laRegione
sfogliando-se-questo-e-un-uomo-a-teatro
Tommaso Le Pera
19.01.22 - 20:40

Sfogliando ‘Se questo è un uomo’ a teatro

Magnifica prova di Valter Malosti, martedì scorso al Lac, nel portare in scena il testo di Primo Levi

di Valentina Grignoli Cattaneo

Non ha tradito le aspettative il magnifico lavoro di Valter Malosti (regista e attore) presentato martedì scorso al Lac all’interno delle celebrazioni per la Giornata della memoria, per commemorare le vittime dell’Olocausto. ‘Se questo è un uomo’ ha anticipato il calendario, lo spettacolo del 27 gennaio pensato per l’occasione non ha potutto per ovvie ragioni essere qui.

Presentazione in grande spolvero quindi, tra i presenti le massime autorità cantonali (tra le quali il presidente delle istituzioni Norman Gobbi), l’ambasciatrice israeliana a Berna Ishaf Reshef e l’ambasciatore italiano Gabriele Meucci. Sono state le particolari parole di quest’ultimo a portarci là dove era necessario, tra la scrittura originale di Levi, scoperta in una prima edizione riscritta e cancellata a matita dall’autore stesso. E così, accompagnandoci con il gesto concreto dello scrittore che rivede, a volte cancella, poi riscrive, nega e forse traduce, abbiamo raggiunto Levi.

Come Malosti aveva raccontato qualche giorno fa in un’intervista, Levi non è stato solo uno dei principali, enormi testimoni del genocidio nazista: il capolavoro che ha scritto è di una ricchezza linguistica eccezionale. E sono le sue parole quindi, oltre che la sua vita, a essere celebrate in questo spettacolo. Parole che scivolano, incalzano, si interrompono, inanellate in frasi pressoché perfette. Che vanno a evocare un testo conosciuto da tutti ma qui riscoperto da molti nella sua ricchezza auditiva.
Ascoltare un romanzo, sfogliarlo in scena, è possibile? L’intermediario non ne comprometterà la sua anima? Sarà possibile per gli spettatori recepirlo onesto e sincero, farlo giacere nel nostro essere per qualche istante, permetterci di sfumarlo con la nostra immaginazione personale e non solo quella di chi declama? Sì. È stato possibile. E Valter Malosti ha dimostrato la sua bravura permettendoci di ascoltare ‘Se questo è un uomo’, per ben due ore, quasi immobile in una scena a tratti onirica (la casa), poi cruda e reale (le macerie), claustrofobica e infine liberatoria (a cura della brava Margherita Palli). Forse quanto è maggiormente piaciuto a chi scrive è proprio l’aver sentito la libertà di riascoltare il romanzo a suo modo, cosa che una recitazione più marcata (chissà come sarebbe con Paolo Pierobon come inizialmente previsto nella sua genesi) non avrebbe permesso.

Un lavoro enorme da parte del regista, un testo mandato a memoria per ben due ore di spettacolo: pochissime, discrete pause per bere, il racconto che fluisce sulla scena. Un uomo solo, sineddoche di una moltitudine di voci, in una scena che avremmo goduto anche senza il bisogno dei due performer (resi forse superflui a casua della loro presenza incostante, così come le immagini), con un testo che funziona – inutile dirlo – talmente bene che non necessitava le pause, a dir la verità un po’ costruite e confuse, dei madrigali a opera di Carlo Boccadoro sulla base dei versi del poeta Levi.

Riuscito invece il gioco di luci di Cesare Accetta, che ci ha permesso diverse angolature di questo uomo imponente, in cappotto, elegante, con una valigia. Che così tanto si distanza dall’immaginario che potremmo avere di Levi stesso. Eppure ce ne dimentichiamo, e vediamo tutto, quasi come deve essere visto. Il viaggio e il campo, i compagni, la solitudine, la degradazione e la discesa agli inferi. Dante citato e evocato da Levi, rivive qui, in un crescendo culminante con quel capolavoro che è il Viaggio di Ulisse. Non si rimane indifferenti a ‘Se questo è un uomo’, proprio perché la grandezza del suo testo non lo permette, come la nostra conoscenza della realtà storica. Per Primo Levi stesso. Ma anche per il genoroso gesto di Valter Malosti, che ha dimostrato come trattare un opera con il rispetto che merita.

Mi porto a casa la neve, così lieve e definita, che oggi mi ha invogliata a riascoltare Guccini. La neve che col suo candore stride sulle pagine nere del nostro passato. E che meraviglia, perché a teatro abbiamo bisogno anche di questo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
giornata memoria primo levi valter malosti
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
4 ore
Una locomotiva pardata per legare Festival e Ffs
Inaugurata alle Officine di Bellinzona la locomotrice che per un anno porterà Locarno in giro per la Svizzera
Spettacoli
8 ore
Eric Clapton ha il Covid: niente concerti a Zurigo e Milano
‘SlowHand’ è risultato positivo dopo l’esibizione alla Royal Albert Hall di Londra. I concerti dovrebbero essere recuperati entro l’anno
Spettacoli
18 ore
Eurovision, provaci ancora Marius
Marius Bear è un talento che va preservato. E ‘Boys Do Cry’ non ha colpe. Anzi
Spettacoli
1 gior
Netflix prepara il suo ingresso nelle trasmissioni ‘live’
Diversi i progetti nel cassetto del colosso dello streaming, che dovrebbe iniziare con un reality show con comici dal vivo
Scienze
1 gior
Appuntamento con l’eclissi. Ma sarà una levataccia per vederla
Domani in cielo ci sarà la ‘Superluna’ rossa: il fenomeno inizierà alle 5.29 e raggiungerà il suo apice alle 6.14
Video
Spettacoli
1 gior
Eurovision, Kalush: ‘Ci vediamo nel 2023, nell’Ucraina libera’
All’alba, dopo la vittoria, la conferenza stampa. Oleh, il leader: ‘Pronto a tornare a combattere’. Zelensky su Telegram: ‘L’anno prossimo a Mariupol’
Spettacoli
1 gior
L’Ucraina ha vinto l’Eurovision Song Contest 2022
Straripante il televoto per la Kalush Orchestra di ‘Stefania’. Gran Bretagna al secondo posto. Poi la Spagna
Video
Spettacoli
2 gior
Madonna dell’Eurovision pensaci tu (la scaletta della finale)
C’è Sanremo, ci sarà anche una santa protettrice dell’Eurosong. Che stasera ci faccia vincere Marius (attenzione: contiene video di Cristiano Malgioglio)
Società
2 gior
Carola Rackete è tornata, ed è a Chiasso
Il dopo-Salvini, l’attivismo ambientale al nord e il ‘no’ a Frontex al centro del dibattito prima di ChiassoLetteraria
Spettacoli
2 gior
Eurovision: al Museo della Rai, aspettando la finale
Dopo giorni e giorni di canzoni, pensieri divagatori e nostalgiche visioni da un luogo (interattivo) per audiofili e nostalgici del tubo catodico
© Regiopress, All rights reserved