laRegione
La recensione
28.09.22 - 17:29
Aggiornamento: 17:49

Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente

Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente

di Enrico Colombo
wagner-ligeti-e-beethoven-tra-passato-e-presente
Roberto Barra
Ivan Fischer & Co.

Che emozione tornare in San Francesco per un concerto sinfonico, adesso che le chiese si svuotano di fedeli e si riempiono di melomani, ricordare il primo concerto delle Settimane musicali ascoltato più di settant’anni fa, con l’allora Radiorchestra diretta da Carl Schuricht e Yehudi Menuhin solista di violino, costretti a esibirsi in una palestra disadorna; ripensare l’affascinante cultura mitteleuropea di Ascona, che ha avuto gli eccentrici ‘balabiott’ del Monte Verità, ma anche il musicista Vladimir Vogel tra i fondatori delle Settimane musicali.

Lunedì scorso la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer ha offerto un programma eclettico e quasi cameristico: il Natale in famiglia dell’‘Idillio di Sigfrido’ (1870) di Richard Wagner, gli sberleffi dei ‘Misteri del Macabro’ (1992) di György Ligeti, l’‘Eroica’ (1804) di Ludwig van Beethoven.

‘Siegfried-Idyll’ è un omaggio natalizio del compositore sessantasettenne alla giovane moglie Cosima e al figlio Siegfried nato un anno prima. L’Orchestra di Budapest aveva eseguito quest’opera un mese fa al Lucerne Festival, ossia a pochi passi da Tribschen dove fu scritta ed ebbe la prima esecuzione. Forse perché lontana da Tribschen, l’esecuzione dell’altra sera è sembrata priva d’intimità cameristica, una lettura corretta ma con poche emozioni. Ivan Fischer ha portato in prima fila i legni, ma non sempre il loro suono è emerso nitido in quello dell’orchestra.

Al centro del programma i brevi, intriganti ‘Misteri del Macabro’ per soprano e orchestra, con la giovane soprano Anna-Lena Elbert, che è stata una gradita rivelazione. Fischer disponeva di sufficienti strumentisti per evitare doppi servizi alle percussioni, alle tastiere e ai fiati. Pur seduto in un’eccellente posizione centrale non sono riuscito a individuare tutti gli strumenti impiegati, ma ho potuto apprezzare come l’orchestra sia stata duttile ai comandi del direttore e mirabilmente espressiva nel dialogo-disputa con la solista. L’interpretazione di Anna-Lena Elbert ha saputo evitare effetti clowneschi e inserire l’opera nel filone maestro del teatro dell’assurdo.

Quando ascolto dal vivo una Sinfonia di Beethoven, mi chiedo: quanti in sala la stanno ascoltando per la prima volta? Forse lunedì in San Francesco erano parecchi, se alla fine del primo tempo è partito un applauso piuttosto convinto, di quelli che disturbano l’esecutore e danno all’ascoltatore l’etichetta di incompetente. Ivan Fischer, che ha schierato il plenum dell’orchestra con una cinquantina di archi sulla base di sei contrabbassi, ne ha comunque dato una buona interpretazione, con scelte ritmiche assai personali.

Il concerto ha avuto un finale insolito e commovente. Agli applausi calorosi, costellati di ovazioni, ai richiami ripetuti del direttore i musicisti hanno risposto così: hanno lasciato gli strumenti, si sono riuniti al centro del palco e hanno cantato a cappella un canto della sera di Zoltan Kodaly.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
3 ore
Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo
Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
Culture
10 ore
Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)
Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Spettacoli
10 ore
È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’
Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
L’intervista
13 ore
Ma tu lo sai almeno cosa è uno stupro?
A colloquio con la scrittrice Valentina Mira, ospite di un incontro a Bellinzona dove si è discusso di violenza di genere e del concetto di vittima
Illustrazione
1 gior
Cesare Lombroso e la fissa per il cranio
La controversa figura del medico, antropologo e criminologo è raccontata dal volume illustrato di Stefano Bessoni. Ma non è un libro per bambini.
Letteratura
1 gior
Addio allo scrittore francese Dominique Lapierre
Autore del best-seller ‘La città della gioia’, dalla Francia all’India, raccontava gli ultimi. È morto all’età di 91 anni.
Società
2 gior
Gli italiani? Un terzo della vita lo passano online
Trent’anni (su una speranza media di 82 anni) vengono spesi in rete. Lo indica un’indagine del servizio virtuale NordVpn
Spettacoli
2 gior
Sanremo da Giorgia ai Cugini di campagna (avete letto bene)
Oxa, Mengoni, Grignani, Paola e Chiara, Elodie, Madame, Articolo 31, Ultimo. Amadeus annuncia i primi 22: presto altri 6 nomi da Sanremo Giovani.
Libri
2 gior
‘L’autunno in cui tornarono i lupi’, storie di uomini e animali
Mario Ferraguti entra nelle teste di entrambi e dipana pensieri reconditi, elabora cause ed effetti, svela un legame arcaico e complesso.
Società
2 gior
A New York la palma di città più cara al mondo
La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
© Regiopress, All rights reserved