laRegione
Teatro San Materno
09.03.22 - 11:16
Aggiornamento: 16:21

‘Danza e mistero’, ad Ascona l’omaggio a Charlotte Bara

Con la coreografia e la regia di Tiziana Arnaboldi, lo spettacolo Premio svizzero ‘Patrimonio della danza 2018’ torna in scena domenica 13 marzo alle 17

danza-e-mistero-ad-ascona-l-omaggio-a-charlotte-bara
‘Respiriamo il mondo attraverso le nostre mani’

L’onda lunga di ‘Danza e mistero’, insignito del Premio svizzero ‘Patrimonio della danza 2018 - Ufficio Federale della Cultura’, bagna le rive di Ascona. Per la coreografia e la regia di Tiziana Arnaboldi – con le danzatrici Marta Ciappina, Eleonora Chiocchini, Francesca Zaccaria, e l’attore Faustino Blanchut – lo spettacolo torna in scena domenica 13 marzo alle 17 al Teatro San Materno. Apprezzato anche in Italia e Germania, e impreziosito dalle repliche in alcune rinomate cattedrali svizzere, questo omaggio a Charlotte Bara cui si deve l’esistenza stessa del teatro asconese, aprirà in aprile il Festival Svizzero ‘Patrimonio della danza’, edizione 2022.

"Respiriamo il mondo attraverso le nostre mani", scriveva Bara, artista alla continua ricerca di spiritualità rappresentata in ogni sua apparizione scenica, con le mani quale filo conduttore. "Esse traducono il pensiero più sottile per unire il fisico e lo spirito"; ogni movimento doveva "inviare le sue vibrazioni fino al cielo e diventare parte dell’eterno ritmo". Questi i principi della ballerina tedesca naturalizzata svizzera, reinterpretati in chiave contemporanea da Tiziana Arnaboldi. Sul palco tre danzatrici a riprodurre la forza creatrice di Bara grazie alle sue posture gotiche che hanno esaltato scrittori, poeti, pittori e artisti del Novecento. Compendio e stimolo dello spettacolo, le fotografie originali (custodite nell’archivio del Museo comunale di Ascona e curate dalla storica Michela Zucconi Poncini) oltre alle musiche dei compositori più cari a Charlotte Bara, (Bach, Mozart, Pergolesi, Scarlatti e Leo Kok) inserite in un linguaggio musicale contemporaneo da Mauro Casappa (prenotazioni tramite segreteria telefonica: 079 646 16 14; online: www.teatrosanmaterno.ch).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
17 ore
Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless
Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
19 ore
La cappa plumbea che spaventa la destra
Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
20 ore
‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’
Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
1 gior
Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti
Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
1 gior
L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata
Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Cinema
1 gior
James Bond e il cinema, la morte può attendere
Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
1 gior
Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica
La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Scienze
1 gior
Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale
Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
L’intervista
1 gior
Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni
Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
2 gior
Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp
Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
© Regiopress, All rights reserved