laRegione
02.12.22 - 08:43
Aggiornamento: 15:34

La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret

Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti

la-battaglia-di-arbedo-tra-donne-e-cabaret
Foto: Ponteatriamo

Agli svizzeri non andò proprio benissimo, quel 30 giugno 1422. Con la battaglia di Arbedo i milanesi, guidati dal Carmagnola, si ripresero Bellinzona oltre a portarsi via 1’200 muli e 300 prigionieri. Tra questi (i prigionieri, non i muli) anche il povero comandante e balivo lucernese Johann Walker. Il quale, non bastasse la prigionia viscontea, ora si ritrova pure a essere ribattezzato Johnnie Walker in ‘600 ann fa… l’attualità’, commedia brillante messa in piedi dalla compagnia PonteatriAmo, che dopo parecchi applausi sarà mercoledì sul palco del Sociale di Bellinzona (si comincia alle 20.45): una rivisitazione della battaglia vista attraverso gli occhi perplessi delle donne, tutta giocata a fil di satira sul copione di Renato Agostinetti.

«Mi avevano detto ‘ma piasaress fa un teatar’ e mi hanno chiesto una mano, poi è finita che gli ho dato tutto il braccio e ho scritto l’intero copione», ci spiega divertito il padre del Cabaret della Svizzera italiana, tornato a sgranchire la penna dopo una quindicina d’anni di pausa. «Trattandosi di una compagnia teatrale che inizialmente era tutta al femminile, ho pensato subito all’idea di raccontare la battaglia dal punto di vista delle donne, ipotizzando che se fosse stato per loro una brutalità così gratuita e insensata si sarebbe anche evitata. È un po’ il senso anche della canzone finale, che ho scritto un anno e mezzo fa, ma con quel che capita mi pare si trovi a essere d’una certa attualità». Quando però gli chiediamo se l’ispirazione venga da Aristofane e dalle sue ‘Donne al parlamento’ – storico esempio di commedia che immagina il potere femminile rimediare ai disastri di certi maschietti – Agostinetti vola basso: «Ma no, io non è che parta con chissà quale idea iniziale, scrivo e poi mi lascio trascinare dal copione, che diventa il mio padrone… Ho sempre fatto così, anche ai tempi del Cabaret».

Schöni rustici

Proprio del Cabaret lo spettatore riconosce facilmente certi gustosi vezzi, come il gioco di parole portato fino all’assurdo – "i baldi guerrieri… i baldi guerrieri… i bal da chi?" – e l’intreccio costante con l’attualità: ci finiscono dentro Mario Branda, Pippo Lombardi, Norman Gobbi, Papa Francesco, le aggregazioni e anche il raddoppio del Gottardo, che qui – per esigenze più o meno storiche – diventa un improbabile raddoppio del Ponte del Diavolo. «Son fatto così», commenta sornione Agostinetti, col gusto bonario e un po’ dispettoso di uno che non perde né il pelo, né soprattutto il vizio.

Sempre a proposito di Cabaret, è anche l’occasione per rivisitare un classicone. Ecco allora il geniale monologo del ‘balivo’ di turno – in questo caso, più precisamente, il landamano Fritz Niederballen – che ricorda da vicino il Consigliere di Stato urano nei ‘Konfederatti’, atto d’addio dell’ultima vera esperienza di satira ticinese, anno Domini 2006 (da vedere e rivedere su YouTube). Parla così, l’eroico Niederballen: "Nostre truppen sind hier per combattimenten! Und sono qui per fare che morgen, domani und doppodomani ezzettera ezzettera noi qui comperare schöni rustici con garten voll margheriten, primùlen, rosen und auch palmen, ja, palmen sind schön però impesten di foresten überall, dapetütt!..... und das isch brütt!"

Da Militello ad Attinghausen

Ma l’ibridazione linguistica portata alle soglie del dadaismo, stavolta, si spinge anche verso sud. «È capitato che nella compagnia vi siano una donna di origini siciliane e un romano», spiega lo sceneggiatore: «Per la prima ho immaginato il ruolo della Rösli, all’anagrafe Rosalia, che da Militello ("come Pippo Baudo", ndr) è finita ad Attinghausen, quella del pollo al cestello, per sposare il generale Heinrich Puntiner. Il secondo invece fa l’uomo dell’Urbe, a ricordarci che prima ancora che lombardi o svizzeri qui eravamo parte dell’impero romano». Con tanto di latinorum, anche quello assai cabarettistico.

La commedia corre veloce grazie a un cast divertito e divertente, sotto la regia di Zeno Gianola: «Zeno è bravissimo e sa fare di tutto, la regia, le musiche, l’attore… insomma, tiene in piedi lo spettacolo!», ricorda Agostinetti. Spettacolo inscenato con passione e precisione dalla compagnia Ponteatriamo, quasi tutte donne e solo un paio di maschietti ‘multiruolo’, tanto che all’inizio uno di loro lo dice subito: "Ti te fé al narratore, e mi g’ho da fa tücc i altri…".

Allo spettatore, oltre all’espressione un po’ trasognata che si ha dopo essersi fatti delle gran risate tra la storia e l’assurdo, resta una riflessione sul Ticino da sempre palcoscenico di conquista e riconquista, costantemente in bilico tra Milano e Berna, dove le pulsioni identitarie sono messe a dura prova dal fatto di essere terra di passo e d’incontro, oltre che di scontro. «Ma forse io sono un ticinese atipico – conclude Agostinetti –, sto bene anche coi miei amici di Milano e se vado a Ponte Tresa non vedo il confine: vedo il ponte».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Arte
14 ore
Poi appare Paolina Bonaparte. E noi ci perdiamo con lei.
Tra le opere di Galleria Borghese per la mostra ‘Meraviglia senza tempo. Pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento’, e la meraviglia del Canova.
Sanremo
16 ore
Un altro Sanremo dei record (scuse di Blanco incluse)
Giorno due, conferenza tre. Davanti ai numeri ci sono tutti ‘più’. Il sindaco di Sanremo: ‘Non si è mai parlato tanto di fiori come quest’anno’
musec
17 ore
La rivoluzione occidentale dell’arte agli antipodi
A Villa Malpensata, dal 10 febbraio al 1° ottobre, è esposta una settantina di capolavori d’arte dei Mari del Sud, opere della Collezione Brignoni
Culture
17 ore
‘Di alberi e di guerra’ agli ‘Eventi letterari’ del Monte Verità
A inaugurare l’undicesima edizione del festival (30 marzo-2 aprile) sarà l’incontro con Giuliano da Empoli, autore de ‘Il mago del Cremlino’
Spettacoli
19 ore
La solitudine di Ulisse e la cecità umana
Stasera al Lac si replica lo spettacolo di Lina Prosa diretto da Carmelo Rifici. Ottima prova degli interpreti, notevoli le musiche di Zeno Gabaglio.
Sogno o son Festival
19 ore
Giorgia e Sanremo, parole dette bene
Dal 1993 a oggi, ogni sua apparizione all’Ariston è degna di essere ricordata: ‘Torno per rimettermi in gioco, anche se non ho mai smesso di farlo’
Sogno o son Festival
21 ore
Sanremo s’è desta, Blanco devasta
Prima serata, la lezione di educazione civica di Benigni, quella di diseducazione del rapper (?), che rende meno bella la Festa della Repubblica
Sogno o son Festival
1 gior
Sanremo, comanda Mengoni (le pagelle, prima serata)
Nella notte della Repubblica, alla fine della gara, ‘Due vite’ è in testa, Elodie è seconda, Anna Oxa ultima. I voti e la classifica generale
Gallery
Sogno o son Festival
1 gior
Sanremo dalla A di Oxa alla W di Will (un vademecum)
Cantanti e canzoni dell’edizione che prende il via questa stasera, breve guida all’ascolto
Scienze
1 gior
Guardi serie tv? Puoi dormire sonni tranquilli
Secondo uno studio dell’Università di Friburgo, anche maratone da molti episodi con finali carichi di suspense non influenzano il riposo notturno
© Regiopress, All rights reserved