laRegione
Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
1. tempo
(0-0)
Aarau
0
Xamax
0
1. tempo
(0-0)
Langnau
1
Lugano
3
1. tempo
(1-3)
Ginevra
2
Zurigo
0
1. tempo
(2-0)
Friborgo
2
Bienne
0
1. tempo
(2-0)
Davos
2
Berna
0
1. tempo
(2-0)
Zugo
2
Ajoie
0
1. tempo
(2-0)
Olten
1
Zugo Academy
0
1. tempo
(1-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
0
1. tempo
(2-0)
Ticino Rockets
0
Langenthal
3
1. tempo
(0-3)
Sierre
1
GCK Lions
1
1. tempo
(1-1)
grigioni-il-lungo-addio-alla-torre-rossa-di-origen
Keystone
14.01.22 - 14:190
Aggiornamento : 15:45

Grigioni, il lungo addio alla torre rossa di Origen

La struttura continuerà a ospitare eventi culturali fino al 2023. In programma uno spettacolo sull’imperatrice Irene di Bisanzio e il Requiem di Brahms

La torre rossa sul Passo del Giulia, nei Grigioni, sarà smantellata a fine agosto 2023. Fino ad allora, la Fondazione Origen proporrà eventi per darle un lento addio. La torre doveva infatti essere smantellata già nell’autunno 2020 ma siccome non si è potuto usarla per circa quindici mesi a causa della pandemia, la vita della torre-teatro è stata prolungata. “Fino ad allora, l’effimera costruzione deve essere usata il più possibile”, ha risposto Origen a Keystone-Ats.

Lo spettacolo musicale “Empress Irene”, che inizierà il prossimo 8 febbraio, tratta dell’iridescente imperatrice Irene di Bisanzio (752-803) la quale, grazie ad astuti intrighi, ad abilità diplomatiche e a un infallibile senso del potere, rimase sul trono per decenni. Il sottile dramma familiare vedrà in scena l’Hamburg Ballet e l’Ensemble Vocal Origen.

Alla fine di marzo sarà recuperato il Deutsches Requiem di Johannes Brahms. L’evento era stato annullato per ben due volte nel 2020 a causa della pandemia. Sotto la direzione di Clau Scherrer, nei mesi di marzo e aprile l’Ensemble Vocal Origen canterà il Deutsches Requiem nella cosiddetta versione londinese.

L’alternativa a Mulegns

Se tutto andrà secondo i piani, la Fondazione Origen disporrà presto di una valida alternativa alla torre del Giulia. Il Post Hotel Löwe di Mulegns (GR) è attualmente in fase di ristrutturazione. Origen vi ha già investito 2 milioni di franchi e sta lavorando al finanziamento di altri 3,2 milioni. In futuro, il complesso ospiterà un albergo, un museo del viaggio e una pasticceria.

La fondazione sta progettando anche la “Torre Bianca” di Mulegns, una costruzione realizzata interamente in calcestruzzo con una stampante 3D, in collaborazione con il Politecnico di Zurigo. Il 7 febbraio, il Comune di Surses deciderà sulla revisione del Piano regolatore. Se l’esito sarà positivo, Origen presenterà la domanda di costruzione per una struttura da 3,5 milioni di franchi. Anche in questo caso, analogamente a quella in legno del Giulia, questa torre dovrebbe essere smantellata dopo cinque anni. L’edificio disporrà di spazi per installazioni artistiche e per spettacoli teatrali.

TOP NEWS Culture
Spettacoli
11 ore
‘La mia vita raccontata male’, Claudio Bisio a Chiasso
Sabato 5 febbraio alle 20.30 e domenica 6 febbraio alle 17, al Cinema Teatro, attingendo dal patrimonio letterario di Francesco Piccolo
Cinema
12 ore
Campion, Spielberg, Branagh tra i candidati al premio regia DGA
La Directors Guild of America ha scelto i candidati al suo premio per il miglior regista, indicatore per gli Oscar
Rsi
14 ore
Confederation Music fa bene alla vista (le Sessions)
Live, in alta qualità audio e video, tra la tv e il Tubo. Da oggi fino al 25 febbraio. Spiega tutto Marco Kohler
Spettacoli
20 ore
‘3/19’, l’incontro tra due mondi di Silvio Soldini
Il regista italo-svizzero ci racconta il suo nuovo film con protagonista Kasia Smutniak
Culture
1 gior
Frammenti di memoria
Le cose, anche le più minute, risvegliano sentimenti, avvicinano un mondo da scoprire nuovamente.
L'intervista
1 gior
Ambrogio Sparagna, la taranta come terapia di gruppo
‘La musica è l’antidoto al male che viviamo’: sabato al Sociale, il virtuoso dell’organetto, musicista ed etnomusicologo con l’Orchestra Popolare Italiana
Cinema
1 gior
Giornate di Soletta, ‘Wet Sand’ e gli altri vincitori
Un festival di storie intime, autentiche, raccontate nei tanti documentari in gara, e i premi hanno confermato questo trend.
La recensione
2 gior
Un piccolo gioiello chiamato ‘Aucune idée’
Dal ritmo comico e irresistibile, sottilmente beffardo, l’ultima pièce di Christophe Marthaler. Vista martedì scorso al Lac.
Jazz Cat Club
2 gior
Il violino di Elia Bastida, dal classico al virtuosismo jazz
Lunedì 31 gennaio alle 20.45, per il Jazz Cat in trasferta al Sociale, la 27enne violinista catalana con il trio del contrabbassista Joan Chamorro
Spettacoli
2 gior
Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini
Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
© Regiopress, All rights reserved