laRegione
cina-la-censura-cambia-il-finale-a-fight-club
Cinema
25.01.22 - 21:15
Ansa, a cura de laRegione

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.

L‘ombra della censura cinese raggiunge ancora Hollywood: alla fine di ’Fight Club’, il cult movie del 1999 di David Fincher con Brad Pitt ed Edward Norton, è la polizia a vincere, e la trama è così stravolta. Il film, basato sull’omonimo romanzo di Chuck Palahniuk, è da poco disponibile in Cina sulla piattaforma di streaming Tencent Video, ma durante il fine settimana i fan hanno notato una versione rivisitata che trasforma il messaggio anarchico e anticapitalista che ha reso il film un successo globale.

Nelle scene finali dell’originale, il personaggio di Norton, il narratore, uccide il suo alter ego immaginario Tyler Durden, che è interpretato da Pitt, osservando poi diversi edifici esplodere, in quello che potrebbe essere l’inizio dell’abbattimento della civiltà moderna. Il finale, riscritto ‘con caratteristiche cinesi’, ha un approccio diverso e vede il narratore procede ancora con l’uccisione di Durden, ma le scene degli edifici che esplodono sono state sostituite da uno schermo nero e da una coda finale che spiega che “la polizia ha rapidamente capito l’intero piano e ha arrestato tutti i criminali, impedendo con successo l’esplosione dell’ordigno”. Inoltre, dopo il processo Tyler fu mandato “in un ospedale psichiatrico” per le cure e in seguito dimesso nel 2012.

La conclusione ha fatto molto discutere su Weibo, il Twitter in mandarino, indignando molti che forse avevano visionato la versione genuina del film. Pur se manca la conferma ufficiale della censura, gli studios di Hollywood sono spesso costretti a presentare montaggi alternativi per superare gli ostacoli di Pechino e accedere al ricchissimo mercato cinese. Ad esempio, “Bohemian Rhapsody” della Fox subì un taglio di circa tre minuti, privo di ogni riferimento gay. ‘Alien: Covenant‘, non di meno, perse circa sei minuti per la violenza e un bacio gay tra androidi.

Sotto il presidente Xi Jinping, le autorità hanno spinto con forza per eliminare dalla società elementi ritenuti malsani tra film, televisione e videogame. La Cyberspace Administration of China, che vigila su internet, ha lanciato proprio oggi la campagna di un mese per il web “pulito”, al fine di creare un’atmosfera “civile e sana” online durante le imminenti vacanze del Capodanno lunare.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bohemian rhapsody censura david fincher fight club gay
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Cinema
10 ore
Staccata la spina: è morta l’attrice Anne Heche
La 53enne era stata coinvolta in un incidente automobilistico una settimana fa. In coma da allora, sono state spente le macchine che la tenevano in vita
Culture
13 ore
Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione
Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
Musica
14 ore
Vent’anni di Vallemaggia Magic Blues con tanto di record
Il 20esimo ha battuto per spettatori pure il 18esimo zeppo di star. A Gordevio in 1’700 per Philipp Fankhauser. Il Producing team è già al lavoro sul 2023
Locarno 75
14 ore
Il deserto di Adnane Baraka, tra mistero e complessità umana
Il regista unisce nomadi e scienziati che cercano tracce sull’origine della vita, e il documentario sulla ricerca diventa esperienza poetica e metafisica
Culture
15 ore
Spider-Man, compie 60 anni il più giovane dei supereroi Marvel
Creato nell’agosto del 1962 da Stan Lee, con la collaborazione geniale del disegnatore Steve Ditko, ha ritrovato nuova gloria al cinema con Sam Raimi
Open Doors
20 ore
L’epopea dei profughi cubani che incrina il mito rivoluzionario
‘La opcíon cero’ di Marcel Beltràn è una testimonianza cruda dell’esodo dall’Isola delle Grandi Antille. ‘Una storia reale che non dà risposte’.
Locarno 75
23 ore
Il sesso, i sessi, in concorso
Valentin Merz e ‘De noche los gatos son pardos’, premio LGBT (se ci fosse), e ‘Piaffe’, fiction d’esordio di Ann Oren
L’intervista
1 gior
La confessione di Costa-Gavras
L’esordio noir, il film politico, la crisi greca, i silenzi di ‘Amen’. E il Collège in cui insegna a leggere il cinema. Il Pardo alla carriera si racconta
Locarno 75
1 gior
Canta in Piazza la lotta femminile di Annie Colère
Il film di Lenoir, in Piazza oggi, racconta le battaglie delle donne per il diritto all’aborto: una storia che invita alla rivolta cosciente e civile
Spettacoli
1 gior
Steve Martin dice addio alla carriera di attore
L‘attore ha alle spalle quasi 60 anni di carriera. Attualmente è impegnato nella serie televisiva ‘Only Murders in the Building’
© Regiopress, All rights reserved