laRegione
robin-williams-non-aveva-il-parkinson-ma-demenza-a-corpi-di-lewy
Keystone
05.07.22 - 19:13
Aggiornamento: 20:52
Ats, a cura di Red.Web

Robin Williams non aveva il Parkinson ma demenza a corpi di Lewy

A scoprirlo, solo dopo il suo suicidio nell’estate del 2014, è stata la vedova Susan Schneider Williams

Robin Williams, che si pensava avesse il Parkinson, era invece affetto dalla demenza a corpi di Lewy. A scoprirlo è stata la vedova Susan Schneider Williams. L’attore si era suicidato nell’estate del 2014.

Grazie a un’autopsia del suo cervello è stata confermata la diagnosi e – ha spiegato alla Cnn – da allora la moglie è diventata un’attivista nel diffondere consapevolezza e ricerca sulla malattia. "Non potrei sopravvivere con me stessa se non raccontassi questa storia", ha spiegato.

In un’intervista ha raccontato come la malattia di suo marito, diagnosticata erroneamente come Parkinson diversi mesi prima della sua morte, ha preso forma. Alla demenza da corpi di Lewy è associato un elenco di circa 40 sintomi, e i primi che Williams ha iniziato a mostrare nel 2012 sono stati paura e ansia implacabili, poi è iniziata la paranoia.

"Riguardava la regione del suo cervello che aveva una quantità enorme di corpi di Lewy", ha sottolineato Schneider Williams: "Quell’area riguarda la nostra capacità di regolare le emozioni, in particolare la paura e l’ansia. E quella di Robin era sostanzialmente rotta". Ma quando il corpo di Lewy "ha davvero preso il controllo", ha aggiunto, è iniziato il ciclo delirante: "Il tuo cervello inventa una storia di ciò che pensi sia la realtà. E le persone intorno a te non sono in grado di riportarti a ciò che è effettivamente reale".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
demenza parkinson robin williams
TOP NEWS Culture
Scienze
2 ore
In Asia i coronavirus selvatici infettano 60’000 persone l’anno
Nella quasi totalità dei casi i virus trasmessi dai pipistrelli non sono in grado di replicarsi e trasmettersi in maniera efficiente nell’uomo
Sostiene Morace
5 ore
Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film
I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna
Locarno 75
7 ore
Una conferenza di 24 ore per parlare di attenzione
Più che un calo di concentrazione, un sistema che spinge verso la distrazione. Le alternative? Le mostra Rafael Dernbach
Scienze
9 ore
Arrivano le ‘Lacrime di San Lorenzo’ ma con la Luna piena
Gli esperti consigliano di osservare le stelle cadenti con qualche giorno di anticipo, oppure aspettare l’ultima parte della notte
Locarno 75
9 ore
Il Cinema canta in Piazza e in Concorso
Un disincantato ‘Gigi la legge’, la voglia di essere vivi che sprizza in ‘Tengo sueños eléctricos’, emozioni forti in ‘Last Dance’ di Delphine Lehericey
Locarno 75
10 ore
Alexander Sokurov divide il Festival con un film immenso
Ode a ‘Skazka’ (Fairytale), del maestro russo; al suo confronto scompare ‘Il Pataffio’. Da applausi l’opera di Sylvie Verheyde
Locarno 75
21 ore
Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni
La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
23 ore
Morta Olivia Newton-John, star di Grease
Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
1 gior
Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’
Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
L'intervista
1 gior
Tre uomini nel ‘Delta’
Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
© Regiopress, All rights reserved