laRegione
Economia
21.11.14 - 21:430
Aggiornamento : 15.12.17 - 17:08

L'accordo tra Dipartimento di giustizia Usa e Credit Suisse ha il sigillo di un giudice

Credit Suisse può finalmente lasciarsi alle spalle la vertenza fiscale con gli Stati Uniti: una giudice dello Stato della Virginia ha infatti approvato l’accordo da 2,6 miliardi di dollari (2,3 miliardi di franchi) raggiunto lo scorso maggio dalla grande banca elvetica con il Dipartimento di giustizia (DoJ) americano. La notizia, diffusa stasera da diverse agenzie stampa, è stata confermata all’ats dal Credit Suisse.

Lo scorso 20 maggio la banca si è dichiarata colpevole di aver cospirato per aiutare facoltosi clienti americani ad evadere le tasse ed ha accettato di pagare 2,6 miliardi di dollari (2,3 miliardi di franchi) per chiudere l’indagine. L’intesa, che poneva fine ad annose controversie giuridiche, non implica la revoca della licenza bancaria e – per la Confederazione – esclude la trasmissione di dati sulla base del diritto di necessità.

Credit Suisse è stata la prima banca negli ultimi dieci anni a dichiararsi colpevole di un reato negli Stati Uniti: l’ultima volta era infatti successo alla francese Crédit Lyonnais a fine 2003.

Potrebbe interessarti anche
Tags
credit
suisse
miliardi
banca
giudice
credit suisse
giustizia
dipartimento
accordo
TOP NEWS Economia
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile