laRegione
Sogno o son Festival
03.02.22 - 00:58
Aggiornamento: 15:38

Sanremo, Elisa torna ed è prima (seconda serata)

Toffoli guida la classifica generale, poi Mahmood-Blanco e La Rappresentante di Lista. Nella notte di Zalone, standing ovation per l’82enne Zanicchi

sanremo-elisa-torna-ed-e-prima-seconda-serata
Keystone
‘O forse sei tu’, Elisa

“Ieri (martedì per chi legge, ndr) abbiamo finito all’una e dieci, e magari stasera faremo prima”. È con questa gioia nel petto e un dolore più in là (liberamente tratto da Fabio Concato, di cui Sanremo un giorno si ricorderà) che Amadeus chiama l’applauso per Monica Vitti che non c’è più. È il primo atto della seconda serata del 72esimo Festival della canzone italiana, forte dei numeri della prima, che dicono di plebiscito.

La cronaca. Il tempo di una canzone e i rapidi tempi scenici cui siamo stati abituati si prendono una pausa con Lorena Cesarini, nata a Dakar e cresciuta a Roma, attrice: nel ruolo che lunedì fu di Ornella Muti, fa di più di chi l’ha preceduta raccontando, ancora, come i social hanno accolto l’annuncio della sua presenza. ‘L’hanno chiamata lì perché è nera’; ‘È arrivata l’extracomunitaria’, ‘Forse l’hanno chiamata per lavare le scale e annaffiare i fiori’, hanno scritto di lei. “A parte che lavare le scale è un lavoro come tanti e non ci trovo nulla di svilente…”, dice lei, e legge estratti da ‘Il razzismo spiegato a mia figlia’ del franco-marocchino Tahar Ben Jelloun. E il tempo è ben speso.

Questione di ‘Chimica’

Apre la serata il 18enne Sangiovanni (sarà felice il vescovo di Sanremo, il cui j’accuse contro il battesimo di Achille Lauro ha scomodato, via Fiorello, l’Osservatore Romano). ‘Farfalle’ è la liberazione dal successo arrivato all’improvviso ed è pane per le radio. Giovanni Truppi in una buona ‘Tuo padre, mia madre, Lucia’ che sfiora il teatro-canzone, è alieno in Riviera. Le Vibrazioni senza Vessicchio, in attesa di negativizzazione, portano in gara ‘Tantissimo’, con dedica al compianto Stefano D’Orazio, in silhouette sulla cassa della batteria. Sfilano Emma (‘Ogni volta è così’) e il 19enne Matteo Romano (‘Virale’). Poi, splendida 82enne, Iva Zanicchi canta ‘Voglio amarti’ senza rischiare troppo (la canzone è almeno vintage) ma senza sbagliare una nota. ‘Chimica’, Ditonellapiaga e Donatella Rettore, è degno proseguimento, easy listening coi fiocchi. Elisa, con l’emozione di una esordiente, canta ‘O forse sei tu’ e si ritaglia un posto nell’Olimpo di sabato notte.

Vieni a ballare in Puglia

Fuori concorso, c’era Laura Pausini che ha cantato ‘Scatola’ scritta da Madame, e c’era Laura Pausini che con Mika ha cantato ‘I Have a Dream’ degli Abba, consegnati al successo dall’Eurovision Song Contest: e con l’aggiunta di Alessandro Cattelan spuntato dall’orchestra, il terzetto che condurrà Eurosong da Torino è svelato. C’era pure Checco Zalone, e salire dopo il monologo anche lungo ma onesto di Lorena Cesarini con un “tanto su questo palco piangono tutti”, è parso un po’ fuori luogo. Più che la sua Cenerentola calabrese, favola scomoda (e che scomoda Mia Martini), meglio la dissacrazione della trap nei panni del trapper Ragadi e in Oronzo Carrisi, virologo, diversamente Al Bano. E meglio in ‘Angela’, degna degli Elii.

Verso la mezzanotte, Sanremo recupera Ermal Meta dalla Costa Toscana in mezzo al mare per riascoltare ‘Un milione di cose da dirti’, terza lo scorso anno. Di tutto il resto – Matteo Romano (‘Virale’), Aka 7seven (‘Perfetta così’) e Irama (‘Ovunque sarai’) – un cenno per la coppia Highsnob e Hu (‘Abbi cura di te’), dal brano che ha un’anima.

La classifica della seconda serata:

  1. Elisa, ‘O forse sei tu’
  2. Emma, ‘Ogni volta è cosi’
  3. Ditonellapiaga e Rettore, ‘Chimica’
  4. Irama, ‘Ovunque sarai’
  5. Fabrizio Moro, ‘Sei tu’
  6. Giovanni Truppi, ‘Tuo padre, mia madre, Lucia’
  7. Sangiovanni, ‘Farfalle’
  8. Matteo Romano, ‘Virale’
  9. Highsnob e Hu, ‘Abbi cura di te’
  10. Iva Zanicchi, ‘Voglio amarti’
  11. Aka 7seven, ‘Perfetta così’
  12. Le Vibrazioni, ‘Tantissimo’
  13. Tananai, ‘Sesso occasionale’

La classifica generale dopo le prime due serate:

  1. Elisa, ‘O forse sei tu’
  2. Mahmood e Blanco, ‘Brividi’
  3. La Rappresentante di Lista, ‘Ciao ciao’
  4. Dargen D’Amico, ‘Dove si balla’
  5. Gianni Morandi, ‘Apri tutte le porte’
  6. Emma, ‘Ogni volta è così’
  7. Ditonellapiaga e Rettore, ‘Chimica’
  8. Massimo Ranieri, ‘Lettera di là dal mare’
  9. Irama, ‘Ovunque sarai’
  10. Fabrizio Moro, ‘Sei tu’
  11. Giovanni Truppi, ‘Tuo padre, mia madre, Lucia’
  12. Noemi, ‘Ti amo non lo so dire’
  13. Sangiovanni, ‘Farfalle’
  14. Michele Bravi, ‘Inverno dei fiori’
  15. Rkomi, ‘Insuperabile’
  16. Achille Lauro, ‘Domenica’
  17. Matteo Romano, ‘Virale’
  18. Highsnob e Hu, ‘Abbi cura di te’
  19. Giusy Ferreri, ‘Miele’
  20. Iva Zanicchi, ‘Voglio amarti’
  21. Aka 7seven, ‘Perfetta così’
  22. Le Vibrazioni, ‘Tantissimo’
  23. Yuman, ‘Ora e qui’
  24. Tananai, ‘Sesso occasionale’
  25. Ana Mena, ‘Centomila ore’

È apparso Gigi Marzullo. Vuol dire che è tardi. Chiudiamo qui, piano piano, sottovoce.


All’interpretazione (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Video
Sanremo
4 min
Måneskin, Di Capri, Paola Egonu nell’Italia ‘non tutta razzista’
Il caso Fedez, il caso Duro (Angelo) e la pallavolista co-conduttrice per una notte, che a domanda risponde (la conferenza, ‘Momento Lucci’ annesso)
arti performative
11 min
‘Out of me, Inside You’: le strade della malinconia
Esterno, interno; movimento e stasi contemplativa nella performance che l’artista Francesca Sproccati porta a Villa dei Cedri, dal 10 al 12 febbraio
Video
Sogno o son Festival
2 ore
Morandi per la melodia, Pegah per l’Iran, Tananai per l’Ucraina
Dopo l’affondo di Fedez, Sanremo va a letto tardi e si sveglia con il video di Tananai: il suo ‘Tango’ è dedicato all’Ucraina.
Sogno o son Festival
3 ore
Notte in Blanco (fatti mandare dalla mamma a rompere il latte)
Siamo onesti: chi da giovane non ha mai sfasciato un palco? E quante bottiglie avrà spaccato Morandi prima di diventare famoso?
Sogno o son Festival
5 ore
Sanremo, le canzoni ‘Made in Italy’ (le pagelle, seconda serata)
Colapesce Dimartino una certezza, Rosa Chemical un martello, Tananai ebbene sì. La classifica dopo le prime due serate: Mengoni, sempre Mengoni
Arte
21 ore
Poi appare Paolina Bonaparte. E noi ci perdiamo con lei.
Tra le opere di Galleria Borghese per la mostra ‘Meraviglia senza tempo. Pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento’, e la meraviglia del Canova.
Sogno o son Festival
23 ore
Un altro Sanremo dei record (scuse di Blanco incluse)
Giorno due, conferenza tre. Davanti ai numeri ci sono tutti ‘più’. Il sindaco di Sanremo: ‘Non si è mai parlato tanto di fiori come quest’anno’
musec
23 ore
La rivoluzione occidentale dell’arte agli antipodi
A Villa Malpensata, dal 10 febbraio al 1° ottobre, è esposta una settantina di capolavori d’arte dei Mari del Sud, opere della Collezione Brignoni
Culture
1 gior
‘Di alberi e di guerra’ agli ‘Eventi letterari’ del Monte Verità
A inaugurare l’undicesima edizione del festival (30 marzo-2 aprile) sarà l’incontro con Giuliano da Empoli, autore de ‘Il mago del Cremlino’
Spettacoli
1 gior
La solitudine di Ulisse e la cecità umana
Stasera al Lac si replica lo spettacolo di Lina Prosa diretto da Carmelo Rifici. Ottima prova degli interpreti, notevoli le musiche di Zeno Gabaglio.
© Regiopress, All rights reserved