare, viene affermato nella nota. Tuttavia i prezzi di acquisto assoluti ne limitano la sostenibilità finanziaria, tanto che ormai sono richiesti piccoli appartamenti e la relativa disponibilità di pagamento per immobili di qualità inferiore rimane alta. UBS prevede quindi un lieve aumento dei prezzi delle case unifamiliari (+0,5%) e una stagnazione per quanto riguarda gli appartamenti di proprietà. Questi ultimi sono esposti a una concorrenza più accentuata a causa del calo dei canoni di affitto. Mentre i prezzi degli immobili residenziali hanno guadagnato il 10% da inizio 2016, quelli degli immobili per uffici sono diminuiti di circa il 10%. Ma l’eccesso di offerta si è stabilizzato e dovrebbe ridursi leggermente nel corso di quest’anno, sostiene la grande banca. Tuttavia, a causa della continua attività di progettazione di edifici di grandi dimensioni, la pressione concorrenziale rimane invariata. Il rinnovo dei contratti di locazione in scadenza continua quindi a causare perdite, pertanto in molti portafogli immobiliari non dovrebbero mancare (ulteriori) rettifiche di valore.

Tags
prezzi
ubs
mercato
appartamenti
pigioni
proprietà
affitti
immobili
pigioni offerte
locazione
TOP NEWS Economia
© Regiopress, All rights reserved