laRegione
osi-in-auditorio-riccardo-minasi-e-lo-sturm-und-drang
La recensione
23.01.22 - 15:03
Aggiornamento : 15:29

Osi in Auditorio: Riccardo Minasi e lo Sturm und Drang

Di giovedì al Lac, splendida interpretazione costellata d’impetuosi contrasti dinamici, ma anche di momenti di serenità danzante

di Enrico Colombo

Al secondo concerto di gennaio la sala era quasi completa, con una incoraggiante presenza di giovani, e si può credere che qualcuno di loro ascoltasse per la prima volta dal vivo l’Eroica di Beethoven. Una gradita antinomia a un approccio da profonda crisi pandemica: all’entrata il pubblico ha ricevuto un foglietto con la comunicazione che delle tre Ouverture in programma solo quella di Schubert sarebbe stata eseguita; poi i nomi dei 42 strumentisti che sarebbero andati in scena, con 17 tra sostituti e aggiunti, comunque 28 archi, sufficienti tanto per Schubert che per Beethoven, con Walter Zagato Konzertmeister.

Il palco dell’Auditorio era tutto occupato: ogni arco col suo leggìo, i primi violini a sinistra, i secondi a destra, i contrabbassi in fila indiana, i fiati che non possono portare la mascherina isolati da pareti di plexiglas, i timpani e le trombe ben visibili in fondo, ma lontani tra loro. Comprensibile la curiosità frammista a qualche inquietudine del pubblico fedele di questi concerti: come sarà il primo approccio all’Orchestra della Svizzera italiana, di un direttore quarantaquattrenne, che esibisce ormai un curriculum prestigioso?

E l’entrata in scena di Riccardo Minasi è stata catastrofica. Con la mascherina che porterà per tutto il concerto, alla ricerca di un passaggio tra strumentisti e pareti divisorie, è inciampato in un cavo, è caduto a terra, s’è rialzato, è corso sorridente sul podio, si è scusato con l’orchestra, poi ha attaccato l’Ouverture in stile italiano di Franz Schubert, quella in do maggiore D 591. È allora partito l’incanto.

Minasi dirige senza bacchetta, con gesti ampi, elegantissimi, che coinvolgono anche gli ascoltatori. All’orchestra riesce a mandare quanti stimoli e richiami sono possibili con due mani. Con una mano gira anche la partitura che non guarda, perché conosce a memoria, ma tiene davanti forse per ossequio al compositore. All’ascoltatore che sta alle sue spalle sfugge l’espressione del volto del direttore e gran parte dei suoi messaggi emotivi e culturali che trasformano l’esecuzione in interpretazione, ma deve cercare di coglierli nella realtà del suono vero, non filtrato dai microfoni che lo amplificano, lo trasmettono o lo registrano. È il pregio insostituibile dell’ascolto dal vivo. Posso certificare con piacere che, per il silenzio senza raschiamenti di gola tra un tempo e l’altro, per la leggera inerzia a sciogliere l’applauso al termine dei due brani, i messaggi sono stati ben colti dal pubblico. E, nonostante un’orchestra raffazzonata all’ultimo momento, qualche sfumatura dinamica e qualche asprezza timbrica correggibili, l’interpretazione c’è stata, bella, forse anche per l’emergenza pandemica indimenticabile.

L’Ouverture, composta da Schubert a vent’anni, è stata eseguita con un cipiglio dinamico e una garbata ironia, peculiarità del genio che morde il freno e guarda oltre le consuetudini, la moda sclerotizzata del suo tempo. Ma erano solo dieci minuti di musica, poca cosa di fronte ai cinquanta minuti della Terza Sinfonia, l’Eroica, di Ludwig van Beethoven.

Non era concessa una pausa, il pubblico ha atteso con calma al suo posto, ha visto entrare in scena la cornista Zora Slokar e chi l’aveva dimenticato s’è ricordato che l’unica innovazione strumentale in quest’opera beethoveniana è l’introduzione di un terzo corno.

Sull’Eroica è già stato scritto tutto. Non sono in grado di dire cose originali sulla splendida interpretazione di Riccardo Minasi, costellata di impetuosi contrasti dinamici, ma anche di momenti di serenità danzante, certo vissuta come una temperie storicamente lontana. Forse collocabile nello Sturm und Drang il movimento culturale tedesco che ha traghettato l’illuminismo nel romanticismo, quando Beethoven era protagonista della scena musicale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
auditorio osi in auditorio riccardo minasi rsi stelio molo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
2 ore
Il coraggio di Lilly, che ad Ascona accolse migliaia di bambini
Intervista a Mattia Bertoldi, autore del romanzo storico sulla donna zurighese che diede rifugio a quattromila giovani in situazioni difficili
Arte
16 ore
L’Fbi sequestra 25 Basquiat da un museo in Florida
Le autorità sospettano che i quadri non siano autentici. Una volta conclusa la rassegna, avrebbero dovuto partire per l’Italia
Scienze
1 gior
Gli esseri umani cercano amici che abbiano il loro stesso odore
Uno studio mostra che le persone che hanno un odore simile hanno maggiori possibilità di andare d’accordo
Estate giallo-nera
1 gior
Attraente e inquietante, la Milano di Giorgio Scerbanenco
‘Traditori di tutti’, una scrittura dinoccolata come la figura dello scrittore, e che non somiglia a nessun’altra
Microcosmi
1 gior
Transiti, nove e dieci
Da Ponte Chiasso terra di mezzo verso Monte Olimpino, poi il lago di Como. Fuggire per tornare a se stessi, così come fugge Travis...
Fotografia
1 gior
Il Monte Generoso di Catania
Istantanee da ‘My Generoso. Una Montagna per Amico’ al Fiore di Pietra, mostra del fotografo italiano Yuri Catania, che dal 2018 vive a Rovio
Letteratura
2 gior
Harry Potter, i venticinque anni di un maghetto bestseller
Oggi è il compleanno della saga di J. K. Rowling che ha cambiato l’universo del fantasy per ragazzi, incantando il mondo intero
Società
2 gior
Stone su Haggis: ‘Se incontri una donna meglio essere in tre’
Sulle più recenti accuse al collega di violenza sessuale, Oliver Stone contro il #MeToo: ‘Non vogliamo un altro caso alla Amanda Knox’
Spettacoli
2 gior
Caparezza si arrende all’acufene: stop ai live dopo l’estate
Il rapper pugliese sospenderà l’attività dal vivo alla fine del tour estivo per l’ultimo album ‘Exuvia’ per i problemi all’udito di cui soffre da tempo
Spettacoli
2 gior
Eminem torna a sorpresa con un singolo insieme a Snoop Dogg
Si intitola ‘From the D 2 The LBC’ l’ultima collaborazione fra le due superstar del rap a stelle e strisce
© Regiopress, All rights reserved