laRegione
05.01.22 - 08:30
Aggiornamento: 09:11

Rsi, il San Silvestro di Flavio Sala (e di Zoom)

Buoni ascolti per la commedia dialettale ‘Se la va la gh’a i röd’ e per la trasmissione di intrattenimento Tuttinsieme

rsi-il-san-silvestro-di-flavio-sala-e-di-zoom

Poco più del 40 per cento per la commedia in dialetto e il 56 per cento per lo speciale Tuttinsieme: la vigilia dell’ultimo dell’anno televisivo ha premiato la Rsi (e Teleticino che, con Radio Ticino e Radio 3i ha collaborato allo speciale) con un’importante quota di mercato e, raggiungendo, per Tuttinsieme, 85mila schermi e mille case della Svizzera italiana, il massimo concesso dalla piattaforma Zoom, connesse alla diretta televisiva, in un’iniziativa di tv aperta al pubblico che la Rsi definisce, in un comunicato, “un esperimento riuscito”.

La Rsi parla di “tradizione e innovazione”, riferendosi alla commedia dialettale e alla trasmissione d’intrattenimento che ha affrontato come meglio poteva la situazione sanitaria che ancora una volta ha bloccato i festeggiamenti in piazza. Tuttavia se è vero che da lungo tempo il San Silvestro della Rsi è caratterizzato dalla commedia dialettale, la Compagnia Flavio Sala ha cercato un rinnovamento all’interno di questa tradizione, prima con ‘Un altro bel garbüi’ (del 2018) e poi con ‘Se la va la gh’a i röd’ che è stata trasmessa lo scorso 31 dicembre e che riprende gli stessi personaggi, iniziando dal meccanico scapolo impenitente Nando interpretato dallo stesso Sala. Lo spettacolo è del 2020, ma come molte produzioni dal vivo ha dovuto affrontare le varie ondate pandemiche con relative chiusure e, nonostante il passaggio alla Rsi – e la disponibilità, su Rsi Play, per ancora qualche settimana –, Flavio Sala ci ha spiegato che lo spettacolo non ha ancora esaurito il suo percorso teatrale e avrà ancora delle repliche prima che si inizi a lavorare a una nuova produzione.

Si diceva dell’innovazione: ci muoviamo ovviamente all’interno di un genere fortemente codificato dal quale non ci si può allontanare più di tanto, per cui la base rimane sempre quella, una commedia degli equivoci leggera, con personaggi fortemente caratterizzati, per non dire sterotipati, che affrontano varie disavventure fino al lieto fine che risolve tutte le magagne. All’interno di questo spazio, Flavio Sala (attore e regista) e Gionas Calderari (autore) – e dovremmo aggiungerci, per la versione televisiva, il regista Alberto Meroni che ha fatto un buon lavoro nel mediare tra l’impianto teatrale e un prodotto a suo modo cinematografico – hanno innanzitutto modernizzato un po’ i personaggi, senza stravolgerli. Così la classica figura della fidanzata petulante che organizza cene con i genitori, convivenze e perché no anche matrimoni e figli diventa una capace e determinata meccanica con un soprannome che dice tutto, Toyota (interpretata da Rosy Nervi), e un discorso simile lo si può fare anche per i comprimari Federer e Sac a Poche (Moreno Bertazzi e John Rottoli). Già che parliamo di attori: anche qui troviamo la volontà di riprendere una lunga tradizione portando un po’ di innovazione, visto che la compagnia ha fin dall’inizio radunando un cast variegato, con quelle che si possono tranquillamente definire “colonne portanti” del teatro dialettale ticinese (come Leonia Rezzonico e Sandra Zanchi) e alcuni tra i volti più conosciuti dell’intrattenimento radio-televisivo (Rosy Nervi e ovviamente il poliedrico Flavio Sala).

Anche dal punto di vista linguistico si è passati dal classico “dialet de la feruvia”, lingua franca, al lasciare spazio alle varietà locali e anzi dando loro un ruolo con la stretta parlata di Biasca di Toyota-Rosy Nervi. In questo, e senza voler disincentivare il pubblico che non avesse ancora visto ‘Se la va la gh’a i röd’ dal vivo in una sala, va detto che la versione televisiva ha un punto di forza: i sottotitoli in italiano che, nella loro traduzione talvolta edulcorata, aggiungono ulteriore comicità.

Per quanto riguarda la storia: l’impianto è come detto quello tradizionale della commedia degli equivoci, il giusto attualizzata – anche nelle battute che si susseguono con buon ritmo – per non risultare troppo lontana dalla sensibilità moderna ma senza deludere il pubblico più tradizionalista. È un equilibrio difficile e se certo a qualcuno non dispiacerebbe qualche scelta più audace, d’altra parte i cambiamenti più duraturi sono sempre quelli graduali.IAS

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
1 ora
Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian
La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
4 ore
È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda
Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
7 ore
Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna
Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Spettacoli
14 ore
‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’
Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
22 ore
Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione
Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
La recensione
1 gior
Osi al Lac, un memorabile Prokof’ev
La sala ha potuto godere di un bel programma dedicato al grande compositore. Eccezionale interpretazione di Marc Bouchkov
Settimane Musicali
1 gior
Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall
Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Spettacoli
2 gior
Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil
Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
2 gior
Louise Nevelson ‘painted it black’
Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Culture
3 gior
Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury
Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
© Regiopress, All rights reserved