laRegione
14.08.22 - 13:30
Aggiornamento: 15:36

Boom di spettatori al Locarno Film Festival: +60,4%

Si chiude positivamente il bilancio della 75ma edizione del Festival del cinema: 128’500 gli spettatori complessivi alle proiezioni

boom-di-spettatori-al-locarno-film-festival-60-4
Copyright: Locarno Film Festival - Alessandro Crinari

È decisamente positivo il bilancio della 75esima edizione del Locarno Film Festival, conclusa ieri, sabato 13 agosto: durante gli undici giorni della rassegna, sono stati in 128’500 tra spettatori e spettatrici ad assistere alle proiezioni, un aumento del 60.4% rispetto allo scorso anno. Piazza Grande ha fatto registrare 56’500, mentre nelle sale sono state contate 72’000 persone.

Per quanto riguarda i professionisti e le professioniste del settore, gli accrediti, inclusi quelli online, sono stati 3’530, di cui 1’380 rappresentanti dell’industria cinematografica e 706 giornalisti e fotografi. Ottimi anche i risultati della proposta online: sul sito ufficiale del Festival sono stati registrati 160’279 visitatori e visitatrici da tutto il mondo e 2’113’080 visualizzazioni di pagina.

Il presidente Marco Solari ha chiuso ufficialmente il 75esimo Locarno Film Festival: "Questo anniversario ha creato un ponte tangibile tra la nostra tradizione e l’innovazione a cui puntiamo per continuare a essere un Festival di primo piano a livello mondiale. La scelta di costruire un programma aperto anche ad altre iniziative e linguaggi si è rivelata vincente, confermando la città, la regione e il Cantone come un prezioso punto di riferimento culturale, e regalando al pubblico tanto la possibilità di sperimentare, quanto il piacere di rivivere in libertà le esperienze più amate. In questi undici giorni abbiamo toccato con mano il desiderio di partecipazione delle persone e la loro voglia di continuare a essere parte del Festival: non poteva esserci regalo più bello per festeggiare 75 anni di storia."

Il direttore artistico Giona A. Nazzaro ha commentato: "I premi assegnati tanto dalle giurie quanto dal pubblico riflettono la visione che ha guidato le nostre scelte artistiche. A Locarno75 il cinema si è confermato uno strumento imprescindibile per affrontare l’indicibile, il trauma, per avvicinarsi a ciò che sembra lontano, e per dare forma alla complessità del reale includendo le diversità. La risposta del pubblico e la sua apertura alle possibilità del linguaggio audiovisivo sono le premesse per proseguire su questa strada, per continuare a esplorare e ad anticipare le tendenze di un’arte che, come dimostra la storia di Locarno, riesce sempre a trovare mezzi espressivi per parlare al presente."

ll Managing director Raphaël Brunschwig ha tracciato un primo bilancio dell’edizione: "Come era nelle nostre intenzioni, Locarno75 è stata un’edizione più ricca che mai e caratterizzata da un dichiarato equilibrio tra innovazione e tradizione. Siamo ancora più convinti che l’evento di agosto sia il fulcro attorno a cui sviluppare un vero e proprio universo di iniziative ed eventi, l’asse portante capace di sostenere ciò che siamo e ciò che puntiamo a diventare. Lo hanno dimostrato le sale piene per i film della Retrospettiva, così come lo slancio giovanile dell’Atelier du Futur e del BaseCamp. Con la nostra squadra, che è alla base del successo di quest’edizione speciale, siamo pronti per accompagnare i nostri pubblici anche negli altri mesi dell’anno, in un laboratorio permanente che oggi non si chiude, ma riparte in vista di Locarno76."

Negli scorsi giorni si sono concluse anche le giornate e le attività dedicate ai professionisti e alle professioniste dell’industria cinematografica organizzate da Locarno Pro e da Open Doors. I due responsabili, Markus Duffner e Zsuzsi Bánkuti, hanno tracciato un bilancio positivo di questa edizione, in cui le attività in presenza e quelle online hanno permesso a tutti i professionisti e le professioniste del settore di prendere parte ai lavori. Locarno si riconferma quindi una piattaforma internazionale di rilievo per l’industria del cinema, e un luogo di dialogo e incontro per costruire il cinema di domani.

Il Palmarès del Festival 2022, così come gli articoli, la galleria fotografica, le conversazioni fra il pubblico e le personalità omaggiate e gli episodi del nuovo podcast Futurespectives sono disponibili su www.locarnofestival.ch.

Il 76esimo Locarno Film Festival si terrà dal 2 al 12 agosto 2023.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Video
Sogno o son Festival
1 ora
Morandi per la melodia, Pegah per l’Iran, Tananai per l’Ucraina
Dopo l’affondo di Fedez, Sanremo va a letto tardi e si sveglia con il video di Tananai: il suo ‘Tango’ è dedicato all’Ucraina.
Sogno o son Festival
1 ora
Notte in Blanco (fatti mandare dalla mamma a rompere il latte)
Siamo onesti: chi da giovane non ha mai sfasciato un palco? E quante bottiglie avrà spaccato Morandi prima di diventare famoso?
Sogno o son Festival
3 ore
Sanremo, le canzoni ‘Made in Italy’ (le pagelle, seconda serata)
Colapesce Dimartino una certezza, Rosa Chemical un martello, Tananai ebbene sì. La classifica dopo le prime due serate: Mengoni, sempre Mengoni
Arte
19 ore
Poi appare Paolina Bonaparte. E noi ci perdiamo con lei.
Tra le opere di Galleria Borghese per la mostra ‘Meraviglia senza tempo. Pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento’, e la meraviglia del Canova.
Sogno o son Festival
22 ore
Un altro Sanremo dei record (scuse di Blanco incluse)
Giorno due, conferenza tre. Davanti ai numeri ci sono tutti ‘più’. Il sindaco di Sanremo: ‘Non si è mai parlato tanto di fiori come quest’anno’
musec
22 ore
La rivoluzione occidentale dell’arte agli antipodi
A Villa Malpensata, dal 10 febbraio al 1° ottobre, è esposta una settantina di capolavori d’arte dei Mari del Sud, opere della Collezione Brignoni
Culture
23 ore
‘Di alberi e di guerra’ agli ‘Eventi letterari’ del Monte Verità
A inaugurare l’undicesima edizione del festival (30 marzo-2 aprile) sarà l’incontro con Giuliano da Empoli, autore de ‘Il mago del Cremlino’
Spettacoli
1 gior
La solitudine di Ulisse e la cecità umana
Stasera al Lac si replica lo spettacolo di Lina Prosa diretto da Carmelo Rifici. Ottima prova degli interpreti, notevoli le musiche di Zeno Gabaglio.
Sogno o son Festival
1 gior
Giorgia e Sanremo, parole dette bene
Dal 1993 a oggi, ogni sua apparizione all’Ariston è degna di essere ricordata: ‘Torno per rimettermi in gioco, anche se non ho mai smesso di farlo’
Sogno o son Festival
1 gior
Sanremo s’è desta, Blanco devasta
Prima serata, la lezione di educazione civica di Benigni, quella di diseducazione del rapper (?), che rende meno bella la Festa della Repubblica
© Regiopress, All rights reserved