laRegione
la-danger-zone-di-top-gun
© 2022 Paramount Pictures. All Rights Reserved
Più di un’operazione nostalgia
La recensione
laR
 
27.05.22 - 05:30
Aggiornamento: 16:04

La ‘Danger zone’ di Top Gun

Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta

‘Top Gun’ è un po’ la quintessenza di un certo cinema degli anni Ottanta: un buon film d’azione – o un lungo spot per arruolarsi in Marina mascherato da film d’azione –, una solida sceneggiatura da Bildungsroman con agganci all’attualità della Guerra fredda, giovani e bravi interpreti – Tom Cruise, Val Kilmer, Kelly McGillis e anche Meg Ryan – e poi ovviamente la colonna sonora, da ‘Danger zone’ presente ben tre volte e la hit ‘Take My Breath Away’ premiata con un Oscar, un regista che sa il fatto suo – Tony Scott, scelto non perché fratello minore di Ridley, ma perché i produttori Don Simpson e Jerry Bruckheimer avevano visto un suo spot della Saab in cui si mostrava la gara tra un’auto e un jet – e una serie di battute memorabili.

Negli anni Ottanta un film così non poteva che diventare un film di culto e ‘Top Gun’ lo è diventato: amato, citato, parodiato, decostruito (vedi il monologo di Quentin Tarantino nel film ‘Il tuo amico nel mio letto’, in cui sostiene che ‘Top Gun’ è la storia su un uomo in lotta con la propria omosessualità). E oggi? Ha senso, trenta e qualcosa anni dopo, riproporre un sequel di ‘Top Gun’ o è solo quell’eterno ritorno dell’uguale che porta Hollywood a non correre rischi? E di motivi per sospettare che questo ‘Top Gun: Maverick’ sia fondamentalmente un’operazione nostalgia ce ne sono: Tony Scott si è suicidato, Val Kilmer ha avuto un tumore che gli ha tolto la voce, non c’è più un nemico cinematograficamente rassicurante come l’Unione Sovietica, a Tom Cruise non mancano i film per restare uno degli attori (e produttori) più popolari di Hollywood. Invece no, o meglio non solo: le citazioni del primo film abbondano, da quelle più scontate e attese – Tom Cruise che corre in motocicletta a bordo pista – ad altre anche autoironiche, come la riedizione della scena di sesso che all’epoca del primo ‘Top Gun’ aveva turbato la first lady Nancy Reagan (il marito Ronald ha ovviamente apprezzato l’ignominiosa sconfitta dei sovietici nella battaglia finale), ma il film non si esaurisce in una serie di compiacenti strizzatine d’occhio ai fan e, alla fine, anche chi ha visto ‘Top Gun’ una volta sola sonnecchiando mentre veniva trasmesso in seconda serata può apprezzare il sequel. Il regista Joseph Kosinski ha fatto un buon lavoro, grazie ai progressi tecnologici le scene di volo sono ancora più spettacolari, la colonna sonora ben fatta con brani inediti di Lady Gaga e degli OneRepublic, gli sceneggiatori hanno fatto un gran lavoro nel cercare di attualizzare la storia mantenendo un legame con i personaggi originali e costruendo anche una bella parte per Val Kilmer. A grandi linee: Maverick, che in trent’anni ha accuratamente evitato le promozioni che gli avrebbero impedito di volare, viene chiamato per addestrare 12 piloti per una missione irrealisticamente difficile e dalla quale difficilmente torneranno tutti vivi. Tra i 12 c’è anche il figlio di Goose, il compagno di volo di Maverick morto per un incidente nel primo film e il sequel si gioca tutto sul rapporto tra i due oltre che sulla missione da compiere.

Poi, certo, ci sono anche altri personaggi, tra cui Penny (Jennifer Connelly), la proprietaria di un bar vicino alla base aerea dei Top Gun che cerca di sostituire il personaggio interpretato da Kelly McGillis. Il problema è che due ore non bastano, per una storia di similspionaggio con supersegreti depositi di arricchimento dell’uranio, spettacolari scene di combattimento aereo, Tom Cruise che gigioneggia un po’ sullo schermo e dare un po’ di spessore a una dozzina o più di personaggi che alla fine rimangono un po’ troppo caricaturali. Ma sono piccole, inevitabili sbavature in un film divertente e spettacolare come lo era il primo ‘Top Gun’: anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta, quando porta a prendere il meglio di un certo cinema e trasportarlo felicemente nel 2022.


© 2022 Paramount Pictures. All Rights Reserved
Tom Cruise

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
danger zone tom cruise top gun
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
ticinesi oltre gottardo
13 ore
‘Ora apprezzo ciò che prima davo per scontato’
Da Bellinzona a San Gallo, oggi: Filippo Rima, responsabile per gli investimenti di una fra le principali banche svizzere, si racconta
Spettacoli
14 ore
Robin Williams non aveva il Parkinson ma demenza a corpi di Lewy
A scoprirlo, solo dopo il suo suicidio nell’estate del 2014, è stata la vedova Susan Schneider Williams
Scienze
14 ore
Cern: prima collisione a energia record nell’acceleratore Lhc
Dopo tre anni di aggiornamento e manutenzione prende così avvio il terzo periodo di presa dati
L’intervista
16 ore
Dante in prosa, ponte verso l’Eden
Dopo il primo libro sul tenebroso viaggio di Dante all’Inferno, Gerry Mottis ci fa da guida un’altra volta nel percorso lungo il Monte penitenziale
Musica
1 gior
Vent’anni di magia, autenticità e di successi inaspettati
In occasione dell’anniversario importante del Vallemaggia Magic Blues, abbiamo fatto due chiacchiere con il promotore nonché cofondatore Fabio Lafranchi
Spettacoli
1 gior
Novantacinque anni per la ‘Bersagliera’ di Subiaco
Taglia il traguardo delle 95 primavere Gina (Luigia) Lollobrigida, mito intramontabile del grande schermo italiano
Teatro
2 gior
‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’
David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Scienze
2 gior
Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo
Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
2 gior
Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione
La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
Teatro
2 gior
Il regista britannico Peter Brook è morto
Fra i maestri della drammaturgia del Novecento, Brook è deceduto all’età di 97 anni a Parigi, dove si era stabilito da metà anni Settanta
© Regiopress, All rights reserved