laRegione
Cinema
laR
 
28.08.22 - 16:34
Aggiornamento: 18:11

Peter Greenaway tra Parigi e Airolo

Sabato scorso al Cinema Leventina, il regista gallese ha presentato ‘Walking to Paris’, la cui post produzione si deve anche ai Comuni dell’Alta Valle

di Giovanni Medolago
peter-greenaway-tra-parigi-e-airolo
Keystone
Peter Greenaway

Serata d’eccezione quella vissuta sabato scorso al Cinema Leventina di Airolo! La prima mondiale del film ‘Walking to Paris’, in presenza dell’ospite probabilmente più illustre della sua storia quasi centenaria. Il regista britannico Peter Greenaway ha infatti voluto presenziare all’evento, anche per ringraziare i Comuni dell’Alta Valle che hanno contribuito finanziariamente alla post produzione di questo suo ultimo lavoro. Presentato da una raggiante Alis Rizzato – Signora deus ex machina della sala airolese – Greenaway ha anticipato la trama del suo film: il viaggio compiuto a piedi da un giovane Costantin Brancusi. "Quasi due anni e mezzo camminando dal centro della Romania sino a Parigi, circa duemila miglia. La sua famiglia, molto povera, non poteva certo pagargli il biglietto del treno! Brancusi non aveva fretta e lo affascinavano i paesaggi che andava man mano incontrando, evidentemente diversi da quelli odierni. Niente autostrade, poche linee ferroviarie, ma in compenso molti piccoli centri nei quali amò soffermarsi. È chiaro perché Parigi: c’era già Modigliani (pronunciato Maudichiliani dal regista, ndr!), raggiunto poco dopo da Picasso e Dalí." Riferendosi a Airolo&dintorni, Greenaway ha aggiunto di "essere molto contento di ritrovarmi in questi meravigliosi paesaggi, che avevo scoperto durante un sopralluogo. Mancava però la neve, che ho dovuto ricercare altrove". In Ticino, tuttavia, Greenaway ha trovato Carla Yuri, attrice che nel ruolo di Lucia ("Tu porti la luce!") accompagna l’aitante Costantin per un lungo tratto, piazzando anche qualche battuta in dialetto ticinese; Margherita Schoch, che ha una piccola quanto significativa parte (presente in sala ci ha confessato che "è stata un’emozione rivedere le mie scene, anche perché le abbiamo girate ormai quattro anni or sono") e Ariel Salati, il quale ha curato le scene dell’agognato arrivo nella Ville Lumière.

Da sempre interessato alle arti plastiche e figurative (ha del resto ammonito anni orsono: «Penso che nessun giovane cineasta agli inizi dovrebbe avere il permesso di usare una macchina da presa o una videocamera senza avere prima frequentato tre anni di una scuola d’arte»), Greenaway ci propone un Brancusi che lascia sul suo cammino tracce in nuce della sua arte, soprattutto dei "mini menhir" realizzati coi ciottoli che raccoglie sui fiumi che guada senza paura, ripetendo(si) altresì un motto impegnativo: "Crea come Dio, comanda come un re, lavora come uno schiavo". Nel ruolo di Brancusi, Emut Elliot dal canto suo ci presenta un giovane scavezzacollo che non esita a rubare una bicicletta quando i suoi piedi lamentano qualche vescica o il cappello di uno spaventapasseri quando il sole gli piomba a picco sulla crapa. E che però si fa dolce e tenero quando entra in intimità con qualche bellezza muliebre: prima di portarsele a letto, sistema tre prostitute per raffigurarle come Tre Grazie, armato di un carboncino e della sua giovanile virilità. Il regista fa abbondante uso dello split screen, dividendo in più parti l’inquadratura, oppure mostrandocela con l’irruzione di una finestrella che mette in risalto un dettaglio dell’inquadratura stessa.

Da notare infine l’eccellente lavoro del direttore della fotografia. L’olandese Reiner Van Brummelen ci impartisce una (breve) lezione di Storia dell’Arte: gioca quasi in casa riecheggiando i Maestri Fiamminghi, spaziando poi dagli immancabili Impressionisti ai paesaggi cari al Segantini e ai Giacometti, sino al Cristo ligneo e ignudo di Donatello, custodito nell’ex convento di Borgo ai Frati (provincia di Firenze).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Mostra
15 ore
Il ‘caso Fontana’: opere, invenzioni e ingegno
La Pinacoteca Züst e l’Archivio del Moderno (Usi) promuovono l’esposizione della ‘azienda’ dell’architetto di Melide. Sabato 26 novembre, l’inaugurazione.
Spettacoli
17 ore
È morta Irene Cara, la voce di ‘Fame’ e ‘Flashdance’
L’iconica attrice e cantante aveva 63 anni. La sua l’interpretazione venne premiata con un Oscar come miglior canzone.
Castellinaria
17 ore
Castellinaria, ‘Where is Anne Frank!’ vince il Castello d’Oro
Al film d’animazione di Ari Folman il metallo più prezioso del Concorso Kids; nella categoria Young, Premio Tre Castelli all’iracheno ‘The exam’
Castellinaria
18 ore
‘L’ombra del giorno’, storia di Luciano e ‘Anna’
L’amore ai tempi del fascismo in ‘L’ombra del giorno’, bel film di Giuseppe Piccioni che chiude il 35esimo festival del cinema giovane (l’intervista)
Concorso
1 gior
La più bella pubblicità è ‘Fortezza di Bellinzona’ di Variante
Premiata l’agenzia bellinzonese, che ha partecipato insieme a lucasdesign di Giubiasco, Newdeco Agency di Sant’Antonino e Visiva di Camorino
Scienze
1 gior
In pandemia prima volta con la depressione per una persona su 8
Il 13% degli over 50 durante la crisi del Covid ha sperimentato per la prima volta la patologia, soprattutto le persone a reddito più basso
Fuori concorso
1 gior
‘Tori et Lokita’, e i Dardenne d’Onore
Premiata con il Castello d’Onore la coppia di registi, e una storia senza sconti di minori migranti non accompagnati che ha ferito Cannes
Spettacoli
1 gior
Le ‘Fessure’ del Teatro delle Radici, o come riattaccare i cocci
Nuovo spettacolo scritto e diretto da Cristina Castrillo sulle fratture (della vita) e la difficoltà di rimettere assieme ciò che si rompe. A dicembre
Il ragazzo e la tigre
1 gior
Guardandoci col filtro innocente degli animali
A colloquio col documentarista e regista Brando Quilici, che parla della scomparsa delle tigri con il suo recente film. Proiezioni oggi e domani
Pagine scelte
1 gior
‘La fornace’, storia di Konrad che uccise la moglie
Il titolo è il nome dell’assurda abitazione nella quale si rinserra il protagonista del romanzo ossessivo – e come sempre incalzante – di Thomas Bernhard
© Regiopress, All rights reserved