laRegione
Streaming
laR
 
06.08.22 - 21:00

Man! I Feel Like Shania Twain

Su Netflix c’è ‘Shania Twain: Not Just a Girl’, il bel documentario di Ross Crowley sulla ‘Regina del Country Pop’

man-i-feel-like-shania-twain
Keystone

Quando un uomo imbraccia una chitarra in America c’è sempre Dylan di mezzo. E quando lo fa una donna, in un modo o nell’altro c’entra sempre Dolly Parton, soprattutto se è di musica country che si parla. Cresciuta a Timmins, nell’Ontario settentrionale, in una famiglia non esattamente da Mulino Bianco (‘da Truman Show’, continentalizzano) ma che ascoltava tanta musica, l’adolescente canadese Eilleen Regina Edwards – più tardi Eilleen Twain e poi, definitivamente, Shania Twain – ha un orecchio musicale sviluppato, s’accompagna alla chitarra e canta divinamente; Mamma Sharon ci vede lungo e la porta, 11enne, sui palchi dei bar della zona, anche in orari non proprio da 11enni. Ma nulla, in musica, motiva la piccola Eilleen più dell’ascolto di ‘Coat Of Many Colors’, manifesto della bionda e prosperosa Dolly, nata poverissima tra le Smoky Mountains del Tennessee e divenuta un faro per le singer-songwriter d’America e per le donne tutte. Ovvero: "Se lei (Dolly, ndr) è andata da dove stava a dove sta adesso – ricorda Shania riportando parole di Eilleen – ho pensato che avrei potuto farlo anche io".

‘Shania Twain: Not Just a Girl’ è tra le cose belle di Netflix. Ross Crowley, già sceneggiatore di ‘John & Yoko – Above Us Only Sky’ (2018), piazza una telecamera davanti all’artista, seduta in posizione yoga su comodi puf di quella che si presume sia la sua casa di Corseaux (Canton Vaud, con vista sul Lago di Ginevra); tutt’intorno scorrono estratti da Vhs di famiglia, immagini d’archivio delle tv locali e quanto di bello è accaduto alla 56enne star dalle bettole dell’Ontario fino agli stadi in giro per il mondo, dopo aver frantumato tutti i record di vendite nel country con l’album ‘The Woman In Me’ (1995, un Grammy) e dopo l’uscita di ‘Come On Over’ (1997), per molto tempo il disco più costoso della storia, ancora oggi l’album di un’artista donna più venduto al mondo.

‘Not Just a Girl’ è un modo per dire che a partire dal nome d’arte, Shania Twain della propria vita ha scelto tutto: diventare un’artista; diventare famosa; dire la sua sull’immagine; dire la sua sui videoclip (litigando con John Derek, marito di Bo); pretendere di andare oltre il country, rinunciando al tour milionario di ‘The Woman In Me’ per puntare al ‘pure pop’; scegliersi il manager (Jon Landau, quello di Springsteen); ma soprattutto, scriversi le canzoni. ‘Not Just A Girl’, a 12 anni dal divorzio, serve anche a ricordare che Shania Twain non è un prodotto di John ‘Mutt’ Lange, ex-marito e Re Mida del rock, dietro il successo di ‘Highway To Hell’ e ‘Black In Black’ degli AC/DC, e dietro alcune delle cose più redditizie di Def Leppard e Bryan Adams. Fino a ‘Up!’ (2002, terzo disco di diamante consecutivo, almeno 10 milioni di copie vendute cadauno), i brani di Shania – inclusa ‘You’re Still The One’, ballad dalla lenta cadenza, capace di reggere tutte le aspettative seguite al successo di ‘The Woman In Me’ – portano la firma di entrambi.

Sempre in ‘Come On Over’ (12 singoli su complessive 16 tracce), brillano per valore ‘socio-culturale’ (ma va bene pure ‘femminista’) ‘That Don’t Impress Me Much’, nella quale una donna sicura di sé non si fa abbindolare dal primo bellimbusto di turno ("Ah, e così saresti Brad Pitt? Non è che la cosa m’impressioni più di tanto") e ‘Man, I Feel Like a Woman’, dove non è più un lui a farla sentire donna, tema ricorrente in tanta musica, ma è lei stessa felice di sentirsi tale. Inni a parte, e milioni di copie a parte, tanto di cappello (non necessariamente country) a chi il morbo di Lyme ha cambiato la voce e non molla di un centimetro.

TOP NEWS Culture
Scienze
6 ore
Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione
In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
8 ore
Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno
Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
8 ore
Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’
Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Spettacoli
21 ore
Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’
Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
22 ore
Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente
Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
L’intervista
1 gior
Michele Mariotti al Lac, una ‘prima’ per tre
La Prima di Brahms, il primo concerto per violino di Prokof’ev e l’esordio della stagione Osi al Lac, tutto nelle mani del direttore d’orchestra italiano
Spettacoli
1 gior
È morto Bruno Arena de I Fichi d’India
Aveva 65 anni. Nel 2013 era stato colpito da un aneurisma cerebrale
Netflix
1 gior
Wanna Marchi non è pentita, d’accordo?
Su Netflix c’è ‘Wanna’, storia della regina delle televendite in quattro puntate (dedicata a quelli che ‘una volta era meglio’)
Società
1 gior
Pensi di leggere il giornale, ti trovi a far propaganda russa
Facebook blocca profili di una rete fra le più complesse mai individuata attivi soprattutto in Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Ucraina
Spettacoli
1 gior
Riposo vocale per Anastacia, rinviato il concerto di Locarno
Imposizioni mediche impongono la riprogrammazione del live del 29 settembre al Fevi. I biglietti restano validi per la nuova data, di prossimo annuncio
© Regiopress, All rights reserved