laRegione
suisse-diagonales-jazz-al-via-con-l-arthur-hnatek-trio
Mohs (fonte www.diagonales.ch)
Jazz in Bess
17.01.22 - 11:35
Aggiornamento : 19.01.22 - 10:32

Suisse Diagonales Jazz al via con l’Arthur Hnatek Trio

Al via giovedì 20 gennaio con uno dei più ricercati batteristi svizzeri del momento. Di venerdì 21, i local hero Lombardi & Salis prima dei Mohs

Il Festival Suisse Diagonales Jazz è l’evento che fa capo all’associazione mantello degli organizzatori svizzeri nel campo del jazz contemporaneo, con le tradizionali appendici ticinesi, cinque concerti rilanciati da ReteDue, alcuni in diretta radiofonica. Giovedì 20 gennaio alle 21, per il primo appuntamento, spazio all’Arthur Hnatek Trio (Arthur Hnatek - batteria, Fabien Iannone - contrabbasso, Francesco Geminiani - sassofono tenore). Artista di spicco della scena jazz internazionale, il ginevrino Arthur Hnatek è uno dei più ricercati batteristi svizzeri del momento. Il trio da lui capitanato ha vinto il prestigioso Zkb Jazzpreis nel 2019. Il loro primo album ha visto la luce l’anno scorso.

La serata di venerdì 21 gennaio, con inizio alle 20.30, consta di due concerti: ad aprire, i ‘local hero’ ticinesi del ‘Frank Salis & Rocco Lombardi 30° Anniversary’, formazione capitanata dai locali Frank Salis (organo hammond, piano) e Rocco Lombardi (batteria), che festeggiano i trent’anni di sodalizio. All’estro tastieristico di Salis applicato alla precisione percussiva di Lombardi, si uniscono a Besso la libertà improvvisativa di Marco Nevano al sax, con ospite alla chitarra Françis Coletta. In un concerto dalla fibra blues in cui il groove la farà da padrone, Frank Salis adatta un repertorio che va da Paquito de Rivera a Mike Stern passando per Thelonius Monk o Dave Holland.

Alle 22, Suisse Diagonales Jazz entra nel merito con Mohs, quartetto capitanato da Zacharie Ksyk (tromba) ed Erwan Valazza (chitarra). Dall’attività internazionale assai pronunciata, spesso a fianco di gruppi di gran fama (Kadebostany, Fabe Gryphin, Gauthier Toux sextet) i due ex studenti all’Haute Ecole de Musique di Losanna si sono uniti a Gaspard Colin (contrabbasso) e Nathan Vanderbulcke (batteria) per un approccio sperimentale concretizzatosi nel 2017 in Mohs: ispirati da Shai Maestro, Bon Iver e Philip Glass, i quattro improvvisatori dall’estetica minimalista mescolano acustica ed elettronica, filtrati attraverso l’improvvisazione (prenotazione gradita, per SMS allo 079 337 00 59, per e-mail prenotazioni@jazzinbess.ch).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
festival frank salis jazz jazz in bess lugano rocco lombardi swiss diagonales jazz
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Danza contemporanea
5 ore
Michel Gagnon, vi racconto il ‘mio’ Lugano Dance Project
Il direttore del Lac lo ha voluto fortemente, da oggi fino al 29 maggio nella Lugano capitale della danza contemporanea
Culture
10 ore
Anche la poesia abita a Soletta
Alla vigilia delle Giornate letterarie, abbiamo incontrato Yari Bernasconi, Anna Ruchat e Fabiano Alborghetti
Spettacoli
17 ore
Al Teatro Foce c’è ‘La fine del mondo’
Martedì 31 maggio alle 20.30, una riflessione sulla catastrofe ambientale scritta da Fabrizio Sinisi e diretta da Claudio Autelli
Teatro San Materno
1 gior
Pierre Byland ed Enrico Ferretti, ‘Due etologi’ al San Materno
Sabato 4 giugno alle 20.30, spettacolo tragicomico contemporaneamente in lingua italiana e francese
Spettacoli
1 gior
Stewart Copeland, Irene Grandi e le streghe della Val d’Ossola
Debutta in luglio ‘The Witches Seed’, opera lirica dell’ex Police con inserti rock dell’interprete italiana e canzoni di Chrissie Hynde dei Pretenders
Spettacoli
1 gior
Springsteen torna in tour nel 2023: toccherà Svizzera e Italia
‘The Boss’ si esibirà al Letzigrund di Zurigo il 13 giugno 2023. Prevista anche una data a Monza il 25 luglio 2023. Biglietti in vendita da lunedì
Scienze
1 gior
I pianeti con due soli ospitali per la vita
Lo indica uno studio pubblicato su Nature dal gruppo dell’Università di Copenaghen guidato da Jes Kristian Joergensen
Spettacoli
2 gior
Fedez e J-Ax fanno pace e lanciano un festival gratuito a Milano
Una lunga chiamata fra i due ha risolto una serie di dissidi ed è sfociata nella proposta di tenere un evento di beneficenza il 28 giugno in piazza Duomo
Società
2 gior
Un cinema itinerante per i bimbi ucraini
In collaborazione con il Border Crossing Children’s Film Festival, Castellinaria presenta tre giornate di proiezioni
Società
2 gior
Il cinema svizzero parla quattro lingue, ma ride in due
La ‘settima arte’ oltre Gottardo vista con gli occhi, e la cinepresa, di un regista ticinese. Fulvio Bernasconi, da Lugano alla fama internazionale
© Regiopress, All rights reserved