laRegione
il-tempo-che-ci-resta-a-teatro-con-falcone-e-borsellino
Laila Pozzo
Nel tempo che ci resta
16.03.22 - 18:41
Aggiornamento: 18:58
di Valentina Grignoli Cattaneo

Il tempo che ci resta: a teatro con Falcone e Borsellino

In scena al Foce di Lugano lo spettacolo dell’argentino César Brie

In scena venerdì sera sul palco del Teatro Foce di Lugano, uno dei maestri teatrali del secondo Novecento: César Brie, figura emblematica di quel teatro nato in Sudamerica e poi approdato in Europa a causa della dittatura argentina. Dalla Comuna Baires, compagnia di grande successo nata all’inizio degli anni Settanta nella capitale argentina, al quartiere Isola di Milano qualche anno dopo dove fonderà insieme a Danio Manfredini il Collettivo Tupac Amaru. Nel 1980 la Danimarca e la vicinanza al Teatro Odin ed Eugenio Barba, anche se la sua insegnante sarà sempre Iben Nagel Rasmussen (una delle prime attrici della compagnia). E dieci anni dopo il ritorno in Sudamerica con la realtà storica del Teatro de los Andes.

Una parabola che lo riporterà in Italia senza mai dimenticare l’Argentina, e che testimonia un percorso artistico coerente e necessario, a favore dell’umanità, in nome della bellezza. Nel suo teatro l’essere umano è sempre al centro, così come l’attualità. La sua urgenza è reale, ed è quella di raccontare l’uomo oggi e la storia recente. Anche se, intervistato a questo proposito, ha dichiarato che «io non faccio teatro politico, faccio teatro! A volte è politico, a volte è intimo. Ma nell’io c’è il noi».

In scena al Foce, in collaborazione con il Centro Artistico Mat, uno dei suoi ultimi spettacoli: ‘Nel tempo che ci resta’, creato qualche anno fa e poi fermato dalla pandemia. «Questo lavoro è un’elegia su Giovanni Falcone e Giuseppe Borsellino. La storia è nota, ma c’è molta documentazione che racconta ciò che è nascosto, che nessuno sa. Si svolge in un cantiere abbandonato, e i personaggi parlano di quello che è successo loro, anche quello che è avvenuto dopo, come se guardassero dall’alto. Abbiamo fatto entrare dalla finestra i misteri».

‘Nel tempo che ci resta’ è frutto di una ricerca durata più di due anni su Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e Tommaso Buscetta, pentito di mafia, e prosegue un lungo lavoro di impegno civile e inchiesta, iniziato con ‘Il cielo degli altri’, ‘Viva l’Italia’, ‘Prima della bomba’, per citarne alcuni. César Brie cura drammaturgia e regia, e sarà in scena, in buona tradizione dei "teatristas" argentini.

«Dovevo fare solo il regista, e gli attori le due coppie. E invece… Ho iniziato nel lavoro a indagare su oggettualità e immagini, prima di scrivere il testo. Davo dei temi di lavoro nei seminari teatrali e non dicevo di chi parlavo. Dagli oggetti nascevano le immagini. Io ho cercato la metonimia in un cantiere abbandonato. Panca, lamiere, pavimento grigio, corde e poi alcuni altri oggetti, che sono apparsi dopo: le cravatte, il sangue. Una goccia che cade. Con questi elementi ho creato centinaia di immagini, e poi ho iniziato a scrivere il testo. Mi sono dovuto documentare e ho scoperto molto sulla mafia. Ho creato un testo adeguandolo all’immagine che avevo in mente. Ho dovuto scegliere molto, dare a volte solo alcune informazioni e togliere il superfluo. Ma ho voluto essere anche molto rigoroso: ho nominato tutti gli uomini e le istituzioni uccisi dalla mafia. Anche i carabinieri ammazzati nelle stragi, sono tutti sullo stesso piano».

Per raccontare le biografie, e non solo i nomi, Brie si serve anche delle immagini, delle fotografie. «Certo, ho dovuto trovare un accorgimento, non volevo mostrare la disfatta, i corpi dilaniati, mostro le foto di famiglia, quelle di prima. Non si tratta di un documentario, ma di un monumento, un inno».

Un lavoro utile e necessario, secondo il regista, perché oggi «i magistrati sono molto isolati, sono vituperati e la mafia non è scomparsa, è sommersa. Oggi sono i politici che vanno dai mafiosi e non il contrario. Un lavoro che ha ancora molto da dire, a tutti». L’augurio? «Che le mie figlie adolescenti escano e dicano cosa è successo? Voglio che i ragazzi possano interessarsi di nuovo alla storia del proprio paese».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
césar brie teatro
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno 75
3 ore
‘Sermone ai pesci’ è il canto di un’umanità sconfitta
Il film di Baydarov è fra le proposte di oggi in Concorso insieme a ‘Serviam - Ich will dienen’, dove si calpestano i sentimenti dei personaggi
Culture
4 ore
A proposito di Robert Walser
Dalle parole ‘walseriane’ Dino Buzzati lo spunto per raccontare il poeta e scrittore svizzero, che fu sempre matto o non lo fu mai
L’intervista
8 ore
Sophie Marceau e le donne ‘di tutti i tempi’
Era in Piazza con ‘Un femme de notre temps’. Convive pacifica col manifesto generazionale che la lanciò, crede nel lavoro ‘ma è più utile l’esperienza’.
Musica
14 ore
Addio a Lamont Dozier, leggenda del soul
Fu uno dei più grandi cantanti soul della Motown, è morto all’età di 81 anni. Suoi i brani più famosi delle Supremes
Locarno 75
15 ore
In Piazza Grande la fine del ‘Tempo delle mele’
Da ‘Une femme de notre temps’ di Civeyrac, con Sophie Marceau quale attrice protagonista, emergono alcune criticità confessate dal regista stesso
Scienze
18 ore
In Asia i coronavirus selvatici infettano 60’000 persone l’anno
Nella quasi totalità dei casi i virus trasmessi dai pipistrelli non sono in grado di replicarsi e trasmettersi in maniera efficiente nell’uomo
Sostiene Morace
22 ore
Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film
I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna
Locarno 75
1 gior
Una conferenza di 24 ore per parlare di attenzione
Più che un calo di concentrazione, un sistema che spinge verso la distrazione. Le alternative? Le mostra Rafael Dernbach
Scienze
1 gior
Arrivano le ‘Lacrime di San Lorenzo’ ma con la Luna piena
Gli esperti consigliano di osservare le stelle cadenti con qualche giorno di anticipo, oppure aspettare l’ultima parte della notte
Locarno 75
1 gior
Il Cinema canta in Piazza e in Concorso
Un disincantato ‘Gigi la legge’, la voglia di essere vivi che sprizza in ‘Tengo sueños eléctricos’, emozioni forti in ‘Last Dance’ di Delphine Lehericey
© Regiopress, All rights reserved