laRegione
tuo-padre-mia-madre-lucia-e-giovanni-truppi
foto: Mattia Zoppellaro
Giovanni Truppi
Musica
23.01.22 - 19:01
Aggiornamento: 19:17

‘Tuo padre, mia madre, Lucia’ e Giovanni Truppi

La città di Napoli che arriva prima della musica, un mestiere cui essere fedeli, Capossela con cui duettare a Sanremo: il cantautore si racconta

‘Le Monde’ ha adorato ‘Poesia e civiltà’, ultimo suo album uscito nel 2019. Anche molta critica italiana ne tesse le lodi e con essa l’amico Diodato e così pure Tosca. Unico chansonnier in una gara – Sanremo – che mai come quest’anno ha centellinato gli chansonnier, sulla sua ‘Tuo padre, mia madre, Lucia’ pesano le responsabilità della nuova canzone d’autore e di quell’indie che dai tempi di Riccardo Sinigallia (ammesso, poi squalificato, ma l’essere indie non c’entrava) ha fatto pace con la competizione canora. Giovanni Truppi, cinque album all’attivo, premio Pimi (Premio italiano per la Musica indipendente) come miglior artista indipendente in un 2019 da incorniciare, parla di sé, del Festival e spiega le canzoni, che di solito non si spiegano. Ideale seguito di ‘Conoscersi In una situazione di difficoltà’, cantata un anno fa con Niccolò Fabi, il brano in gara a Sanremo – scritto a più mani, e una è quella di Pacifico – è “l’evoluzione del sentimento, lo stadio in cui la coppia si è formata e vive l’esperienza di costruire un amore, dell’essere in due con le cose belle e quelle difficili, confrontandosi anche con il mondo esterno”. In questo caso, un suocero e una suocera.

Italiani e non guarderanno a Truppi anche per la tanto attesa serata dei duetti (o ‘serata delle cover’, che dir si voglia), che lo vedrà impegnato in ‘Nella mia ora di libertà’, il Fabrizio De André di ‘Storia di un impiegato’, album che l’anno prossimo farà cinquant’anni. Sul palco col Truppi, niente di meno che Vinicio Capossela. E anche qui si chiedono spiegazioni. Il brano, per cominciare: “Ho cercato, spero con il maggior rispetto possibile, di offrire il mio punto di vista su questa canzone, di farla mia. Non credo m’interesserebbe riproporre una versione uguale all’originale”. A seguire, l’ospite: “Capossela è uno degli artisti che più mi ha guidato da quando ho intrapreso questa strada, con il suo rigore. Il fatto che lui abbia accettato di partecipare, mi fa sentire un po’ più forte davanti a una platea così ampia”.

Forse per il luogo comune che uno s’aspetta sempre sorrisi e gesticolare, Truppi pare un napoletano atipico. O un napoletano non troppo gesticolante. Premette: “Prima che della musica mi sento debitore dello sguardo che la città di Napoli ti regala sul mondo, un regalo che per chi vive in Occidente pochi altri posti al mondo ti possono fare. Quanto alla musica, sono legato alle canzoni tradizionali napoletane, a quel raccontare una storia nella maniera antica prima che classica, una modalità cui in un certo senso mi sento legato, per il modo di scrivere. Ma non so se possiedo gli strumenti critici per specificare questa sensazione”. E dunque Napoli città arriva “prima di Roberto Murolo, prima di Pino Daniele, che ho iniziato ad ascoltare da grande”, e prima del neapolitan power, splendido ibrido sinonimo di rivoluzione.

Al di là dell’imprinting, al di là dell’avere incontrato Lucio Dalla nel backstage del tour di ‘Cambio’ (“Aveva una specie di vestito da Mago Merlino, ero molto felice d’incontralo. Avrò avuto otto anni”), quello che Truppi voleva a vent’anni era fare questo mestiere. “All’epoca non avevo le idee chiare su come avrei voluto farlo, ma volevo esprimermi attraverso la musica. Farò questo lavoro finché avrò voglia di farlo, magari non per sempre, ma rimanendo fedele ai miei valori e a quello che ho costruito fino a ora, alle basi fondative messe, più o meno coscientemente”. In attesa di ‘Tutto l’universo’, antologia di una carriera con dentro ‘Tuo padre, mia madre, Lucia’, si chiude con Napoli. Perché a parte i Quintorigo, band di culto transitata per Sanremo per lasciarvi un segno, i primi ricordi televisivi di Truppi legati al Festival riguardano, non a caso, ‘Perdere l’amore’ di Massimo Ranieri, in gara quest’anno nella sua stessa categoria. L’auspicio, a questo proposito, è molto chiaro: “Spero di conoscerlo”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
festival di sanremo giovanni truppi vinicio capossela
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno 75
4 ore
Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni
La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
6 ore
Morta Olivia Newton-John, star di Grease
Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
7 ore
Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’
Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
L'intervista
8 ore
Tre uomini nel ‘Delta’
Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
Locarno 75
15 ore
‘Paradise Highway’ irrisolto, non convince ‘Delta’
Nel film con Juliette Binoche, imbarazzante e malinconico Morgan Freeman; tanti i temi narrativi irrisolti. Sorprende ‘Medusa Deluxe’
L’intervista
17 ore
Juliette Binoche, attrice e camionista
Da Kieślowski a Kiarostami, lampi di vita e carriera fino a ‘Paradise Highway’ di Anna Gutto
Spettacoli
17 ore
Morto l’attore Roger E. Mosley, indimenticabile TC di Magnum P.I.
Aveva 83 anni ed è rimasto vittima di un incidente d’auto. Suo il ruolo di Theodore ‘TC’ Calvin accanto a Tom Selleck
Locarno 75
20 ore
Jason Blum, come spaventarsi tanto spendendo poco
La sua Blumhouse è la casa produttrice di horror per eccellenza, cose come ‘Paranormal Activity’, 15mila dollari investiti, 200 milioni guadagnati
Locarno 75
1 gior
Cineasti del presente, voglia di raccontare e sperimentare
Di ‘How’s Katia’ s’è detto; interessante ma incompleto ‘Petrol’; piace (al netto di qualche moralismo) ‘Petites’
Castellinaria
1 gior
Castellinaria compie 35 anni e avrà una nuova casa di proiezione
Dall’Espocentro bellinzonese, il Festival del cinema giovani si svolgerà (19-26 novembre) al Mercato coperto di Giubiasco
© Regiopress, All rights reserved