laRegione
06.02.22 - 18:36
Aggiornamento: 18:53

La musica in maschera dell’Osi e Ilya Gringolts

In regime di pandemia il quarto e ultimo concerto all’Auditorio Stelio Molo dell’Orchestra della Svizzera italiana

di Enrico Colombo
la-musica-in-maschera-dell-osi-e-ilya-gringolts
OSI / F. Fratoni
Ilya Gringolts

È già finita la serie dei quattro concerti “Play&Conduct”, quanto resta della “stagione dell’Osi nel leggendario Auditorio Stelio Molo”. Leggo le parole tra virgolette sul bel programma di sala in fondo al quale c’è l’elenco dei musicisti dell’Orchestra, che sono 39, l’organico di una grossa orchestra da camera più che di una piccola orchestra sinfonica, per la quale l’Auditorio è fatto su misura. Sul palco, quando l’Orchestra impiega rinforzi, ci stanno agevolmente una settantina di strumentisti, in sala poco più di 400 posti, che, quando i programmi non contengono opere attrattive per il grande pubblico, sono più che sufficienti.

Protagonista dell’ultimo concerto, sempre ancora in regime di pandemia, il violinista Ilya Gringolts che, nato quarant’anni fa a Leningrado, andò a scuola quando la bella città sul delta della Neva era ridiventata San Pietroburgo. La sua biografia è simile a quella di molti talenti musicali del nostro tempo: “Sembra uno stereotipo, ma in Russia un bambino ebreo deve suonare il violino, così non ho fatto domande all’idea dei miei genitori, ho accolto la proposta di suonare con gioia”. La sua formazione precoce, iniziata su canali privilegiati a San Pietroburgo, è continuata alla Juilliard School di New York e gli ha permesso di debuttare sulla scena come solista a undici anni con l’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo diretta da Jurij Temirkanov. Oggi la Svizzera può quasi vantarsi d’averlo adottato: vi si esibisce sovente in concerti cameristici e sinfonici, fa parte degli Swiss Soloists che da più di vent’anni danno i prestigiosi Swiss Chamber Concerts.

Giovedì, nel doppio ruolo di solista e direttore, aveva in programma le intriganti “Varianti” per violino solo, archi e legni (1957) di Luigi Nono, ma verosimilmente per l’impossibilità di disporre dei 32 archi richiesti dalla partitura, ha dovuto ripiegare su una meno intrigante Romanza per violino e orchestra (1875) di Antonín Dvorák. Ha potuto invece confermare il Concerto per violino n. 6 op. 10 (1743) di Jean-Marie Leclair e la Sinfonia n. 4 (1816) di Franz Schubert.

È stato soprattutto nel brano di Leclair che ho ritrovato alcune peculiarità del violinista ammirate ogni volta che l’ascoltai dal vivo: bellezza di suono, aristocratica sobrietà nei passaggi virtuosistici. Grazie all’impegno dell’orchestra, pur imbottita di sostituti e aggiunti, la sua direzione in Leclair e in Dvorák è andata abbastanza bene.

Non così nella Sinfonia Schubert, che ha voluto dirigere col violino in mano e suonando anche assieme ai primi violini. Che può un direttore col volto coperto dalla mascherina, che con la mano destra agita l’arco invece della bacchetta e con la sinistra regge lo strumento? Nemmeno può chiedere le più semplici sfumature dinamiche di forte e piano.

Il pubblico colto, raffinato e mascherato, che riempiva due terzi della sala, ha mostrato di capire il dramma dei musicisti in pandemia, ha applaudito con grande calore e richiamato più volte Ilya Gringolts.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
19 ore
Giove fa il record di lune: altre 12 scoperte, ora sono 92
Il grande pianeta strappa il primato a Saturno che ne ha 83. I nuovi satelliti hanno un diametro compreso fra 1 e 3 chilometri
Culture
21 ore
A Bologna come a Pompei, anzi meglio
Una grande mostra al Museo di archeologia dedicata alla pittura romana, dalla ‘più grande pinacoteca dell’antichità al mondo’
Società
1 gior
Diabolik, Eva Kant compie 60 anni
L’esordio dell’affascinante compagna del protagonista nel terzo numero del fumetto nel ’53. La Zecca italiana emetterà una moneta da collezione
Microcosmi/Microcinema
1 gior
Cinelario. Esserci, è la parola.
A Menaggio, la sala animata da ‘cineD’AUTORE’ è un valore per una comunità piuttosto povera di iniziative culturali, uno spazio per creare relazioni
La recensione
1 gior
Accorsi e Finzi Pasca, gioie e dolori del calcio
Sala Teatro piena, giovedì sera al Lac, per la prima luganese di ‘Azul’
Culture
1 gior
La tensione verso l’infinito del testardo Anton Bruckner
A colloquio col Maestro Francesco Angelico, che dirigerà l’Ottava sinfonia del compositore austriaco con l’Orchestra sinfonica del Conservatorio di Lugano
Scienze
1 gior
La Terra ha un suo sosia. Si chiama Wolf 1069 b
Il pianeta, scoperto grazie al progetto Carmenes (attivo dal 2016) dista 31 anni luce dal nostro e verosimilmente potrebbe essere abitabile
Culture
1 gior
Addio a Paco Rabanne
Lo stilista spagnolo è morto all’età di 88 anni a Portsall, in Francia. Era ribelle e provocatorio.
Musica
2 gior
‘On&On’ di Iris Moné, la tristezza può diventare oro
La cantautrice ticinese, che vive a San Diego, è tornata in Ticino per stare vicino alla madre. Dagli ultimi giorni insieme a lei è nata una canzone
Spettacoli
2 gior
‘Figli di E.’, un dono e un vuoto grandi come solo l’amore
Domenica a ‘Storie’ il percorso di Marta e Tazio dopo la tragica scomparsa del papà Erminio Ferrari, in un toccante documentario di Fabrizio Albertini
© Regiopress, All rights reserved