laRegione
Cinema
21.04.22 - 22:30
Aggiornamento: 22:46

È morto Jacques Perrin, fu Totò in Nuovo Cinema Paradiso

Si è spento oggi a Parigi all’età di 80 anni uno dei più grandi cineasti francesi. Profondi i legami con l’Italia, fu anche produttore.

di Paolo Levi, Ansa
e-morto-jacques-perrin-fu-toto-in-nuovo-cinema-paradiso
Keystone
Con Brigitte Fossey in ‘Nuovo Cinema Paradiso’

Addio al grande attore, regista e produttore francese, Jacques Perrin, scomparso oggi all’età di 80 anni a Parigi. Ad annunciare il decesso che suscita omaggi in tutto il Paese a pochi giorni dalle elezioni presidenziali del 24 aprile sono stati i familiari, citati dall’agenzia France Presse: "La famiglia ha l’immensa tristezza d’informarvi della scomparsa del cineasta Jacques Perrin, oggi 21 aprile a Parigi. Si è spento nella pace all’età di 80 anni", si legge nella comunicazione trasmessa dal figlio, Mathieu Simonet.

Perrin era nato a Parigi il 13 luglio 1941. Dagli anni Cinquanta ai nostri giorni ha girato in oltre 70 film, tra cui grandi successi come ‘Les Demoiselles de Rochefort’ nel 1967 e ‘Peau d’âne’ nel 1970. Profondi i suoi legami anche con l’Italia. In molti, questa sera, ricordano le sue interpretazioni nel cinema del Belpaese. Come il ruolo del giovane Lorenzo Fainardi innamorato pazzo di Claudia Cardinale nella ‘Ragazza con la valigia’ di Valerio Zurlini (1961). Nel 1966, Perrin si aggiudicò due premi come miglior attore al Festival di Venezia per il film italiano ‘Un uomo a metà’ e per il film spagnolo ‘La busca’. Nel 1988 interpretò il ruolo di Salvatore da adulto in ‘Nuovo Cinema Paradiso’ di Giuseppe Tornatore, premiato con l’Oscar al miglior film straniero nel 1990: celebre la sequenza finale, con i baci censurati nel corso degli anni, ma ‘salvati’ dal vecchio proiezionista, sulle note di Morricone. Memorabile fu anche la sua interpretazione ne ‘In nome del popolo sovrano’ (1990) di Luigi Magni, film storico-risorgimentale dove recitò nelle vesti del frate Ugo Bassi.

Uomo di cinema impegnato in una fitta filmografia dall’ampio respiro europeo, Jacques Perrin ha anche co-prodotto una quindicina di film dagli anni Sessanta a oggi, tra cui ‘Z’ (1968) di Costa-Gavras, ‘Il deserto dei Tartari’ (1977) di Valerio Zurlini, in cui interpretò anche il ruolo del giovane protagonista, il tenente Giovanni Drogo o ‘Les Choristes’ (2004) del nipote Christophe Barratier. Particolarmente legato alla lotta in difesa della natura, la sua battaglia di una vita, ha co-prodotto numerosi documentari su questo tema, tra cui ‘Le Peuple singe’ (1989), ‘Microcosmos: il popolo dell’erba’ (1996) o ‘Himalaya: l’infanzia di un capo’ (1999). In seguito, ha realizzato lui stesso i documentari ‘Océans’ (1999) e ‘Il popolo migratore’ (2001), che venne visto da 2 milioni e 900mila spettatori soltanto in Francia e si aggiudicò il Premio César per il miglior documentario nell’anno 2011.

Il suo ultimo ruolo al cinema è stato in ‘Goliath’, thriller di Frédéric Tellier uscito in Francia lo scorso marzo che affronta la questione delle lobby e dei pesticidi. Oggi la Francia piange uno dei suoi più grandi cineasti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
3 ore
Da Hannah ad Anna, le tante facce della Valle Bavona
Il lucernese Kurt Koller ci parla del suo film ‘Vento di vita vera’ in programma martedì 29 all’Otello di Ascona, con la presenza del regista
Castellinaria
12 ore
Per tutte le Anna Frank del mondo
Highlights della cerimonia di chiusura, palmarès e pensieri in libertà con Flavia Marone, presidente, e Giancarlo Zappoli, direttore artistico
La recensione
18 ore
Diretti da Mencoboni, in quattro per Monteverdi
Voces suaves, Concerto Scirocco, Männeroktett Basel, Coro Clairière: al netto delle scelte interpretative, il pubblico applaude
Mostra
1 gior
Il ‘caso Fontana’: opere, invenzioni e ingegno
La Pinacoteca Züst e l’Archivio del Moderno (Usi) promuovono l’esposizione della ‘azienda’ dell’architetto di Melide. Sabato 26 novembre, l’inaugurazione.
Spettacoli
1 gior
È morta Irene Cara, la voce di ‘Fame’ e ‘Flashdance’
L’iconica attrice e cantante aveva 63 anni. La sua l’interpretazione venne premiata con un Oscar come miglior canzone.
Castellinaria
2 gior
Castellinaria, ‘Where is Anne Frank!’ vince il Castello d’Oro
Al film d’animazione di Ari Folman il metallo più prezioso del Concorso Kids; nella categoria Young, Premio Tre Castelli all’iracheno ‘The exam’
Castellinaria
2 gior
‘L’ombra del giorno’, storia di Luciano e ‘Anna’
L’amore ai tempi del fascismo in ‘L’ombra del giorno’, bel film di Giuseppe Piccioni che chiude il 35esimo festival del cinema giovane (l’intervista)
Concorso
2 gior
La più bella pubblicità è ‘Fortezza di Bellinzona’ di Variante
Premiata l’agenzia bellinzonese, che ha partecipato insieme a lucasdesign di Giubiasco, Newdeco Agency di Sant’Antonino e Visiva di Camorino
Scienze
2 gior
In pandemia prima volta con la depressione per una persona su 8
Il 13% degli over 50 durante la crisi del Covid ha sperimentato per la prima volta la patologia, soprattutto le persone a reddito più basso
Fuori concorso
3 gior
‘Tori et Lokita’, e i Dardenne d’Onore
Premiata con il Castello d’Onore la coppia di registi, e una storia senza sconti di minori migranti non accompagnati che ha ferito Cannes
© Regiopress, All rights reserved