laRegione
l-osi-kowalski-e-la-musica-dalla-polonia-bigotta
OSI /Filippo Fratoni
Robert Kowalski, Konzertmeister dell’Osi
laR
 
16.01.22 - 17:26
Aggiornamento : 18:21

L’Osi, Kowalski e la musica dalla Polonia bigotta

Primo concerto della stagione in Auditorio dell’Orchestra della Svizzera italiana. Alla guida dell’Osi, il Konzertmeister Robert Kowalski

di Enrico Colombo
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Gli eccellenti archi dell’Orchestra della Svizzera italiana sono tornati davanti al pubblico raffinato dell’Auditorio Stelio Molo, nonostante la pandemia in corso. Solo due terzi della sala erano occupati: parecchie dunque le assenze fra i fedelissimi di questi concerti. Sul palco ben distanziati tra loro ho contato ventotto strumentisti, ma degli interpreti dell’Ottetto indicati sul programma di sala qualcuno intanto era venuto a mancare. Esecutori e ascoltatori portavano le mascherine antivirus con rigore e il concerto si è svolto senza pausa.

Robert Kowalski, Konzertmeister della nostra Orchestra e violinista del Quartetto Szymanowskj, oltre al compito di direttore e solista ha avuto anche quello di scegliere il programma del concerto: ha colto l’occasione per far conoscere al nostro pubblico due compositori del Novecento con retroterra di violinisti e legati al suo Paese, la Polonia.

Grazyna Bacewicz (1909-1969), considerata la più importante compositrice polacca, si forma al Conservatorio di Varsavia, poi a Parigi, dove segue i corsi di composizione di Nadia Boulanger. È attiva in Polonia come violinista e insegnante di conservatorio, ciononostante la sua produzione come compositrice è imponente: il catalogo delle sue opere conta un centinaio di numeri, ma almeno altrettante opere sono fuori catalogo. Kowalski ha scelto il suo Concerto per orchestra d’archi del 1948, che è suddiviso in tre tempi classici, Allegro, Andante, Vivo e mostra un impiego esperto di tutti gli strumenti.

Assai diversa la biografia dell’altro compositore, Mieczyslaw Weinberg (1919-1996). Nasce a Varsavia da una famiglia ebrea di origine moldava, e il padre violinista favorisce la sua educazione musicale. Si diploma al Conservatorio nel 1939, quando lo scoppio della guerra lo costringe a fuggire verso est, prima Minsk poi a Taskent. Conosce Sostakovič, che diventa suo mentore e suo protettore. Come compositore sovietico subisce le dovute angherie delle autorità politiche, ma alla fine trionfa e nel 1980 riceve il titolo di Artista del Popolo. Merita di essere ricordato ai cinefili che sua è la colonna sonora del film “Quando volano le cicogne” apparso nel 1957. Kowalski ha scelto di lui una “Rapsodia su temi moldavi” per violino e orchestra d’archi del 1949. Una musica intrigante, che mi ha ricordato i personaggi dei quadri di Chagall.

Il concerto si era aperto con il botto: Due pezzi per ottetto d’archi (Prélude e Scherzo) op. 11 di Dmitrij Sostakovič. Un brano complesso e bellissimo, composto nel 1925, quando il musicista ha 19 anni e non teme ancora Stalin e tutte le censure di un regime dittatoriale. È stato eseguito in modo stupendo da otto strumentisti bravissimi, forse commossi di ritrovare il pubblico davanti.

Anche il secondo brano in programma è stato composto da un diciannovenne, ma un secolo prima. Il Rondò per violino e orchestra d’archi D 438 di Franz Schubert è del 1816: “Un’oasi di felicità melodica proveniente da un mondo romantico, cancellato dagli orrori delle guerre di cui sono stati testimoni i compositori polacchi e sovietici scelti da Kowalski” ha scritto Giovanni Gavazzeni sul programma di sala.

Guardiamo le date e i luoghi: il 1948 e il 1949, quando il terrore di Hitler è scomparso, ma quello di Stalin è all’apice. Bacewicz è a Varsavia, Weinberg è a Mosca sotto la protezione di Sostakovič, che sta lavorando al suo Quartetto op. 83, fatto di tre Allegretti e di un Andantino: un’oasi di dolcezza apparente. È difficile capire il rapporto dei compositori con il regime totalitario, che conculca la loro creatività. Nel giudicare le loro opere si è talvolta tentati di usare il termine neoclassicismo per quello che, più schiettamente, si dovrebbe chiamare bigottismo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
musica orchestra svizzera italiana
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
8 ore
Una locomotiva pardata per legare Festival e Ffs
Inaugurata alle Officine di Bellinzona la locomotrice che per un anno porterà Locarno in giro per la Svizzera
Spettacoli
13 ore
Eric Clapton ha il Covid: niente concerti a Zurigo e Milano
‘SlowHand’ è risultato positivo dopo l’esibizione alla Royal Albert Hall di Londra. I concerti dovrebbero essere recuperati entro l’anno
Spettacoli
22 ore
Eurovision, provaci ancora Marius
Marius Bear è un talento che va preservato. E ‘Boys Do Cry’ non ha colpe. Anzi
Spettacoli
1 gior
Netflix prepara il suo ingresso nelle trasmissioni ‘live’
Diversi i progetti nel cassetto del colosso dello streaming, che dovrebbe iniziare con un reality show con comici dal vivo
Scienze
1 gior
Appuntamento con l’eclissi. Ma sarà una levataccia per vederla
Domani in cielo ci sarà la ‘Superluna’ rossa: il fenomeno inizierà alle 5.29 e raggiungerà il suo apice alle 6.14
Video
Spettacoli
1 gior
Eurovision, Kalush: ‘Ci vediamo nel 2023, nell’Ucraina libera’
All’alba, dopo la vittoria, la conferenza stampa. Oleh, il leader: ‘Pronto a tornare a combattere’. Zelensky su Telegram: ‘L’anno prossimo a Mariupol’
Spettacoli
2 gior
L’Ucraina ha vinto l’Eurovision Song Contest 2022
Straripante il televoto per la Kalush Orchestra di ‘Stefania’. Gran Bretagna al secondo posto. Poi la Spagna
Video
Spettacoli
2 gior
Madonna dell’Eurovision pensaci tu (la scaletta della finale)
C’è Sanremo, ci sarà anche una santa protettrice dell’Eurosong. Che stasera ci faccia vincere Marius (attenzione: contiene video di Cristiano Malgioglio)
Società
2 gior
Carola Rackete è tornata, ed è a Chiasso
Il dopo-Salvini, l’attivismo ambientale al nord e il ‘no’ a Frontex al centro del dibattito prima di ChiassoLetteraria
Spettacoli
2 gior
Eurovision: al Museo della Rai, aspettando la finale
Dopo giorni e giorni di canzoni, pensieri divagatori e nostalgiche visioni da un luogo (interattivo) per audiofili e nostalgici del tubo catodico
© Regiopress, All rights reserved