laRegione
zatta-e-de-montmollin-grande-musica-dalla-grande-mela
Il chitarrista ticinese Christian Zatta (sx) e il pianista ginevrino Robinson de Montmollin
Jazz
05.05.22 - 17:13
Aggiornamento: 17:37

Zatta e de Montmollin, grande musica dalla Grande Mela

Sabato da Tondo a Maroggia, il New York Duo con l’album ‘Higher Perception’: ‘Non si va a New York per affrontare la città, ma per affrontare sé stessi’

Si conoscono a Lucerna senza avere troppo a che fare l’uno con l’altro durante il bachelor, fatta eccezione per qualche corso insieme. Ma è solo quando scelgono entrambi New York per dare un twist alla propria formazione musicale che il pianista ginevrino Robinson de Montmollin e il chitarrista ticinese Christian Zatta si accorgono di una certa compatibilità. Il primo è nella Grande Mela per il master, il secondo un master già ce l’ha e vuole prendere lezioni singole con i grandi nomi del jazz vivente. È il 2018. «Una volta a New York ho scritto a Robinson, ci siamo trovati e abbiamo suonato ogni settimana», racconta Zatta. A Harlem, allo Shrine World Music Venue, 40 dollari a testa di cachet, nasce il New York Duo, nome scelto per il primo concerto americano e rimasto tale, «anche se siamo due svizzeri». Due svizzeri che sabato 7 maggio alle 20 da Tondo a Maroggia occuperanno la Tree House per presentare ‘Higher Perception’, album che suona dannatamente bene, rilassato, dannatamente ben scritto e suonato. Dannatamente tutto (‘dannatamente’ fa molto ‘New York’).

Onestà

«New York è responsabilizzante. L’esperienza mi ha cambiato la vita, non solo dal punto di vista musicale. L’attitudine è completamente diversa, le lezioni prese mi hanno costretto alla più totale onestà con me stesso e con lo strumento, rinunciando alla via più breve, scegliendo di andare a fondo negli elementi basilari, nei fondamentali della musica. All’inizio – spiega Zatta – il dover ripartire quasi da zero mi rendeva nervoso. Ma solo all’inizio».

Da una parte il ginevrino alla Manhattan School of Music, dall’altra il ticinese a lezione dai suoi eroi: «Gilad Hekselman, Ari Hoenig, Shai Maestro, Ben Monder. E Mike Stern, un imprevisto diventato un bel rapporto personale». Le esperienze dei due sono finite in ‘Higher Perception’, una percezione più ampia della musica e della vita in genere: «Per entrambi, New York è stata un’esperienza a tutto tondo, formante. Uno dei concetti di Robinson era che non si va a New York per affrontare la città, ma per affrontare sé stessi. Da soli, in quelle situazioni, escono i limiti di ognuno, e anche la capacità di superarli e migliorare».

Rilassatezza

Laddove si ricerchi il balance perfetto tra un pianoforte e una chitarra, e si pretenda (parliamo in prima persona) di avere ‘Metheny/Meldhau’ come ascolto di riferimento, tutto quanto vi si avvicini per rilassatezza è conquista. Otto tracce, due cover – lo standard ‘Body And Soul’ e ‘A Shade Of Jade’ di Joe Henderson – e sei composizioni firmate Zatta/de Montmollin di cui una che pare una cover ma che cover non è. È il sentito tributo all’eroe condiviso Keith Jarrett, nel brano il cui titolo è, manco a dirlo, ‘Keith’: «Sono un grandissimo fan dei pianisti», dice il chitarrista, «e tra i miei musicisti preferiti ci sono forse più pianisti che chitarristi, anche perché dal punto di vista della composizione il pianoforte è fantastico. Di pianisti ne ascolto tantissimi, gente come Tigran Hamasyan, e tra i sassofonisti, oltre a Joe Henderson, Ben Wendel». Quanto alla splendida ‘Keith’, «è chiaramente un omaggio a quell’indefinibile stile di Jarrett».

Armenia, Ucraina

‘Higher Perception’ nasce in piena pandemia e lì viene registrato e mixato da Zatta all’interno della scuola di musica lucernese nella quale insegna. A masterizzarlo ci ha pensato Tom Hutten, orecchio raffinato che spazia dal jazz al metal. Ad aprire l’album è la bella e dolente ‘Song For Armenia’: «È ispirata ai fatti di guerra più recenti in Armenia. Ho la ‘brutta’ abitudine di alzarmi e leggere le notizie e quel giorno lessi di cose paragonabili a quanto sta succedendo oggi in Ucraina. Mi stupii di quanto sembrasse impossibile di questi tempi, e di come fosse tutto vicinissimo all’Europa. Ora, di fronte a quel che accade a pochi chilometri da qui, l’Armenia sembra addirittura lontana. È su questi pensieri che ho improvvisato l’armonia del brano».

Altra connotazione spazio-temporale ci porta alla traccia conclusiva, ‘Saint Marks Avenue’, drammatica, mossa, quasi ‘affollata’: «Saint Marks Avenue è la strada della mia prima esperienza newyorchese, a Brooklyn, Crown Heights. La prima mattina in cui uscii a esplorare il quartiere capii che me l’ero immaginato molto diverso. Da bravo svizzero ho dovuto imparare che non tutto il mondo è la Svizzera, e che anche se una città ha palazzi non proprio belli da vedere e persone che paiono strane, va bene così».

Una cosa sola

Al termine dei 46 minuti di ‘Higher Perception’, e anche dopo la prova del nove (visti e ascoltati dal vivo sul Tubo), Christian Zatta e Robinson de Montmollin – detto nell’accezione non sentimentalistica del termine – sono ‘una cosa sola’: «Due strumenti armonici – chiude il ticinese – possono essere un problema ma anche un grande aiuto, possono fornire una grande quantità d’informazioni. Fondamentale è capire ‘chi fa cosa e quando’, ma è una bella sfida, che ci permette di progredire. Suonare con una band, poi, diventa più facile». Quindi ‘Higher Perception’ sarebbe suonabile in versione estesa? «Credo che i brani lo consentirebbero. La domanda è se sia davvero necessario, o se i brani non funzionino già bene perché pensati così» ("la seconda che hai detto", cit.).

Sito ufficiale: www.newyorkduo.com. Biglietti su www.eventfrog.ch/newyorkduomaroggia


Mons Records
‘Higher Perception’, l’album

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
christian zatta maroggia new york duo robinson de montmollin tondo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Musica
4 min
Addio a Lamont Dozier, leggenda del soul
Fu uno dei più grandi cantanti soul della Motown, è morto all’età di 81 anni. Suoi i brani più famosi delle Supremes
Locarno 75
19 min
In Piazza Grande la fine del ‘Tempo delle mele’
Da ‘Une femme de notre temps’ di Civeyrac, con Sophie Marceau quale attrice protagonista, emergono alcune criticità confessate dal regista stesso
Scienze
3 ore
In Asia i coronavirus selvatici infettano 60’000 persone l’anno
Nella quasi totalità dei casi i virus trasmessi dai pipistrelli non sono in grado di replicarsi e trasmettersi in maniera efficiente nell’uomo
Sostiene Morace
7 ore
Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film
I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna
Locarno 75
9 ore
Una conferenza di 24 ore per parlare di attenzione
Più che un calo di concentrazione, un sistema che spinge verso la distrazione. Le alternative? Le mostra Rafael Dernbach
Scienze
11 ore
Arrivano le ‘Lacrime di San Lorenzo’ ma con la Luna piena
Gli esperti consigliano di osservare le stelle cadenti con qualche giorno di anticipo, oppure aspettare l’ultima parte della notte
Locarno 75
11 ore
Il Cinema canta in Piazza e in Concorso
Un disincantato ‘Gigi la legge’, la voglia di essere vivi che sprizza in ‘Tengo sueños eléctricos’, emozioni forti in ‘Last Dance’ di Delphine Lehericey
Locarno 75
12 ore
Alexander Sokurov divide il Festival con un film immenso
Ode a ‘Skazka’ (Fairytale), del maestro russo; al suo confronto scompare ‘Il Pataffio’. Da applausi l’opera di Sylvie Verheyde
Locarno 75
23 ore
Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni
La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
1 gior
Morta Olivia Newton-John, star di Grease
Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
© Regiopress, All rights reserved