laRegione
12.05.22 - 11:53
Aggiornamento: 15:52

Il duo Yello vince il Gran Premio svizzero di musica 2022

Il gruppo composto da Dieter Meier e Boris Blank ottiene il riconoscimento per la sua originalità, carisma e influenza sulla musica elettronica

Ats, a cura de laRegione
il-duo-yello-vince-il-gran-premio-svizzero-di-musica-2022
Fonte: Admin.ch

Il gruppo Yello, composto dal duo Dieter Meier e Boris Blank, ottiene il Gran Premio svizzero di musica 2022. Il riconoscimento – dotato di 100’000 franchi – rende onore alla loro originalità, al loro carisma e alla loro importante influenza sulla musica elettronica, indica una nota odierna dell’Ufficio federale della cultura (Ufc).

Nato come trio alla fine degli anni Settanta a Zurigo, Yello ha fatto storia con il suo modo di creare musica utilizzando sample e suoni sintetici, rileva l’Ufc. Grazie a singoli come "The Race" e "Oh Yeah" la musica svizzera è arrivata più in alto di quanto non fosse mai stata nelle classifiche internazionali.

Negli anni Boris Blank e Dieter Meier hanno portato avanti una produzione ben studiata e originale, mettendo a frutto la digitalizzazione della cultura musicale. Hanno realizzato complessivamente 14 album in studio.

L’Ufc assegna inoltre undici Premi svizzeri di musica a singoli musicisti e gruppi, ciascuno dotato di 40’000 franchi. Per la prima volta, attribuisce inoltre tre Premi speciali, dotati di 25’000 franchi ciascuno.

La cerimonia di premiazione si terrà il 16 settembre al Théâtre de l’Octogone di Pully, in presenza del consigliere federale Alain Berset.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
L’intervista
11 ore
Si alza forte ‘Il suono della guerra’
Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
SALUTE
1 gior
L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus
Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
1 gior
John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo
Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
1 gior
L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora
La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
1 gior
Il furto della memoria
A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
1 gior
Raccontarsi con una lingua adottiva
Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
1 gior
Il volontario Guido e Margherita
Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
1 gior
Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola
Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Scienze
2 gior
Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima
Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
2 gior
Maestro, che ne pensa dei Måneskin?
Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
© Regiopress, All rights reserved