laRegione
02.12.22 - 18:40

Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre

Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi

lugano-applaude-umberto-tozzi-una-canzone-e-per-sempre
Ti-Press
Umberto Tozzi, 70 anni

Tira un moccolo silenzioso il cameriere della Pizzeria Il cantinone. "Ma certo! È la sera del grande Umberto!", e capisce di essersi scordato di cambiare il turno; ci offriamo di prendere noi le ordinazioni, che tanto l’Umberto l’abbiamo visto così tante volte che ormai non è più un concerto, è un pellegrinaggio. Ma gestire una sala è un’arte e ci vuole un artista. Come sul palco.

Lugano, Palacongressi, uno di quei posti in cui alcune persone emettono dei suoni da strumenti opportunamente concepiti e che uniti tra loro producono gradevolissime sensazioni fisiche; le sensazioni possono diventare gradevolissimissime laddove accompagnate dal canto e dalla poesia (il pensiero potrà risultare opinabile, ma "Apri la porta a un guerriero di carta igienica", a modo suo, è poesia). Si chiamano ‘canzoni’ e Umberto Tozzi – settant’anni, da Torino – ha una certa collaudata dimestichezza con la categoria degli inni, tutti innescati come detonatori, dosati nello spettacolo come farebbe una ditta di fuochi d’artificio, fino all’ordigno conclusivo.

È la festa di ‘Gloria’, che dà il titolo al ‘Gloria Forever Tour’. L’Umberto che si è da poco tolto di torno un tumore è in voce e può snocciolare – a partire da ‘Notte rosa’ – la consueta impressionante serie di hit. Da un po’ di tempo a questa parte i brani dei concerti quelli sono, ma anche cambiando l’ordine dei successi il prodotto non cambia. E dunque su ‘Gente di mare’ la gente di lago va, su ‘Gli altri siamo noi’ si sente noi e gli altri, e su ‘Io camminerò’ cammina. Lungo il viaggio, l’Umberto si mette in modalità serenata – voce, sedia e chitarra acustica –, e una volta datosi del privilegiato per aver vissuto una irripetibile generazione di artigiani della canzone, rende omaggio a Simon & Garfunkel con ‘The Sound Of Silence’ e a Lucio Battisti ("Il più grande di tutti") con ‘I giardini di marzo’, e al Palacongressi si sta come di notte in riva al mare davanti al falò. "Cantala pure da sola", risponde alla fan che chiede ‘Zingaro’ (1978, dall’album ‘Tu’): "È orribile. Ho fatto anche canzoni molto brutte", dice; e chi siamo noi per rispondergli che a noi invece piace. E dunque tributa se stesso in ‘Donna amante mia’ e ‘Perdendo Anna’.

Conclusa la funzione religiosa ‘Si può dare di più’, nella bella versione alternativa, seguono altre belle cose fino a ‘Io muoio di te’, anno 1994 di un Festivalbar vinto, sulla quale anche l’educata Lugano comincia a preparare l’invasione di campo. È qui che il pellegrinaggio, da alcuni anni, diventa nevrosi: ma come diavolo (eufemismo) avrà fatto l’Umberto a concepire ’ste cose che tutti cantano? Al millesimo ascolto di ‘Tu’, una combinazione melodico-armonica da montagne russe, l’idea è che il "dan, dabadan, dabadan" sia cavalcata di evidente ispirazione wagneriana. Fine della nevrosi; meglio cantare.

Qualunque sia l’ordine delle canzoni, al concerto dell’Umberto tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, un bagno che l’educata Lugano si concede sotto il palco battezzata dall’artista, prodigo di plettri della sua chitarra lanciati come riso sul sagrato. Poi tutti – lui e i bravi musicisti – si mettono in fila per il rito dell’inchino. "Ma il bis?", si chiede qualcuno in sala quando tutto è finito. Un bis dopo ‘Gloria’? Dopo quello che è successo? Non basterebbe Jovanotti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno Film Festival
5 ore
Successione Marco Solari, c’è la commissione
Avanzerà al Cda proposte di possibili candidate o candidati alla successione di Solari. Sarà presieduta da Mario Timbal, direttore Rsi
L’intervista
12 ore
Le Donne, la musica e Ornella Vanoni
Superato l’incidente che ha fermato il tour, l’artista italiana sarà a Lugano venerdì 3 febbraio, con band tutta al femminile (galeotto fu Paolo Fresu)
Scienze
22 ore
Un chip per rilevare e prevenire i sintomi del Parkinson
È stato messo a punto dagli scienziati del Politecnico federale di Losanna. Utile anche nel campo dell’epilessia
Spettacoli
1 gior
È morta Lisa Loring, fu la prima Mercoledì della Famiglia Addams
L’attrice aveva 64 anni ed è deceduta in seguito ad un ictus. Suo il ruolo della figlia di Gomez e Morticia nella serie originale degli anni Sessanta
Scienze
1 gior
Il Covid resta un’emergenza internazionale
Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
L’intervista
1 gior
Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’
Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale
Scienze
2 gior
Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica
Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
2 gior
Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!
A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
2 gior
Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television
Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Scienze
3 gior
Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano
Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
© Regiopress, All rights reserved