laRegione
madonna-dell-eurovision-pensaci-tu-la-scaletta-della-finale
Eurovision Village, ‘Walk of fame’
14.05.22 - 14:31
Aggiornamento: 16:25

Madonna dell’Eurovision pensaci tu (la scaletta della finale)

C’è Sanremo, ci sarà anche una santa protettrice dell’Eurosong. Che stasera ci faccia vincere Marius (attenzione: contiene video di Cristiano Malgioglio)

PalaOlimpico, ventiquattro ore fa. Damiano ha la giacca bianca e strani capelli ricci; Ethan ha i capelli corti; Thomas è vestito da impiegato. Se non fosse che Victoria non ha il basso ma lo mima soltanto, e se non fosse arrivata una e-mail – "Si prega di prendere atto che non saranno presenti alle ‘Dress Rehearsal’ (‘Prove vestiti’, la puntata intera provata dall’inizio alla fine dentro il PalaOlimpico) – quelli sul palco alle sei di pomeriggio potevano anche essere i Måneskin vestiti da dopolavoro. Gigliola Cinquetti, invece, è l’originale e canta dal vivo ‘Non ho l’età’. Sarà curioso analizzare la reazione del PalaOlimpico questa sera a questo classico dell’Eurovision, davanti al pubblico gremito e al pugno di addetti ai lavori contemplanti quel che pare (il palazzetto) un mondo alieno, bellissimo, efficientissimo, con le telecamere che ti scorrono sopra la testa come uccelli preistorici e – visti finalmente dal vivo – razzi, razzetti, lanciafiamme, lingue di fuoco, principi d’incendio, segnali di fumo. E le fontane.


PalaOlimpico, Dress Rehearsal 1

Ancora una volta il trio Cattelan-Pausini-Mika affina i meccanismi e aguzza la vista (il gobbo, oggi fondamentale come il defibrillatore), mentre scorrono le 25 canzoni in gara a uso e consumo delle prove regia. Quanto tutto è finito (ma riprenderà alle 21 con pubblico pagante, per la prova generale), il trio si presenta nella Press room per una conferenza stampa che ha il suo momento più interessante nel ricordo del momento extra-gara anch’esso più interessante della seconda semifinale, ‘Fragile’ di Sting e ‘People Have The Power’ di Patti Smith con i due cantanti in duetto: «Ci hanno mostrato lei in una chiesa, con pochi strumenti. ‘People Have The Power’ arriva da lì», dice Mika. «In Sting e Patti Smith c’è un messaggio di pace. Non volevamo troppa coreografia, solo la musica», dice Laura. Che poi, attratta da un cappellino ‘Boy’ presente in sala, improvvisa l’instant show col giornalista che lo indossa, svedese, sulle note della hit dei Bros (correva l’anno 1987):

L’intervento di Cattelan – a parte fronteggiare domande di politica generale quali "Come fai a essere così in forma" – si concentra sul bacio ricevuto in diretta televisiva da Michael Ben David, cantante israeliano, squalificato per avere influenzato il televoto, ma comunque già escluso dallo stesso: "Tutto ok, lui era lì per cantare e divertirsi, davvero nessun problema. Credo che avesse bevuto un paio di bicchieri di troppo", dice il presentatore. Rientrato il triste tentativo di polemica in chiave omofoba, il nostro omaggio personale a Michael Ben David e a Cristiano Malgioglio, il numero uno (esclusiva laRegione, esclusiva di quelli tutt’intorno):

«Lo show non siamo noi, sono le nazioni, i testi, le idee», aveva detto Mika, atteso stasera dalla presentazione del nuovo singolo ‘Yo Yo’ in un trionfo di cuori gonfiabili di grande spettacolarità. Orfani dell’Achille, top show, e con tanta voglia di ascoltare ‘Boys Do Cry’ in finale, ci affidiamo alla Madonna dell’Eurovision (c’è Sanremo*, ci sarà anche una santa protettrice dei concorsi canori europei) affinché stasera Marius Bear ce lo faccia vincere.

In ordine di uscita, in prima serata su La1 e Rai1:

  1. Repubblica Ceca - ‘We Are Domi, ‘Lights Off’
  2. Romania - WRS, ‘Llámame’
  3. Portogallo - MARO, ‘Saudade, Saudade’
  4. Finlandia - The Rasmus, ‘Jezebel’
  5. Svizzera - Marius Bear, ‘Boys Do Cry’
  6. Francia - Alvan & Ahez ‘Fulenn’
  7. Norvegia - Subwoolfer, ‘Give That Wolf A Banana’
  8. Armenia - Rosa Linn, ‘Snap’
  9. Italia - Mahmood e Blanco, ‘Brividi’
  10. Spagna - Chanel, ‘SloMo’
  11. Olanda - S10, ‘De Diepte’
  12. Ucraina - ‘Kalush Orchestra, ‘Stefania’
  13. Germania - Malik Harris, ‘Rockstars’
  14. Lituania - Monika Liu, ‘Sentimentai’
  15. Azerbaijan - ‘Nadir Rustamli, ‘Fade To Black’
  16. Belgio - Jérémie Makiese, ‘Miss You’
  17. Grecia - Amanda Georgiadi Tenfjord, ‘Die Together’
  18. Islanda - Systur, ‘MeÐ Hækkandi Sól’
  19. Moldavia - Zdob şi Zdub & Advahov Brothers, ‘Trenulețul’
  20. Svezia - Cornelia Jakobs, ‘Hold Me Closer’
  21. Australia - Sheldon Riley, ‘Not The Same’
  22. Regno Unito - Sam Ryder, ‘SPACE MAN’
  23. Polonia - Ochman, ‘River’
  24. Serbia - Konstrakta, ‘In Corpore Sano’
  25. Estonia - Stefan, ‘Hope’

Dopo l’esibizione di tutti i cantanti, ogni nazione assegnerà due sessioni di punteggi da 1 a 8, 10 e 12 punti, una affidata agli spettatori tramite televoto, messaggistica e sito dell’Eurovision, l’altra a una giuria composta da cinque addetti ai lavori. Possono votare tutte le nazioni partecipanti (tranne che per il proprio artista).

*Sanremo non è mai stato un santo (e non è un parlar male degli altri). Era tanto per dire.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eurovision song contest madonna torino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
ticinesi oltre gottardo
13 ore
‘Ora apprezzo ciò che prima davo per scontato’
Da Bellinzona a San Gallo, oggi: Filippo Rima, responsabile per gli investimenti di una fra le principali banche svizzere, si racconta
Spettacoli
14 ore
Robin Williams non aveva il Parkinson ma demenza a corpi di Lewy
A scoprirlo, solo dopo il suo suicidio nell’estate del 2014, è stata la vedova Susan Schneider Williams
Scienze
14 ore
Cern: prima collisione a energia record nell’acceleratore Lhc
Dopo tre anni di aggiornamento e manutenzione prende così avvio il terzo periodo di presa dati
L’intervista
16 ore
Dante in prosa, ponte verso l’Eden
Dopo il primo libro sul tenebroso viaggio di Dante all’Inferno, Gerry Mottis ci fa da guida un’altra volta nel percorso lungo il Monte penitenziale
Musica
1 gior
Vent’anni di magia, autenticità e di successi inaspettati
In occasione dell’anniversario importante del Vallemaggia Magic Blues, abbiamo fatto due chiacchiere con il promotore nonché cofondatore Fabio Lafranchi
Spettacoli
1 gior
Novantacinque anni per la ‘Bersagliera’ di Subiaco
Taglia il traguardo delle 95 primavere Gina (Luigia) Lollobrigida, mito intramontabile del grande schermo italiano
Teatro
2 gior
‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’
David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Scienze
2 gior
Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo
Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
2 gior
Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione
La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
Teatro
2 gior
Il regista britannico Peter Brook è morto
Fra i maestri della drammaturgia del Novecento, Brook è deceduto all’età di 97 anni a Parigi, dove si era stabilito da metà anni Settanta
© Regiopress, All rights reserved