laRegione
peter-brook-ha-vissuto-il-teatro-la-sua-vita-fino-alla-fine
Keystone
Un uomo giusto e di grande umanità
Teatro
03.07.22 - 19:06
Aggiornamento: 19:39

‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’

David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’

«Ha vissuto il teatro, che era la sua vita, fino alla fine. Lui ha portato la magia sul palco, in un modo unico e originale». David Dimitri – acrobata e presidente della Fondazione Dimitri di Verscio, nonché direttore del Winterfest di Salisburgo – ricorda così il regista britannico Peter Brook, definito leggendario maestro e mostro sacro della drammaturgia del Novecento, morto sabato 2 luglio a Parigi, all’età di 97 anni.

Ambasciatore di William Shakespeare nel mondo, Brook «è stato un maestro con un’opinione forte e precisa sul teatro. Una delle sue lezioni più importanti – cui è stato fedele costantemente – è il significato, il senso che una pièce deve sempre portare sul palco. Il teatro per lui deve smuovere le persone, deve essere autentico», egli stesso aveva dichiarato "il teatro è lo specchio della società, e lo specchio non ha bisogno di cornici dorate". Soprattutto, era dell’opinione che il teatro non possa essere solo intrattenimento, altrimenti «è morto e senz’anima».

Per Brook, continua il nostro interlocutore, essenziale era anche lo spazio della messa in scena, per questo aveva scelto l’ambiente raccolto e autentico del Teatro Dimitri per la rappresentazione di ‘The Prisoner’ nel 2018 e di ‘Why’ nel 2019; una coproduzione della compagnia parigina Théâtre des Bouffes du Nord con il Teatro Dimitri.

La chiara fama di uomo e maestro di teatro è indiscussa, così come «la sua grande umanità. I suoi collaboratori, che in parte conosco bene, me lo hanno detto sempre. Brook teneva molto al fatto che potessero operare con buone condizioni di lavoro, teneva alla collegialità della sua squadra. C’era amicizia», rammenta il nostro interlocutore che, fra le righe, si sovviene di quella volta che con suo padre Dimitri aveva conosciuto il regista in carne e ossa, circa trent’anni fa. «Non molto tempo fa ci aveva lasciato un messaggio in cui diceva di volerci venire a trovare… così è la vita», chiosa David con voce sommessa.

Un pittore scenografo conosciuto nella Seconda guerra mondiale

Lasciando Verscio, il lavoro di Brook è approdato anche al Lac con la rappresentazione di ‘The Valley of Astionishment’ nel 2015. Nel 2010, la stagione del Teatro San Materno di Ascona aveva proposto nella programmazione una sua pièce.

E proprio nel Borgo, Brook ci era arrivato nel 2009 per omaggiare un suo grande amico: l’artista Rolf Gérard, che all’epoca compì cento anni. Nato a Berlino nel 1909, Gérard conobbe e iniziò a collaborare con Peter Brook a Londra "in mezzo al fragore delle armi" della Seconda guerra mondiale. Una volta finito il conflitto i due si ritrovarono e per Brook, Gérard curò, fra gli altri, l’allestimeto scenografico di "Romeo e Giulietta", andato in scena a Stratford-upon-Avon, città natale di William Shakespeare.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
david dimitri lutto teatro peter brook
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno 75
6 ore
‘Sermone ai pesci’ è il canto di un’umanità sconfitta
Il film di Baydarov è fra le proposte di oggi in Concorso insieme a ‘Serviam - Ich will dienen’, dove si calpestano i sentimenti dei personaggi
Culture
8 ore
A proposito di Robert Walser
Dalle parole ‘walseriane’ Dino Buzzati lo spunto per raccontare il poeta e scrittore svizzero, che fu sempre matto o non lo fu mai
L’intervista
11 ore
Sophie Marceau e le donne ‘di tutti i tempi’
Era in Piazza con ‘Un femme de notre temps’. Convive pacifica col manifesto generazionale che la lanciò, crede nel lavoro ‘ma è più utile l’esperienza’.
Musica
18 ore
Addio a Lamont Dozier, leggenda del soul
Fu uno dei più grandi cantanti soul della Motown, è morto all’età di 81 anni. Suoi i brani più famosi delle Supremes
Locarno 75
18 ore
In Piazza Grande la fine del ‘Tempo delle mele’
Da ‘Une femme de notre temps’ di Civeyrac, con Sophie Marceau quale attrice protagonista, emergono alcune criticità confessate dal regista stesso
Scienze
22 ore
In Asia i coronavirus selvatici infettano 60’000 persone l’anno
Nella quasi totalità dei casi i virus trasmessi dai pipistrelli non sono in grado di replicarsi e trasmettersi in maniera efficiente nell’uomo
Sostiene Morace
1 gior
Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film
I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna
Locarno 75
1 gior
Una conferenza di 24 ore per parlare di attenzione
Più che un calo di concentrazione, un sistema che spinge verso la distrazione. Le alternative? Le mostra Rafael Dernbach
Scienze
1 gior
Arrivano le ‘Lacrime di San Lorenzo’ ma con la Luna piena
Gli esperti consigliano di osservare le stelle cadenti con qualche giorno di anticipo, oppure aspettare l’ultima parte della notte
Locarno 75
1 gior
Il Cinema canta in Piazza e in Concorso
Un disincantato ‘Gigi la legge’, la voglia di essere vivi che sprizza in ‘Tengo sueños eléctricos’, emozioni forti in ‘Last Dance’ di Delphine Lehericey
© Regiopress, All rights reserved