laRegione
Musica
laR
 
18.07.22 - 05:30

Suoni, fulmini e saette: Santilli e Menozzi in ‘Stralüsh’

Spiazzante l’Ep dei due musicisti svizzeri, una convivenza tra clarinetto basso, elettronica e pianoforte tutta da scoprire

suoni-fulmini-e-saette-santilli-e-menozzi-in-stral-sh
Simone Menozzi (sx) e Marco Santilli

Diavolo d’un Santilli. Al secondo 38 di ‘Föra’ parte un piccolo incubo sonoro in cui si vuole tornare, subito, almeno una seconda volta. Un incubo bello, se così si può dire. Gran bel biglietto di presentazione è l’Ep ‘Stralüsh’ (in dialetto, ‘fulmine’) per chi volesse ascoltare un nuovo capitolo della variegata produzione del musicista svizzero chiedendosi se questa volta sarà ‘jazz’, ‘canzone’ o qualche altra diavoleria electro-swing, restando piacevolmente spiazzati dalla definitiva perdita di punti fermi stilistici.

Con Marco Santilli stavolta c’è Simone Menozzi, cui si devono l’elettronica e pure il pianoforte. «Gran merito va a lui che ha creato veri e propri paesaggi sonori», dice il primo; «Del clarinetto basso – dice il secondo – apprezzo particolarmente la sonorità misteriosa e intrigante. L’accostamento con la musica elettronica è sicuramente atipico; in fondo però, ogni suono interessante si presta a essere inserito e riscoperto in ambito elettronico. L’estetica di questa musica si basa spesso su strutture semplici e piccoli cambiamenti. Il fatto d’inserire uno strumento acustico, in questo caso a fiato, contribuisce a dare vitalità, calore e anima a un contesto che a volte può risultare un po’ artificiale». Parafrasando quella cosa che unisce il contadino, il formaggio e le pere, insomma, non far sapere all’ascoltatore quanto è buono il clarinetto basso con l’elettronica. Come nella seduta d’ipnosi intitolata ‘Gàbola’, dove fiato e synth ‘per me pari sono’.

‘Ti spedisco le tracce’

Marco Santilli, cosa ti è venuto in mente? «Abituato a generi acustici, ho accettato la sfida di prestare il clarinetto basso a un contesto elettronico. M’intriga abbinare il mio strumento a nuovi contesti. Non ho mai ascoltato musica prevalentemente elettronica, sentendo però le tracce di Simone ho sentito pure il ‘musicista’ dietro, la cura del dettaglio, dei suoni, il senso della struttura e della drammaturgia». Entrambi based in Zurigo, anche tra Santilli e Menozzi si è messo di mezzo il Covid, nella modalità tipicamente a distanza del "ti spedisco le tracce": «Ho improvvisato su di esse, utilizzando anche effetti speciali tipici della musica contemporanea che avevo un po’ accantonato», ricorda Santilli, «e abbiamo registrato senza mai vederci. A quanto pare, l’isolamento si presta particolarmente alla musica elettronica…».

E ‘Stralüsh’? Simone: «In quanto entrambi ‘esuli’, siamo partiti dal presupposto di usare il dialetto, la nostra lingua madre, quella che ci lega al Ticino e alle nostre radici. ‘Stralüsh’ è un’idea di Marco e ci ha subito convinti per come suona, oltre che per il significato. Una prima lettura si può trovare nel legame tra elettricità e musica elettronica; il lampo è però anche la controparte visiva del tuono, che nel nostro caso è rappresentato dalla musica. Troviamo anche affascinante l’impermanenza e la fugacità: il fulmine c’è ma subito svanisce, così come la musica, che è un’arte che si sviluppa nel tempo». Inoltre, da non sottovalutare: «Il mio primo gatto si chiamava Lampo».

Catalogare (se proprio si vuole)

Dalle note di copertina: "C’è chi lo definisce ‘dark trance jungle breakbeat jazz techno alternative’. Loro però preferiscono pensare in termini di cosa suona fico". La complessa classificazione viene dal losangelino David Gnozzi, specialista delle varie correnti di musica elettronica. Suo il mastering di ‘Stralüsh’, nella hit factory che ha ‘lucidato’ i lavori di Deezel, Ty Oliver, Isabelly Sierra Kelly, Flo Oramasionwu. ‘Dark trance jungle breakbeat jazz techno alternative’: e se lo dicessimo con una parola sola? «È la community di David che ha catalogato il nostro stile», precisa Santilli, che proprio per ‘Föra’ parla di «colori», di vicinanza alla musica contemporanea. «Oltre al groove che contraddistingue il progetto, siamo dei ‘feticisti del suono’, sempre attenti alle sonorità e alla mescolanza dei timbri. Credo che sia questo il nostro vero animo. In generale – aggiunge – potremmo usare l’espressione ‘electronica’, che vuol dire tutto e niente. Come in altre occasioni, pare che anche questa volta facciano fatica a catalogarci. E sì che non lo facciamo apposta...» (ride, ndr).

Da ieri, ‘Stralüsh’ ha il suo video, quello di ‘Tèra’, mentre ‘Griis’ – bella traccia dall’eco oceanico-californiana tipicamente smooth jazz – è stata presentata a ‘BandZ on air’ e «adesso è on air» (Santilli). Il futuro è live. Simone: «Marco è abituato a situazioni acustiche, io sono abituato a lavorare da solo. Sarà un viaggio di scoperta per entrambi» (www.mx3.ch/stralush).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
L’intervista
2 ore
Silvio Orlando, un Momò a Locarno
Sabato 3 e domenica 4 dicembre, l’attore porta in scena ‘La vita davanti a sé’ di Romain Gary, pièce in cui è Momò, bimbo arabo simbolo di convivenza
Culture
1 gior
Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel
Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
Spettacoli
1 gior
Morto Clarence Gilyard, star di ‘Walker Texas Ranger’ e ‘Matlock’
Aveva 66 anni ed era malato da tempo. Nel suo curriculum anche un ruolo di rilievo al cinema in ‘Die Hard - Trappola di cristallo’ e in ‘Top Gun’
Culture
1 gior
‘Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano
È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
Spettacoli
1 gior
‘72 Seasons’, il ritorno dei Metallica con album e tour
Il nuovo lavoro della storica band metal americana uscirà il 14 aprile 2023 e sarà seguito da un lungo giro di concerti fra Usa ed Europa
Libri
1 gior
Le ciliege della costa del Mar Nero
Pubblichiamo un estratto dalla prima sezione del terzo capitolo ‘Üsküdar’ tratto dal libro ‘Un inverno a Istanbul’, tradotto da Laura Bortot
Musica
1 gior
Enrico Fagone tra l’Osi e il Grammy®
Ha diretto la London Symphony Orchestra, solisti Saunghee Lee (clarinetto) e JP Jofre (bandoneon) nel cd ‘Aspire’. È candidato all’Oscar della musica
La recensione
2 gior
Vivian, Edward e Pretty Bryan
Doppio sold out al Lac per l’ottimo ‘Pretty Woman - Il musical’, due ore di buon umore con musiche di Bryan Adams (ti piace vincere facile)
Culture
2 gior
Da Hannah ad Anna, le tante facce della Valle Bavona
Il lucernese Kurt Koller ci parla del suo film ‘Vento di vita vera’ in programma martedì 29 all’Otello di Ascona, con la presenza del regista
Castellinaria
2 gior
Per tutte le Anna Frank del mondo
Highlights della cerimonia di chiusura, palmarès e pensieri in libertà con Flavia Marone, presidente, e Giancarlo Zappoli, direttore artistico
© Regiopress, All rights reserved