laRegione
forever-marilyn-il-mito-della-diva-tra-foto-e-memorabilia
Keystone
‘Gli uomini preferiscono le bionde’
02.07.22 - 16:45
Ats, a cura de laRegione

Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia

A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche

A sessant’anni dalla morte di Marilyn Monroe apre oggi alla Palazzina di Caccia di Stupinigi la mostra-evento Forever Marilyn dedicata alla diva.

Per la prima volta in Italia la selezione più ampia di fotografie realizzate dal suo amico storico Sam Shaw: scatti in bianco e nero e a colori, nel suo privato e nel backstage dei film di maggior successo.

La mostra racconta, in un allestimento coinvolgente, la relazione tra Marilyn Monroe e Arthur Miller, drammaturgo e sceneggiatore statunitense, suo terzo marito. Tra i tesori in mostra i memorabilia di proprietà del co-curatore tedesco Ted Stampfer, maggior collezionista al mondo di oggetti di Marilyn, acquistati nelle aste – tra queste Christie’s e Julien’s – che dal 1999 hanno reso pubblici i beni personali della Monroe, fino ad allora chiusi in casse.

Sono esposti oltre sessanta pezzi: articoli di bellezza, abiti, scarpe, i biglietti aerei originali della diva, foto e oggetti personali e di scena, come il mitico ventilatore, usato per il film "Quando la moglie è in vacanza".

Per la prima volta in Italia saranno visibili il copione di questo film e la foto originale della Monroe che esce trafelata dal St. Regis Hotel di New York poco prima che sia filmata la scena iconica della metropolita con il vestito bianco sollevato dall’aria proveniente dalle grate della metropolitana.

Ci sono anche la lettera d’amore ad Arthur Miller, l’abito indossato da Marilyn durante il matrimonio con lo sceneggiatore e il tubetto di colla con cui la diva si applicava le ciglia finte.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
marilyn monroe mostra torino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno 75
4 ore
‘Sermone ai pesci’ è il canto di un’umanità sconfitta
Il film di Baydarov è fra le proposte di oggi in Concorso insieme a ‘Serviam - Ich will dienen’, dove si calpestano i sentimenti dei personaggi
Culture
6 ore
A proposito di Robert Walser
Dalle parole ‘walseriane’ Dino Buzzati lo spunto per raccontare il poeta e scrittore svizzero, che fu sempre matto o non lo fu mai
L’intervista
9 ore
Sophie Marceau e le donne ‘di tutti i tempi’
Era in Piazza con ‘Un femme de notre temps’. Convive pacifica col manifesto generazionale che la lanciò, crede nel lavoro ‘ma è più utile l’esperienza’.
Musica
16 ore
Addio a Lamont Dozier, leggenda del soul
Fu uno dei più grandi cantanti soul della Motown, è morto all’età di 81 anni. Suoi i brani più famosi delle Supremes
Locarno 75
16 ore
In Piazza Grande la fine del ‘Tempo delle mele’
Da ‘Une femme de notre temps’ di Civeyrac, con Sophie Marceau quale attrice protagonista, emergono alcune criticità confessate dal regista stesso
Scienze
20 ore
In Asia i coronavirus selvatici infettano 60’000 persone l’anno
Nella quasi totalità dei casi i virus trasmessi dai pipistrelli non sono in grado di replicarsi e trasmettersi in maniera efficiente nell’uomo
Sostiene Morace
23 ore
Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film
I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna
Locarno 75
1 gior
Una conferenza di 24 ore per parlare di attenzione
Più che un calo di concentrazione, un sistema che spinge verso la distrazione. Le alternative? Le mostra Rafael Dernbach
Scienze
1 gior
Arrivano le ‘Lacrime di San Lorenzo’ ma con la Luna piena
Gli esperti consigliano di osservare le stelle cadenti con qualche giorno di anticipo, oppure aspettare l’ultima parte della notte
Locarno 75
1 gior
Il Cinema canta in Piazza e in Concorso
Un disincantato ‘Gigi la legge’, la voglia di essere vivi che sprizza in ‘Tengo sueños eléctricos’, emozioni forti in ‘Last Dance’ di Delphine Lehericey
© Regiopress, All rights reserved