laRegione
Pagine scelte
laR
 
25.11.22 - 07:28
Aggiornamento: 15:18

‘La fornace’, storia di Konrad che uccise la moglie

Il titolo è il nome dell’assurda abitazione nella quale si rinserra il protagonista del romanzo ossessivo – e come sempre incalzante – di Thomas Bernhard

di Maurizio Cucchi
la-fornace-storia-di-konrad-che-uccise-la-moglie
Monozigote/Wikipedia
Thomas Bernhard

È questo il coinvolgente romanzo ossessivo nello svolgersi e al cui centro troviamo un personaggio dominato a sua volta dalle proprie ossessioni. Si intitola ‘La fornace’ (Adelphi, p.224,€ 19, traduzione di Magda Olivetti) ed è un’opera di Thomas Bernhard (1931-1989), che la pubblicò per la prima volta nel 1970. Una precedente edizione era apparsa da Einaudi nel 1984.

La fornace del titolo è l’assurda abitazione in cui si rinserra il protagonista, Konrad, con la moglie, che ucciderà. Scopo della scelta era stato quello di sottrarsi al mondo, alla realtà sociale, soprattutto per dedicarsi alla scrittura di un saggio sull’udito, sulle facoltà dell’umano orecchio, che in effetti risulterà poi sempre un’intenzione. Ma per arrivare a realizzarlo Konrad sottopone a continui e stressanti esperimenti, appunto, sull’udito, la moglie, costretta all’immobilità su una sedia a rotelle.

I due avevano nei tempi precedenti condotto una vita di viaggi, fino a quando, appunto, il personaggio chiave decide di sottrarsi a ogni forma di contatto, se non minimo e occasionale, con tutto ciò che rappresenta il mondo esterno. E l’autore fa passare nella mente del suo bizzarro personaggio un pensiero tutt’altro che peregrino: "La massa nega al singolo ciò di cui soltanto il singolo, e non la massa, è capace, ma il singolo non si cura della massa, in fin dei conti si cura solo e soltanto di sé stesso con gran vantaggio per la massa [...] la massa riconosce l’opera del singolo solo attraverso l’annientamento del singolo e il singolo riconosce quello della massa solo attraverso l’annientamento della massa e così via"

Il rapporto tra i coniugi è però quanto mai complicato, con una serie di vessazioni reciproche anche minime e grottesche. Come quando la donna costringe quotidianamente il marito a scendere più volte in cantina per poter disporre di sidro sempre freschissimo, salvo poi gettarlo via anziché berlo. Konrad, a sua volta, le impone la lettura di un autore da lui amato (Kropotkin) e da lei – che vorrebbe gliene leggesse un altro (Novalis e il suo Ofterdingen) – in realtà più o meno detestato. E si tratta dunque di un rapporto che mette in luce sinistra l’inconciliabilità sostanziale di una convivenza tra coniugi.

Il tutto si svolge nel racconto estremamente incalzante di Bernhard, condotto secondo il suo stile, appunto ossessivo, attraverso una scrittura fittissima e magmatica, che non concede, tanto per restare a un semplice dato esterno, neppure la minima pausa, la minima interruzione nella pagina, procedendo dall’inizio alla fine senza un istante di tregua, senza un solo a capo. Il che è del resto tipico nelle narrazioni di questo formidabile, inimitabile scrittore.

Ma nonostante ciò, il lettore rimane positivamente impigliato in un groviglio inestricabile in cui la follia dei personaggi, in particolare, ovviamente, di Konrad, si impone attraverso una serie di minimi eventi, pur se da subito l’autore ci fa sapere che il protagonista è stato arrestato per uxoricidio. E quella intenzione decisiva e sempre presente nel protagonista, e cioè il progetto di scrivere un saggio che dia un significato alla sua, diviene come la sfuggente metafora di una ricerca profonda del proprio esserci, ridotto però nella realtà a un’ipotesi aleatoria, a una persistente illusione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno Film Festival
4 ore
Successione Marco Solari, c’è la commissione
Avanzerà al Cda proposte di possibili candidate o candidati alla successione di Solari. Sarà presieduta da Mario Timbal, direttore Rsi
L’intervista
11 ore
Le Donne, la musica e Ornella Vanoni
Superato l’incidente che ha fermato il tour, l’artista italiana sarà a Lugano venerdì 3 febbraio, con band tutta al femminile (galeotto fu Paolo Fresu)
Scienze
21 ore
Un chip per rilevare e prevenire i sintomi del Parkinson
È stato messo a punto dagli scienziati del Politecnico federale di Losanna. Utile anche nel campo dell’epilessia
Spettacoli
1 gior
È morta Lisa Loring, fu la prima Mercoledì della Famiglia Addams
L’attrice aveva 64 anni ed è deceduta in seguito ad un ictus. Suo il ruolo della figlia di Gomez e Morticia nella serie originale degli anni Sessanta
Scienze
1 gior
Il Covid resta un’emergenza internazionale
Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
L’intervista
1 gior
Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’
Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale
Scienze
1 gior
Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica
Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
1 gior
Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!
A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
2 gior
Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television
Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Scienze
2 gior
Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano
Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
© Regiopress, All rights reserved