laRegione
eurovision-kalush-ci-vediamo-nel-2023-nell-ucraina-libera
laRegione
Kalush Orchestra, con bandiere, nella Press room
15.05.22 - 10:17
Aggiornamento: 14:59

Eurovision, Kalush: ‘Ci vediamo nel 2023, nell’Ucraina libera’

All’alba, dopo la vittoria, la conferenza stampa. Oleh, il leader: ‘Pronto a tornare a combattere’. Zelensky su Telegram: ‘L’anno prossimo a Mariupol’

«Grazie a tutti coloro che in Europa e nel mondo hanno votato per l’Ucraina. Vincere è stato importante, soprattutto quest’anno. Grazie dal profondo del cuore. Gloria all’Ucraina». ‘Gloria all’Ucraina’ è la risposta. Sono le 2 di notte di sabato, o l’alba di domenica che dir si voglia. Il tempo di un abbraccio collettivo e Oleh Psjuk, rapper e frontman della Kalush Orchestra fresca vincitrice dell’Eurovision Song Contest, parla di musica e di guerra in una conferenza stampa affollata e densa di significati. «Ogni vittoria è significativa per gli ucraini in questi giorni. La nostra cultura è stata attaccata, siamo qui per provare che rimane viva e speciale». Oleh non ha avuto ancora modo di sentire Volodymyr Zelensky – «So che il presidente ha altre cose più importanti in questi giorni» –, ma può confermare a nome suo che «l’Ucraina sarà felice di ospitare l’Eurovision Song Contest nella nuova, integrata e pacifica Ucraina». È il primo di più applausi. Con la luce del giorno, il presidente gli farà eco via Telegram: «L’anno prossimo l’Ucraina ospiterà l’Eurovision per la terza volta nella storia. Faremo tutto il possibile affinché possa essere Mariupol la città ospitante».

C’è chi chiede alla Kalush Orchestra cosa possano fare l’Europa e il mondo per l’Ucraina e Oleh risponde: «Ascoltare la nostra musica, guardare i nostri film, visitare la nostra terra. Non siamo i soli che mixano elementi della tradizione, magari dimenticati, con la modernità. A parte noi, ci sono molti artisti di talento in Ucraina, in diversi aspetti della vita creativa». Qualcuno si ricorda anche che domani, lunedì 16 maggio, Oleh compie 28 anni, e parte un ‘Happy Birthday’. L’artista ringrazia, poi è la guerra che si riprende la scena: «Abbiamo un’autorizzazione temporanea, tra due giorni torniamo in Patria. Difficile dire di preciso cosa faremo, ma noi ucraini siamo pronti a combattere fino alla fine». Avete paura? «Essere spaventati non serve a molto. Tra l’essere lontani dalle bombe ed essere vicini ai nostri cari, sceglierò sempre la seconda ipotesi. Non c’è modo migliore per aiutarli. Di certo c’è che domani partirò e trascorrerò il mio tempo con le persone a me più care».


laRegione
L’abbraccio

‘Stefania’ era tra le cinque canzoni più ‘considerate’ ancor prima che succedesse quel che è successo. Oleh ci tiene a sottolinearlo quando gli si fa notare del plebiscito del televoto, diverso dal voto delle nazioni per le quali l’Ucraina, senza il voto del pubblico, la Kalush Orchestra sarebbe quarta. Sempre sul fronte musicale, Oleh cita Italia, Gran Bretagna, Polonia e Moldavia tra le canzoni più belle. Quanto alla propria, di canzone: «È stato stressante, onestamente, prepararla a dovere. Per tanto tempo non abbiamo potuto provare, se non online, a distanza. Solo a Torino è stato possibile lavorare sulla performance, sulle luci e su tutto il resto. Abbiamo cercato di progredire per quanto potessimo, vista l’importanza del contesto». Gli fanno notare che è la prima volta che il rap vince all’Eurovision: «Il rap è mainstream nel mondo», risponde Oleh. «Credo che tra una decina d’anni ci stupiremo se a vincere non sarà un rapper».

Si chiude con la guerra, si chiude con "Salvate Mariupol, salvate l’Azovstal!", il grido lanciato sul palco del PalaOlimpico alla fine della performance di ieri sera, prima che ‘Stefania’ facesse la storia: «È una situazione che fa paura. Ci sono persone bloccate, che non possono uscire. Abbiamo bisogno di aiuto, abbiamo bisogno d’informare tutti, la gente e le autorità. Qui c’è tanta stampa: scrivetene, parlatene, ogni piccola informazione sarà utile».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eurovision song contest kalush orchestra oleh psjuk russiaucraina torino ucraina
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
ticinesi oltre gottardo
13 ore
‘Ora apprezzo ciò che prima davo per scontato’
Da Bellinzona a San Gallo, oggi: Filippo Rima, responsabile per gli investimenti di una fra le principali banche svizzere, si racconta
Spettacoli
14 ore
Robin Williams non aveva il Parkinson ma demenza a corpi di Lewy
A scoprirlo, solo dopo il suo suicidio nell’estate del 2014, è stata la vedova Susan Schneider Williams
Scienze
14 ore
Cern: prima collisione a energia record nell’acceleratore Lhc
Dopo tre anni di aggiornamento e manutenzione prende così avvio il terzo periodo di presa dati
L’intervista
16 ore
Dante in prosa, ponte verso l’Eden
Dopo il primo libro sul tenebroso viaggio di Dante all’Inferno, Gerry Mottis ci fa da guida un’altra volta nel percorso lungo il Monte penitenziale
Musica
1 gior
Vent’anni di magia, autenticità e di successi inaspettati
In occasione dell’anniversario importante del Vallemaggia Magic Blues, abbiamo fatto due chiacchiere con il promotore nonché cofondatore Fabio Lafranchi
Spettacoli
1 gior
Novantacinque anni per la ‘Bersagliera’ di Subiaco
Taglia il traguardo delle 95 primavere Gina (Luigia) Lollobrigida, mito intramontabile del grande schermo italiano
Teatro
2 gior
‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’
David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Scienze
2 gior
Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo
Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
2 gior
Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione
La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
Teatro
2 gior
Il regista britannico Peter Brook è morto
Fra i maestri della drammaturgia del Novecento, Brook è deceduto all’età di 97 anni a Parigi, dove si era stabilito da metà anni Settanta
© Regiopress, All rights reserved