laRegione
Vision du réel
08.04.22 - 19:30
Aggiornamento: 19:46

Uno sguardo sul mondo oltre il mondo

La guerra in Ucraina un anno prima in ‘Heller Weg’ di Iryna Riabenka. Su un altro livello il doloroso ‘Adult Child’ di Yu-Hsien Lin

di Ugo Brusaporco
uno-sguardo-sul-mondo-oltre-il-mondo
Stanislav Aseyev in ‘Heller Weg’ di Iryna Riabenka

Si entra nel vivo del Festival a Nyon e l’invito a perdersi tra le tante produzioni soddisfa la nostra golosità. Certo il documentario ha tanto da raccontare, storia, geografia, pensiero… il documentario qualche volta è anche attualità e riflessione su questa, ecco allora che non ci stupisce ritrovare tra i film l’attualità della guerra e quella ormai duratura della pandemia. Rinunciamo all’idea che un documentario sia depositario di verità; è testimonianza e riflessione sempre filtrata dalla posizione dell’autore o autrice che lo firmano; sotto certi aspetti il documentario è una complessa fiction, capace ideologicamente di essere meno sincera o più strettamente personale. A questo abbiamo pensato vedendo due film alquanto lontani come concezione e territorio: ‘Heller Weg’ di Iryna Riabenka, coproduzione tra Ucraina e Germania, e ‘Adult Child’ del Taiwanese Yu-Hsien Lin, una coproduzione del suo Paese con la Gran Bretagna.

Il primo è una lunga intervista con Stanislav Aseyev, oggi uno dei giornalisti più accreditati nel fronte occidentale anti-russo. Siamo nel 2021, la guerra in Ucraina deve ufficialmente ancora scoppiare, ma Stanislav Aseyev – nato trentadue anni fa a Donetsk, ben conosciuto per il suo romanzo "The Melchior Elephant" (2016) – ha già trascorso un bel periodo nelle carceri russe per la sua attività in nome della libertà dei prigionieri dissidenti ucraini della regione del Donbass. Dal maggio del 2017 in cui viene arrestato, Stanislav verrà incluso in uno scambio di prigionieri nel dicembre 2019. Il film di di Iryna Riabenka segue con passione il racconto dello scrittore e il risultato agghiacciante è la percezione, piena di attualità, di una impossibile soluzione pacifica del conflitto: troppo rancore, rabbia, odio, tutto giustificato e incontestabile, esplode nel dire anti-russo di Aseyev, che oggi gode anche dell’appoggio incondizionato dei senatori statunitensi Bob Menendez e Marco Rubio. Proprio il 14 febbraio 2020, Aseyev aveva incontrato un gruppo di senatori statunitensi presso il suo ufficio di Praga di Radio Liberty per discutere del rilascio dei restanti prigionieri nei territori occupati della regione di Donetsk. Quello che manca al film è un respiro cinematografico, la regista è, giustamente, troppo presa dal soggetto, al punto di rendere monotono il suo, necessario, dire.

Su un altro livello si muove il doloroso ‘Adult Child’ di Yu-Hsien Lin, un film testimonianza di un viaggio d’iniziazione al mondo adulto di cui il regista è protagonista. L’inizio lo spiega egli stesso: "Allo scoppio della pandemia, ero a Londra, ho fatto le valigie e sono tornato nel mio Paese, affrontando 14 giorni di autoisolamento nella città natale di mio padre". Proprio durante questi giorni il regista viene a sapere che la madre ha un cancro terminale. "All’inizio volevo solo documentare questa strana esperienza con la mia fotocamera digitale, poiché pensavo che la pandemia fosse la cosa peggiore che mi potesse capitare nel 2020". Non poteva prevedere che qualcosa di peggio gli era successo. Riesce a stare vicino alla madre negli ultimi giorni, poi il funerale, gli incontri con i parenti, il vuoto incolmabile che opprime. Raccontato in punta di penna il film ha i colori di un invernale autunno e regala intime emozioni e ricordi.

Ci sono altri film che sorprendono per altri motivi, come per esempio ‘Awohali’ (The Eagle) di Dominika Kováčová, che ci apre un panorama inconsueto della Slovacchia accompagnandoci a conoscere Miki, serio lavoratore e capo di una tribù indiana, erede nelle colline slovacche dei fieri nemici di Buffalo Bill. Si tratta di un gruppo di persone che si ritrovano sotto i classici teepee vestiti da indiani con tanto di penne in testa e riti tribali. Una fuga da un mondo troppo grigio, il desiderio di stare nella natura e di sentirsi umani. Non c’è derisione nel film, ma un profondo rispetto per chi ha ancora il coraggio di fuggire.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
9 ore
Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel
Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
Spettacoli
11 ore
Morto Clarence Gilyard, star di ‘Walker Texas Ranger’ e ‘Matlock’
Aveva 66 anni ed era malato da tempo. Nel suo curriculum anche un ruolo di rilievo al cinema in ‘Die Hard - Trappola di cristallo’ e in ‘Top Gun’
Culture
12 ore
‘Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano
È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
Spettacoli
14 ore
‘72 Seasons’, il ritorno dei Metallica con album e tour
Il nuovo lavoro della storica band metal americana uscirà il 14 aprile 2023 e sarà seguito da un lungo giro di concerti fra Usa ed Europa
Libri
14 ore
Le ciliege della costa del Mar Nero
Pubblichiamo un estratto dalla prima sezione del terzo capitolo ‘Üsküdar’ tratto dal libro ‘Un inverno a Istanbul’, tradotto da Laura Bortot
Musica
16 ore
Enrico Fagone tra l’Osi e il Grammy®
Ha diretto la London Symphony Orchestra, solisti Saunghee Lee (clarinetto) e JP Jofre (bandoneon) nel cd ‘Aspire’. È candidato all’Oscar della musica
La recensione
1 gior
Vivian, Edward e Pretty Bryan
Doppio sold out al Lac per l’ottimo ‘Pretty Woman - Il musical’, due ore di buon umore con musiche di Bryan Adams (ti piace vincere facile)
Culture
1 gior
Da Hannah ad Anna, le tante facce della Valle Bavona
Il lucernese Kurt Koller ci parla del suo film ‘Vento di vita vera’ in programma martedì 29 all’Otello di Ascona, con la presenza del regista
Castellinaria
1 gior
Per tutte le Anna Frank del mondo
Highlights della cerimonia di chiusura, palmarès e pensieri in libertà con Flavia Marone, presidente, e Giancarlo Zappoli, direttore artistico
La recensione
2 gior
Diretti da Mencoboni, in quattro per Monteverdi
Voces suaves, Concerto Scirocco, Männeroktett Basel, Coro Clairière: al netto delle scelte interpretative, il pubblico applaude
© Regiopress, All rights reserved