laRegione
marius-bear-per-la-svizzera-all-eurovision-di-torino
Marius Bear
Eurovision Song Contest
08.03.22 - 13:12
Aggiornamento: 14:29

Marius Bear per la Svizzera all’Eurovision di Torino

Dal Canton Appenzello, in gara con ‘Boys Do Cry‘, scelto da 100 telespettatrici e telespettatori e da una giuria internazionale di 20 esperte ed esperti

Marius Bear con il suo brano ‘Boys Do Cry’ rappresenterà la Svizzera all’Eurovision Song Contest di Torino. Il musicista del Canton Appenzello è stato scelto da un panel di 100 telespettatrici e telespettatori e da una giuria internazionale composta da 20 esperte ed esperti. La Svizzera sarà in gara nella prima semifinale, in programma martedì 10 maggio 2022.

Marius, 28 anni, suona la chitarra e ha esordito come musicista di strada in Svizzera e in Germania prima di trasferirsi a New York per diversi mesi. Formatosi come meccanico di macchinari edili, ha poi intrapreso, dal 2017, studi in produzione musicale al Bimm di Londra. Nel 2019 ha pubblicato il suo primo album ‘Not Loud Enough’, che gli è valso il titolo di ‘Best Talent’ agli Swiss Music Award. Il senso di ‘Boys Do Cry’ (I ragazzi piangono) spiegato dal suo autore: "Ho imparato sin da piccolo a non vergognarmi dei miei sentimenti. Come uomo, non ho paura di piangere o di rivelare le mie debolezze al mio pubblico. Non voglio nascondere le mie emozioni, ma mostrarmi per quello che sono. E voglio incoraggiare il mio pubblico a fare lo stesso". Marius Bear ha scritto e prodotto la sua canzone con il cantautore Martin Gallop. Il brano è contenuto nell’omonimo album, in uscita il prossimo 25 marzo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boys do cry canton appenzello eurovision song contest marius bear torino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno 75
5 sec
Jason Blum, come spaventarsi tanto spendendo poco
La sua Blumhouse è la casa produttrice di horror per eccellenza, cose come ‘Paranormal Activity’, 15mila dollari investiti, 200 milioni guadagnati
Locarno 75
11 ore
Cineasti del presente, voglia di raccontare e sperimentare
Di ‘How’s Katia’ s’è detto; interessante ma incompleto ‘Petrol’; piace (al netto di qualche moralismo) ‘Petites’
Castellinaria
17 ore
Castellinaria compie 35 anni e avrà una nuova casa di proiezione
Dall’Espocentro bellinzonese, il Festival del cinema giovani si svolgerà (19-26 novembre) al Mercato coperto di Giubiasco
Letteratura
23 ore
Lin Shu, Chen Jalin e il cavaliere magico
Il settantenne cinese ha tradotto (o riscritto) 180 libri della tradizione letteraria europea, fra cui il Don Chisciotte insieme al suo collaboratore
Ceresio Estate
1 gior
A Caslano il ‘romantico’ Quartetto Altemps
In rappresentanza dell’ensemble, atteso domenica 7 agosto nella chiesa parrocchiale, parla il violoncellista Marco Testori
Scienze
1 gior
‘Le epidemie intermittenti di Covid saranno la normalità’
Dato l’emergere regolare di varianti, per i ricercatori non ci sono ragioni per credere che questa tendenza non continuerà, come succede per l’influenza
Streaming
1 gior
Man! I Feel Like Shania Twain
Su Netflix c’è ‘Shania Twain: Not Just a Girl’, il bel documentario di Ross Crowley sulla ‘Regina del Country Pop’
Scienze
1 gior
In arrivo una batteria di carta usa e getta, si attiva con acqua
Potrebbe essere usata per vari dispositivi elettronici monouso a bassa potenza
Locarno 75
1 gior
‘Where the Crawdads Sing’ e ‘Piano Piano’ sono panna inacidita
I due film proposti ieri in Piazza Grande sono il trionfo della banalità, dove tutto è in superficie: poca emozione, poca indagine
Estate giallo-nera
1 gior
‘Soldi bruciati’, la versione argentina di una tragedia greca
‘Plata guemada’ (1997) è il romanzo più riuscito di Ricardo Piglia. Tratto da vicende accadute nel 1965, è il suo più noto e il più duro
© Regiopress, All rights reserved