laRegione
Economia
18.06.15 - 16:240
Aggiornamento : 15.12.17 - 17:09

Il commercio estero è arretrato in maggio

Il commercio estero ha registrato un netto calo in maggio. Tenuto conto del fatto che quest’anno il mese scorso ha avuto due giorni lavorativi in meno rispetto al 2014, il calo delle esportazioni è stato dello 0,8%, mentre quello delle importazioni del 7,4%. La bilancia commerciale ha chiuso con un’eccedenza di 3,4 miliardi di franchi, con un incremento di 557 milioni, comunica oggi l’Amministrazione federale delle dogane (AFD).

Nei primi cinque mesi dell’anno le esportazioni nominali si sono contratte del 4,2% a 82,23 miliardi, mentre le importazioni del 7,4% a 68 miliardi.

Su dieci settori di esportazione, solo tre in maggio hanno realizzato un risultato positivo: l’orologeria in crescita dell’1,4% rispetto ad un anno prima, a 1,71 miliardi di franchi, la gioielleria del 24,6% a 1,03 miliardi e il tessile, abbigliamento e calzatura del 4,7% a 254 milioni. L’industria farmaceutica, prima forza esportatrice, ha invece registrato un calo del 3,8% a 6,08 miliardi di franchi, la metallurgia del 3,5% a 929 milioni e l’industria della macchine dello 0,8% a 2,42 miliardi.

Anche per quanto riguarda le importazioni tutti i settori hanno segno negativo. Per i prodotti energetici il calo è addirittura del 28,6% a 687 milioni, ma il loro prezzo è sceso del 27% a causa dell’apprezzamento del franco. Per i beni di consumo il mese scorso la flessione è stata del 18,6%, a 5,38 miliardi di franchi, per le materie prime ed i semilavorati del 15,1%, a 2,91 miliardi, mentre per macchinari e impianti è risultata del 12,5%, 3,05 miliardi.

Per regioni, l’import è diminuito da tutti i continenti. Solo l’America del Nord e quella latina hanno fatto segare rispettivamente un +4,9%, a 877 milioni e un +1,4%, a 209 milioni.

Senza tenere conto degli effetti di calendario, le esportazioni sono calate su tutti i continenti tranne verso l’Asia, dove sono progredite dell’1% a 3,71 miliardi di franchi, ma con la Cina che segna -1,9% a 731 milioni.

Le vendite nel continente europeo hanno invece segnato un calo di ben 15,6% su un anno, a 8,55 miliardi di franchi. Per l’UE si è trattato di un -15,8% a 8,09 miliardi, e nella Zona Euro di un -16,8% a 6,74 miliardi. Quanto ai principali partner commerciali europei, in Germania c’è stata una flessione del 6,4% a 2,75 miliardi, in Francia del 14,5% a 1,12 miliardi e in Italia del 7,7% a 1,06 miliardi.

Oltre oceano, il calo dell’export è stato del 7,9, a 1,94 miliardi per gli USA e del 6,7%, a 546 milioni, per l’America latina. L’Africa intera segna -21,2%, a 247 milioni.

TOP NEWS Economia
Economia
23 ore
Rischio bolla immobiliare in aumento a causa della pandemia
Lo sostiene un'analisi condotta da Ubs. Lo Swiss Real Estate Bubble Index è salito a 1,52 punti contro l'1,30 registrato nei primi tre mesi del 2020
Economia
2 gior
L'annus horribilis del sistema pensionistico
Complice la crisi del coronavirus, lo stato di salute del sistema pensionistico svizzero è negativo come non lo era da almeno 15 anni
Economia
2 gior
Banche online, in autunno avvia attività Flowbank
L'azienda vanta una tecnologia che permetterà ai clienti di effettuare tutte le loro transazioni sullo stesso software, indipendentemente dal dispositivo scelto
Economia
3 gior
Il gigante farmaceutico Bayer perde 9,5 miliardi
Nel secondo trimestre di quest'anno le vendite sono state incrementate dalle attività agricole della società, mentre la pandemia ha pesato sui prodotti farmaceutici.
Sondaggio
Economia
3 gior
Svizzeri hanno speso all'estero due miliardi in meno per Covid
La stima è di Credit Suisse, che si basa sulle transazioni delle carte di debito, tenendo conto del fatto che oltre confine si paga maggiormente senza contanti
Mercati finanziari
4 gior
Un luglio in volata per Wall Street
È stata messa in conto una rapida ripresa a 'V' non corrisposta dai fatti
Economia
4 gior
Dagli Stati Uniti all’Europa è corsa al bitcoin
I flussi di acquisto delle criptovalute sono aumentati in modo sorprendente nelle prime settimane di quarantena
Economia
1 sett
Ermotti: 'La Svizzera non deve lasciarsi ricattare'
Il Ceo uscente dell'Ubs afferma di essere contrario all'attuale accordo quadro e ricorda: la parola d'ordine a Berna dovrebbe essere 'neutralità'
Economia
1 sett
Usa, il Pil crolla nel secondo trimestre: -32.9%
Anche se migliore rispetto alle attese degli analisti il calo è comunque senza precedenti per la sua severità
Economia
1 sett
Credit Suisse: sale l'utile, si riducono le succursali
Utile netto cresciuto del 24% per la banca elvetica (1,16 miliardi di franchi), che ha varato un piano di risparmio di 400 milioni
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile