laRegione
Musica
24.07.22 - 18:25

Cerno dei Vad Vuc: ‘I medici mi hanno salvato la vita’

Il leader del gruppo racconta dell’aneurisma, dell’ospedale e dell’operazione che aveva già subito. Soprattutto del sentimento di riconoscenza

cerno-dei-vad-vuc-i-medici-mi-hanno-salvato-la-vita
Facebook
Il leader dei Vad Vuc fuori dall’ospedale

"Vi racconto cosa mi è successo". Inizia così il lungo post che Cerno, leader del gruppo ticinese The Vad Vuc, ha consegnato ieri a Facebook raccontando la sua disavventura di salute, fortunatamente con epilogo felice, che lo ha coinvolto qualche tempo fa e che ha costretto la band ad annullare tutti i concerti di quest’estate.

"Durante l’ultima prova dei concerti estivi dei Vad Vuc, avverto una fitta alla schiena. Sul momento, a quel dolore non ho dato molta importanza, perché soffro di frequenti e noiosi mal di schiena", scrive il cantante, che il giorno successivo si reca al lavoro, dove, nonostante gli antidolorifici, la situazione peggiora: "Il dolore sembra avvolgere tutta la gabbia toracica". Dopo aver chiesto un parere al suo medico, si reca al Pronto soccorso ed ecco l’amara sorpresa: aneurisma all’aorta, dalla Tac infatti risultava una piccola protuberanza del vaso sanguigno. Da lì, la vicenda si fa incalzante: "Mi trasportano di corsa al Cardiocentro per capire il da farsi. All’arrivo trovo ad accogliermi diversi medici e cardiochirurghi davanti alla porta d’entrata. Senza perdere tempo mi comunicano che la Tac era impietosa: l’aorta si stava rompendo e bisognava intervenire chirurgicamente. Subito". Per Cerno è un doloroso flashback, l’intervento che dovrà subire è "esattamente lo stesso che avevo subito 16 anni fa. Una delle esperienze più dolorose della mia vita", consegnata anche al brano ‘Caro dottore’. Sempre a ritmo incalzante, racconta il cantautore, "gli infermieri iniziano a prepararmi per l’operazione". Datagli una piccola tregua e sotto monitoraggio in attesa dell’intervento mattutino, durante la notte "mi sveglio di soprassalto: sento un dolore lancinante al petto, come se mi stessero bruciando vivo da dentro. Chiedo aiuto, mi dimeno sul lettino, urlo. Ho paura. Ho paura di morire. Poi non ricordo altro".

"Durante questi anni ho letto molte cose riguardanti l’aneurisma dell’aorta: so che se si rompe, le possibilità di sopravvivenza e di non riportare danni (soprattutto cerebrali) non sono molte, anzi. Ci sono però dei casi in cui succede tutto nel posto giusto e al momento giusto: questo è stato il mio", scrive ancora Cerno, che aggiunge: "Il giorno dopo l’intervento, mentre ero ancora intontito, qualcuno di loro mi bisbiglia nell’orecchio: ‘L’aorta si è rotta, sei un miracolato’".

‘Non so se sono miracolato o più semplicemente fortunato. Mi rendo conto di essere stato graziato, e soprattutto che devo ringraziare dei grandissimi medici, perché è grazie alle loro competenze se oggi esco per l’ennesima volta da un ospedale sulle mie gambe, senza danni, e con la prospettiva di recuperare al 100 per cento".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Teatro Sociale
7 ore
‘The children’, il futuro del mondo è una questione di scelte
Elisabetta Pozzi al Sociale nel pluripremiato testo di Lucy Kirkwood per la regia di Andrea Chiodi. Al centro, l’ambiente, e il destino del pianeta
Spettacoli
18 ore
Gospel Voices Family a Losone per aprire ‘Gospel & Spirituals’
Oggi, giovedì 8 dicembre, alle 17 nella chiesa di San Lorenzo, il quintetto misto di cantanti afroamericani. La rassegna proseguirà fino al 30 dicembre
Scienze
1 gior
Nel cibo ultraprocessato l’insidia del declino cognitivo
In chi eccede, il peggioramento è mediamente del 28% più rapido. Lo indica uno studio coordinato dall’Università di San Paolo, in Brasile
Spettacoli
1 gior
Il ‘Boris Godunov’, una storia russa tra Puskin e Musorgskij
La stagione della Scala di Milano si apre con un’opera ancora attuale: la brama di potere, e la paura di perderlo, ritratte in prosa e, poi, in musica
Pensiero
1 gior
Perché il fascismo è nato in Italia
È il titolo di un notevole saggio appena pubblicato dagli storici Marcello Flores e Giovanni Gozzini. Spoiler: c’entra lo ‘sfarinamento’ dello Stato.
Società
2 gior
Perché (e come) parlare di emozioni a scuola con gli adolescenti
Nel libro ‘In media stat virtus’ idee e attività per l’educazione socio-emotiva negli anni formativi. Anna Bosia: ‘Strumento per docenti ma non solo’.
Scienze
2 gior
Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo
Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
Culture
2 gior
Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)
Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Spettacoli
2 gior
È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’
Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
L’intervista
2 gior
Ma tu lo sai almeno cosa è uno stupro?
A colloquio con la scrittrice Valentina Mira, ospite di un incontro a Bellinzona dove si è discusso di violenza di genere e del concetto di vittima
© Regiopress, All rights reserved