laRegione
02.06.22 - 14:50
Aggiornamento: 17:17

La sindaca di New Orleans in visita al JazzAscona

LaToya Cantrell firmerà il gemellaggio ufficiale il 25 giugno prossimo insieme al suo omologo Luca Pissoglio

la-sindaca-di-new-orleans-in-visita-al-jazzascona
JazzAscona
La sindaca di New Orleans, LaToya Cantrell

In occasione della 38esima edizione di JazzAscona (dal 23 giugno al 2 luglio), ad accompagnare la folta delegazione di artisti e musicisti di New Orleans sulle rive del Lago Maggiore ci sarà pure una rappresentanza della politica con alla testa la sindaca della Città sul Mississippi, LaToya Cantrell, che sarà in visita ufficiale ad Ascona per tre giorni. Cantrell seguirà il festival, visiterà la regione e firmerà il gemellaggio ufficiale con il Comune di Ascona il 25 giugno insieme al collega asconese Luca Pissoglio. L’accordo era stato annunciato lo scorso autunno, al momento della firma di un protocollo d’intesa.

L’arrivo nel Borgo della massima autorità di New Orleans è un evento destinato a restare negli annali del festival e anche in quelli del comune ticinese. Non succedeva infatti dai tempi di Sidney J. Barthelemy – nella seconda metà degli anni 80 quando JazzAscona ancora si chiamava Festa New Orleans Music – che un sindaco della "Big Easy" visitasse la cittadina sul Lago Maggiore.

New Orleans è la prima città con cui Ascona si gemella ufficialmente. A innescare sin dal lontano 1985 la scintilla fra le due località è stato il festival del jazz. In quasi 40 anni di storia, la manifestazione ha ospitato migliaia di musicisti di New Orleans e fra le due comunità si è creata col tempo una serie di legami culturali, economici e umani.

Una collaborazione ancora più serrata

Nei prossimi anni Ascona e New Orleans intendono collaborare maggiormente nell’ambito del festival, ma anche intensificando gli scambi culturali, educativi, turistici ed economici. Si pensa, ad esempio, a eventi mirati ad Ascona e New Orleans, scambi a livello accademico e culturale tra i rispettivi musei e istituzioni culturali, a una cooperazione tra i dipartimenti del turismo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
8 ore
Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano
Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
L’intervista
21 ore
Si alza forte ‘Il suono della guerra’
Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
SALUTE
1 gior
L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus
Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
1 gior
John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo
Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
1 gior
L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora
La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
1 gior
Il furto della memoria
A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
1 gior
Raccontarsi con una lingua adottiva
Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
1 gior
Il volontario Guido e Margherita
Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
1 gior
Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola
Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Scienze
2 gior
Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima
Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
© Regiopress, All rights reserved