laRegione
Musica
01.05.22 - 21:42

Osi al LAC, l’emozione rappresa in tranquillità

Visti di giovedì, nella Sala Teatro: Piemontesi grande pianista, Poschner grande direttore, orchestra non sempre impeccabile (ma c’entra l’Inferno...)

di Enrico Colombo
osi-al-lac-l-emozione-rappresa-in-tranquillita
Giovedì scorso nella Sala Teatro

Robert Schumann (1810-1856) termina la Sinfonia n. 2 nel 1846, Johannes Brahms (1833-1897) il suo Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 nel 1858. Nella storia della musica sinfonica tedesca, sono due opere che dovrebbero essere significative della transizione dal pieno meriggio verso il crepuscolo romantico, del sodalizio fra Schumann e Brahms, che la generosa Clara Wieck, consorte di Schumann poi amica di Brahms, ha reso il meno virtuale possibile. Sono due opere complesse, difficili da confinare nella temperie culturale di metà Ottocento senza tener conto del "male di vivere di Schumann" e della "fatica del comporre di Brahms". Tolgo le due espressioni dal programma di sala del concerto di giovedì, con l’Orchestra della Svizzera italiana diretta da Markus Poschner e Francesco Piemontesi solista di pianoforte, in una Sala Teatro completa, ancora qualche mascherina tra il pubblico, ma sul palco un’orchestra finalmente libera da ogni prescrizione antipandemica.

Piemontesi è un grande pianista, Poschner un grande direttore: la loro interpretazione ha prevaricato i miei ricordi di pochi ascolti dal vivo, ma di tante registrazioni. La nostra piccola-grande Orchestra, ho contato 52 strumentisti, nel Maestoso iniziale e anche nel Rondò finale non è stata sempre impeccabile, travolta forse dall’impeto di una musica, come "la bufera infernal, che mai non resta" dell’Inferno dantesco, nel quale invece il pianoforte s’è mosso sicuro in ogni cambiamento ritmico, in ogni sfumatura dinamica, si è concesso anche la libertà di alcune deliziose appoggiature. Solista e direttore hanno voluto il culmine espressivo del Concerto nell’Adagio centrale e l’hanno cercato con sobrietà, senza smancerie liturgiche, dando risalto a una peculiarità della poesia di Brahms: "l’emozione rappresa in tranquillità".

Grandi applausi (che sono partiti troppo in fretta e hanno cancellato l’alone sonoro dell’ultimo accordo) ricambiati da Piemontesi con un bis: il più noto Impromptu di Schubert, quello in la bemolle maggiore op. 142.

Non è bastato un quarto d’ora di pausa per ricaricare le batterie degli ascoltatori. La Sinfonia di Schumann è stata seguita con cortese attenzione. La sua esecuzione, impeccabile, alla fine è stata applaudita con rinnovata cortesia e un paio di richiami, ma con l’evidente desiderio di andarsene presto. Considerata l’età media del pubblico di giovedì, è innegabile il prevalere della necessità d’andare a letto presto.

Ma guardiamo i prossimi impegni dell’OSI: dal 2 al 6 maggio concerti per le scuole; l’8 maggio concerto per la festa della mamma. "Son tutte belle le mamme del mondo", ma questa è roba per il Festival di San Remo. Abbiamo la fortuna economica di poterci permettere un’orchestra di alta qualità, con strumentisti provenienti da quattro continenti. Non è forse il caso di ripensare come impiegarla?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Musica
2 ore
A Carlo, il Conservatorio in Festival
È una lunga dedica al Ciceri che non c’è più la seconda edizione dell’evento, dal 6 al 12 febbraio tra aule, Lac e altre sale da concerto cittadine
Lac
2 ore
Ulisse Artico solo fra i ghiacci
Lina Prosa reinterpreta gesta e peripezie del mito classico in un futuro apocalittico. Ne abbiamo parlato con Carmelo Rifici, nel ruolo di regista.
Musica
5 ore
Bruno Maderna torna a casa con il suo ‘Satyricon’
Al Teatro Malibran di Venezia, un lavoro musicalmente perfetto, ben guidato da Alessandro Cappelletto. Non così lo spettacolo in generale.
L’intervista
15 ore
Ottavia Piccolo racconta Elda Pucci, sindaco di Palermo
Il 4 e 5 febbraio a Locarno, l’attrice porta in scena ‘Cosa nostra spiegata ai bambini’, storia di una donna retta dunque scomoda, che non va dimenticata
Musica
17 ore
Grande jazz a Chiasso: Paolo Fresu e Dave Holland, per gradire
Svelata, con preziosa parentesi live, la XXIV edizione del Festival di cultura e musica jazz, dal 9 all’11 marzo con ‘inserto’ femminile
Distopie
18 ore
‘Il mondo nuovo’ di Huxley, che fece letteratura con la scienza
Esiste un romanzo distopico di soli personaggi negativi, senza uno scettico o una ribelle, e il bene che provi a contrastare il male?
Culture
1 gior
Alla scoperta de ‘Il capitale’ in compagnia di Paolo Favilli
A Mendrisio, il 5 febbraio, lo storico toscano discuterà della sua ultima opera ‘A proposito de Il capitale’ con Virginio Pedroni e Christian Marazzi
Spettacoli
1 gior
Niente tour europeo per Ozzy Osbourne
Problemi di salute costringono l’iconico rocker britannico a cancellare le sue esibizioni. E potrebbe essere il punto finale alle tournée classiche
Libri
1 gior
Trenta brevi racconti di Giuseppe Curonici
È nelle librerie ‘La donna che parlava lentamente’ (Interlinea), storie di quotidianità nelle quali è facile ritrovarsi.
Rsi
1 gior
Bentornati nel salotto di ‘Confederation Music Sessions’
Con Marco Kohler tra i contenuti della seconda stagione del format Rsi, dal 3 febbraio al 3 marzo, su YouTube, Play Suisse e poi in tv.
© Regiopress, All rights reserved