laRegione
09.06.22 - 14:04
Aggiornamento: 19:28

Christian Weidmann lascia l’Orchestra della Svizzera italiana

Il direttore Osi ha comunicato le sue dimissioni al Consiglio di fondazione mercoledì scorso. Se ne va per motivi familiari e nuove sfide professionali

christian-weidmann-lascia-l-orchestra-della-svizzera-italiana
Christian Weidmann

Christian Weidmann, direttore artistico-amministrativo dell’Orchestra della Svizzera italiana (Osi), ha dato le sue dimissioni. La decisione del direttore di rassegnare le dimissioni è stata da lui comunicata durante la seduta del Consiglio della Fondazione per l’Orchestra della Svizzera italiana (Fosi) svoltasi mercoledì 8 giugno. Le motivazioni, riporta un comunicato stampa, sono familiari, nonché professionali in ottica di un’apertura a nuove sfide. Per "l’ottimo lavoro svolto" il Consiglio di fondazione fa i migliori auguri al dimissionario.

Non sono ancora trascorsi due anni da quando Weidmann è entrato in carica (era il 1° agosto 2020), accompagnando in questo periodo l’Orchestra in uno dei momenti più difficili della sua storia quasi centenaria a causa della pandemia, che ha messo a dura prova la struttura, sia dal profilo artistico sia finanziario.

"Nonostante i tempi complicati, insieme allo staff, ai musicisti, al direttore principale Markus Poschner e al Consiglio di fondazione, il periodo della pandemia è stato sfruttato al meglio per compiere importanti passi nello sviluppo dell’Osi, lanciando con successo nuovi formati quali il progetto creativo Tracce e i concerti open-air, sia a Carona in Piazza Montàa che a Bellinzona presso la sede dello sponsor principale BancaStato; a ciò va aggiunto il festival Presenza con la celeberrima violoncellista Sol Gabetta, la cui prima edizione conclusasi pochi giorni fa ha riscosso un grande successo", ricorda il comunicato. Nonostante il Covid (di cui più ha sofferto la tournée), "l’Osi ha potuto mantenere una presenza nazionale e internazionale grazie ai concerti al Musikverein di Vienna, allo Stadtcasino di Basilea, nonché al festival Septembre musical di Montreux. Anche le produzioni discografiche sono ripartite e sono state avviate nuove collaborazioni con le etichette Ecm e Claves. Nonostante la pandemia, il numero di abbonati non è crollato, ma è addirittura in leggera crescita. Attraverso un innovativo progetto con il fotografo Kaupo Kikkas, l’Osi è infine apparsa nella sua comunicazione esterna in una veste completamente rinnovata", si legge ancora.

Tenuto conto della tenacia dell’Orchestra e dei suoi progetti orbitanti, il direttore ha ritenuto propizio il momento "per un cambiamento ai vertici della Fosi, per permettere all’Orchestra di proseguire il suo percorso di crescita post-pandemico con un nuovo capitolo. Weidmann resterà in carica fino al 30 settembre prossimo, per poi concentrarsi sulla propria attività in Argovia, dove risiede tra l’altro il centro dei suoi interessi personali e familiari", chiosa la nota stampa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
L’intervista
3 ore
Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni
Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
12 ore
Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp
Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
17 ore
Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian
La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
19 ore
È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda
Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
23 ore
Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna
Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Spettacoli
1 gior
‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’
Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
1 gior
Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione
Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
La recensione
1 gior
Osi al Lac, un memorabile Prokof’ev
La sala ha potuto godere di un bel programma dedicato al grande compositore. Eccezionale interpretazione di Marc Bouchkov
Settimane Musicali
2 gior
Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall
Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Spettacoli
2 gior
Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil
Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
© Regiopress, All rights reserved