laRegione
Musica
12.06.22 - 20:08
Aggiornamento: 21:51

Nuova Compagnia di Canto Popolare in terra di confine

Sabato a Chiasso per Festate, l’ensemble di musica tradizionale campana porta ‘Napoli 1934’, ‘Tenco’ al miglior album dialettale. Parla Fausta Vetere

nuova-compagnia-di-canto-popolare-in-terra-di-confine
Un pezzo di storia della world music italiana in Piazza Indipendenza per ‘Festate - Festival di cultura e musiche dal mondo’

La prima volta in Svizzera fu nel luglio del 1983, nel ‘Gurten’ di Berna appena trasformatosi da ‘Folkfestival’ in ‘Internationales’, ma non meno folk degli inizi. Poi Lucerna, una decina di anni fa, alla Kkl per il concerto di Capodanno con la Luzerner Sinfonieorchester diretta da Enrique Mazzola. «Mi fa tanto piacere tornarvi», dice Fausta Vetere, voce e chitarra della Nuova Compagnia di Canto Popolare (Nccp), sorta di patrimonio itinerante della tradizione musicale campana. Nati a fine anni 60 per diffonderne valori e contenuti autentici, sabato 18 giugno saranno in Piazza Indipendenza a Chiasso per ‘Festate - Festival di cultura e musiche dal mondo’ (www.centroculturalechiasso.ch). «Ricordo anche un battesimo luganese negli anni 70, con la televisione svizzera, in una trasmissione curata dal Quartetto Cetra» aggiunge Vetere, a nome di una formazione che ha superato ampiamente il giro di boa dei cinquant’anni di musica, teatro, studi filologici, ricerche etnomusicologiche. E concerti, infiniti.

Esplosa al Festival dei Due Mondi di Spoleto, edizioni ’72 e ’74, e con ‘La gatta Cenerentola’, opera teatrale scritta da Roberto De Simone (membro co-fondatore, fuoriuscito nel 1978), la Nccp ha attraversato epoche e generi musicali, sempre nel solco del folk e della world music, tra riconoscimenti e collaborazioni. L’ultimo lavoro pubblicato è ‘Napoli 1534. Tra moresche e villanelle’, presentato in anteprima nazionale all’Auditorium Parco della Musica di Roma, Targa Tenco nel 2020 al miglior album in dialetto, ma anche testamento di Corrado Sfogli, marito di Vetere, scomparso nello stesso anno. Oltre a Fausta, lo suoneranno e canteranno a Chiasso anche Gianni Lamagna (voce), Carmine Bruno (percussioni, tamburi a cornice, tammorra), Marino Sorrentino (fisarmonica, tromba, flauto), Michele Signore (violino, mandoloncello, lyra pontiaca), Pasquale Ziccardi (voce, basso) e Umberto Maisto (chitarra classica, bouzouki, mandolino).

Chiasso, terra di confine, incontra Napoli, città che come poche al mondo ha prodotto contaminazioni sonore così ricche…

Penso si tratti di una vera e propria tradizione nella storia della musica. Napoli è la città di Pergolesi, di Paisiello, autori indimenticabili che hanno usato strumenti popolari come la chitarra barocca, il mandolino, il colascione, il mandoloncello, dal suono veramente unico, e che ha contraddistinto anche le opere del Settecento, spesso contenenti piccoli ricami musicali ‘cuciti’ con questi strumenti. La chitarra barocca è d’altra parte lo strumento dal quale nasce la nostra chitarra classica. Napoli ha nel suo Dna l’accompagnare le melodie con questi strumenti affascinanti, e dalla musica arriva fino al teatro, perché basta attraversarla nei suoi vicoli, nella sua parte storica, e puoi godere di piccoli frammenti teatrali anche nelle persone che la vivono.

‘Napoli 1534’: di che si tratta?

È un lavoro di riproposta di antiche villanelle che già avevamo realizzato negli anni 70 con Roberto De Simone, ma era rimasta una grande quantità di materiale inedito e completamente dimenticato. Corrado Sfogli è andato a recuperarlo per riproporlo. S’è immaginato nei panni del principe Ferrante Sanseverino (1507-1568, ndr), mecenate napoletano delle arti e della cultura che raccoglieva artisti di strada e li faceva confluire a palazzo Sanseverino, oggi facciata della Chiesa del Gesù. Corrado s’è ‘incorporato’ in Ferrante per scrivere questa passeggiata napoletana del 1534, raccogliendo ogni spunto possibile, dal mercante che canta in strada al rituale del pescatore che si auspica che la pesca sia fruttuosa, fino alle danze moresche eseguite fuori dal Maschio Angioino, castello che fu dimora delle danze orgiastiche degli schiavi venuti a servire nelle case dei nobili.

Cito sue parole, più o meno testuali: "A un certo punto della nostra carriera ci siamo accorti che il pubblico aveva capito che la canzone napoletana non è soltanto ‘O sole mio’"…

E meno male! (ride, ndr). Per le prime esibizioni in Germania preparammo un repertorio di villanelle, moresche e tarantelle. Alla fine del concerto, dopo l’applauso che il pubblico sempre ci riservava, qualche nostro connazionale veniva sotto il palco a chiederci "una canzone veramente napoletana", perché in quel tipo di repertorio proprio non si riconosceva. Quel pubblico era abituato a ‘Reginella’, ‘Santa Lucia’, ‘O sole mio’, a quel tipo di canzone classica, bellissima, contemporaneamente alla quale viaggiava però un repertorio completamente sconosciuto ma che è esistito, e che noi abbiamo recuperato, dal quale i grandi musicisti del Settecento potrebbero avere attinto. Quasi mille villanelle hanno viaggiato in tutta Europa, finite nelle mani dei molti invasori che Napoli ha avuto. Le ultime furono quelle sottratte dai tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale.

In ‘50 anni in Buona Compagnia’, album del vostro 50ennale, non poteva mancare ‘Tammurriata nera’. È sorprendente come nel 1974, quando il brano fu pubblicato, la musica popolare occupasse le top ten delle classifiche e vendesse centinaia di migliaia di copie…

Nostro malgrado, devo dire. ‘Tammurriata nera’ fu una delle poche occasioni in cui il maestro De Simone aveva permesso a una cantante, la brava Gabriella Ferri, di utilizzare questo pezzo. L’esecuzione nacque su commissione, perché il brano non faceva parte del nostro repertorio abituale. Lo allestimmo per una trasmissione Rai che parlava del dopoguerra, della Napoli del ’44, invitati a eseguirla dal regista Antonello Falqui. ‘Tammurriata nera’ era conosciuta come ‘canzonetta’, in una versione divertente che purtroppo equivocava il reale significato.

Roberto Murolo ne aveva fatto una versione assai sdolcinata, così noi pensammo di riportarla alla sua vera natura. Il testo dice cose gravi, di come dopo che gli americani avevano lasciato Napoli, alla fine della guerra, fossero nati tanti bimbi di colore senza una paternità precisa, cui le mamme, nonostante tutto, avevano dato nomi napoletani come Ciro, il bimbo di cui si canta nel pezzo, e di questi ‘figli della guerra’ la musica napoletana ha un perfetto esempio nel sassofonista James Senese. Quello narrato nella canzone, quindi, era un fatto drammatico, storicamente rilevante, e ‘Tammurriata nera’ non era nata dolce, ma amara. Successe che dopo la nostra versione, molti di coloro che ci avevano ascoltati in quella trasmissione ci dissero: "Avete rovinato una canzone!". ‘Tammurriata nera’ fu il nostro successo discografico più grande, e l’avevamo semplicemente restituita alla realtà.

La Nuova Compagnia di Canto Popolare è anche parte di quel Napule’s Power che a Napoli creò un nuovo suono…

Napule’s Power è una definizione di Renato Marengo, nostro produttore discografico del tempo e che tuttora s’interessa molto a noi. Sì, ne abbiamo fatto parte come tanti altri napoletani. In quella Napoli soffiava un’aria di grandissima creatività, cresciuta in mezzo a una forte amicizia che ci legava, per esempio, a Enzo Avitabile, Tony Esposito, ai Napoli Centrale. Abbiamo suonato nei primi dischi di Edoardo Bennato, fratello di Eugenio che stava nella Nuova Compagnia. Io ho cantato con gli Osanna e tanti altri, in un momento di grande rinascimento musicale.

Di Napule’s Power pulsava anche Pino Daniele…

Con Pino si sarebbe dovuto fare un disco, poi decidemmo di rimandarlo. Avrebbe dovuto partecipare ai nostri cinquant’anni, ma ci ha lasciati prima e un pezzo che avevamo scritto appositamente per lui non è mai stato inciso. Pino è stato un grande amico, una grande persona. Abbiamo fatto spettacoli bellissimi al Palapartenope, sei serate una più emozionante dell’altra.

Il cinquantennale è abbondantemente trascorso e questa ‘fame’ di tradizione, di musica popolare da parte di chi ascolta sembra aumentare: da cosa dipende?

È vero, ma anche noi musicisti sentiamo di voler ritornare all’acustico, quello che per me non è involuzione, piuttosto una specie di evoluzione. Perché laddove tutto si consuma nel giro di poco, laddove su internet si possono trovare i dischi di chiunque, è ancora forte l’esigenza di ascoltare un gruppo live, con le proprie voci e i propri respiri. Avverto questa cosa come artista e penso che anche il pubblico goda maggiormente se il suono non è perfetto, se si può ascoltare la musica e non solo cantarla come, chessò, a un concerto di Vasco, dove con decine di migliaia di persone che cantano, al massimo si riesce ad ascoltare la propria voce. Io invece sento questa esigenza della musica live, il tocco della chitarra, non amplificata, dei suoni naturali, senza inganni. Il mio compagno direbbe: "Te si fatta tropp’antica!". E poi oggi tutti viaggiano con le nacchere in tasca, e se non è pizzica è tammurriata (ride, ndr). Al di là della moda, se la musica ti trasporta e ti emoziona, è giusto che ti alzi e ti muovi.

C’è anche Eduardo De Filippo nella vostra storia…

Eduardo, senza di lui… Magari avremmo avuto altre occasioni, ma è stato Eduardo che ci ha dato l’internazionalità. Dapprima ci mise a disposizione il suo teatro, alla fine dei suoi spettacoli pomeridiani. Usciva sul palcoscenico in vestaglia e diceva: "Non ve ne andate, perché adesso vi faccio ascoltare un gruppo di ragazzi che meritano attenzione. Sono il seguito del mio lavoro su Napoli". In platea c’era il suo pubblico, c’erano i giornalisti che lui stimava, i critici di punta. Ci obbligava a non fare più di due canzoni: "Se vogliono la terza, vi devono venire a sentire e pagare", diceva. Il Festival dei Due Mondi si deve alla sua intercessione. Ci ha voluto bene e noi gli portiamo eterna gratitudine.

A Chiasso canterete la Napoli del 1534: com’è la sua Napoli cinquecento anni dopo?

Vivo a Caserta, ma sono nata a Mergellina. Proprio giorni fa ho visto sui social un video che ritraeva il palazzo nel quale sono nata, le strade che mi hanno visto bambina, studentessa. Io sono napoletana, e ci sono i napoletani buoni e quelli cattivi, come in tutta Italia. Napoli ha vissuto purtroppo grandi problemi e li ha tuttora, da una parte forse irrisolvibili. Mi piacerebbe che il suo popolo amasse un po’ di più la città e la preservasse dal male. Stiamo facendo di tutto per riportarla a una giusta misura, nazionale e internazionale, è una città che offre tanta storia, è unica. Mi emoziona e continuerà a emozionarmi. So che è molto difficile, ma vorrei tanto che i miei figli, camminando per le sue strade, possano provare i miei stessi sentimenti.


Nel 1976, con Peppe Barra (dx)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Gallery
Sogno o son Festival
2 ore
Sanremo dalla A di Oxa alla W di Will (un vademecum)
Cantanti e canzoni dell’edizione che prende il via questa stasera, breve guida all’ascolto
Scienze
4 ore
Guardi serie tv? Puoi dormire sonni tranquilli
Secondo uno studio dell’Università di Friburgo, anche maratone da molti episodi con finali carichi di suspense non influenzano il riposo notturno
Spettacoli
4 ore
Sergio Castellitto a Chiasso è ‘Zorro, eremita sul marciapiede’
L’attore riporta sul palco il vagabondo che ripercorre vita e scelte che lo hanno potato a vivere sulla strada. Dal romanzo di Margaret Mazzantini
Sanremo
5 ore
Mattarella in sala, Benigni sul palco: Sanremo apre col botto
Conferenza n. 2: sarà la notte della Repubblica (in senso positivo) ma anche quella di Chiara Ferragni co-conduttrice
animazione
8 ore
Gli effetti psichedelici in ‘The Freakouts’ di Bruno Machado
Insieme a una manciata di musicisti, l’illustratore ha realizzato un progetto indipendente che parla del consumo di sostanze attraverso sei facce
Sogno o son festival
11 ore
Il Festival di Rapallo
Inizia questa sera. Che piaccia oppure no, Sanremo è cambiato. Non ora e nemmeno ieri; comunque, mai quanto quest’anno
Pensiero
11 ore
La lunga crisi della democrazia
Archiviata l’illusione circa la ‘fine della Storia’, avanzano autoritarismo e sovranismo. Se ne parla domani all’Usi
Illustrazione
1 gior
Contro il peso della guerra, Tove diede vita ai Mumin
Iperborea ripubblica a colori le storie della famiglia di troll che, con poesia e ironia, affrontano la quotidianità. Anche quella di oggi
Sanremo
1 gior
Il Sanremo di Morandi e Amadeus: ‘I superospiti sono in gara’
I temi della conferenza: dal bar di Monghidoro a Mahmood e Blanco, da ‘Volare’ a Zelensky, fino all’ordine di uscita delle prime due serate
Arte
1 gior
La pittura di genere e la sua funzione civile
Le opere di ‘Milano da romantica a scapigliata’ abitano le stanze del Castello Visconteo Sforzesco di Novara, fino al 10 aprile 2023
© Regiopress, All rights reserved